RecensioniRecensione di Bones & All: Taylor Russell è uno...

Recensione di Bones & All: Taylor Russell è uno straordinario dramma inquietante e tiepido

-


Bones and All, diretto da Luca Guadagnino da una sceneggiatura di David Kajganich, è molte cose: una storia d’amore, una storia di formazione, un film sulla solitudine e, a volte, un horror. Quest’ultimo è l’aspetto più debole del film, e Guadagnino si immerge nelle acque del genere prima di ritirarsi. Ma mentre Bones and All è troppo contenuto per essere un vero film dell’orrore, c’è profondità da trovare negli altri suoi aspetti. Spesso languido e sorprendentemente inquietante, Bones and All non è sempre forte, ma è sostenuto da una grande interpretazione da protagonista di Taylor Russell ed eccelle nella sua esplorazione della connessione umana.

Adattato dal romanzo di Camille DeAngelis, Bones and All racconta la storia di Maren (Taylor Russell), un’adolescente diversa dalle altre. È una solitaria, ma il pubblico capisce subito perché: Maren è una cannibale e lo è dalla nascita. Suo padre (André Holland) lo ha sempre saputo e hanno dovuto spostarsi da un posto all’altro per tenersi al sicuro. Dopo che Maren compie 18 anni, suo padre la abbandona, lasciandola a badare a se stessa. Da sola per la prima volta, Maren incontra per la prima volta Sully (Mark Rylance), che le insegna le basi: come e quando nutrirsi, nonché quali vittime scegliere per non attirare l’attenzione su di sé. Maren in seguito incontra Lee (Timothée Chalamet), un altro cannibale solitario con la sua serie di problemi personali. I due intraprendono un viaggio per trovare la madre di Maren, il tutto mentre si innamorano.

Taylor Russell in Ossa e tutto

Bones and All è esaltato dalla performance di Taylor Russell, che è tranquilla e discreta, ma piena di sfumature e una profondità che suggerisce molta contemplazione. La sceneggiatura del film è piuttosto scarna, ma Russell ne estrae molto. Mark Rylance nei panni di Sully è inquietante e magnetico nonostante le intenzioni del personaggio. L’attore si adatta facilmente alla stranezza di Sully e trasforma le sue scene in quelle più intense che il film ha da offrire.

Il film può sembrare piuttosto senza scopo a volte, specialmente nel mezzo quando inizia a serpeggiare, ma si ritrova nella sua esplorazione della connessione umana e di ciò che la solitudine – unita a un senso di diritto e sessismo – può fare a qualcuno che è stato vicino se stesso per molto tempo. Le persone non sono fatte per essere sole, e sebbene non ci sia un profondo senso di comunità tra i cannibali, Maren trova conforto e amore con Lee, e il loro legame si rafforza grazie a quello che sono. In questi momenti, la storia vola mentre permette ai due personaggi di conoscersi, crescere e forse rendersi conto che possono continuare a vivere ai margini della società fintanto che hanno l’un l’altro.

Taylor Russell e Mark Rylance in Bones and All

Sebbene il film non sia un vero horror, ci sono elementi e momenti della storia che possono essere piuttosto ossessionanti, indugiare e aggrapparsi ai personaggi e influenzare i loro viaggi emotivi. Detto questo, Bones and All avrebbe potuto beneficiare di un’ambientazione più macabra, se non altro per rendere gli eventi del film più agghiaccianti nel tentativo di aumentare la tensione, che è piuttosto fiacca. Guadagnino, che in precedenza ha diretto Chiamami col tuo nome, non si impegna completamente con la profondità che emerge in superficie e il personaggio di Chalamet, insieme alla sua interpretazione, non ha abbastanza sincerità per far funzionare tutto.

Eppure, Bones and All rimane guardabile e coinvolgente quando la sua attenzione si rivolge all’interno e verso i personaggi. I loro viaggi personali, in particolare quello di Maren, possono essere inebrianti e riflessivi, pieni di dolore e speranza, bellezza e rabbia. Il film diventa noioso dopo un po’ prima di riprendersi e, mentre dispiega i suoi strati, trova l’umanità, l’amore e la speranza che sono intrisi della sua storia.

Bones and All è uscito nelle sale nazionali mercoledì 23 novembre. Il film dura 131 minuti ed è classificato R per contenuti forti, sanguinari e inquietanti, linguaggio ovunque, alcuni contenuti sessuali e brevi nudità esplicite.

Ultime News

Seth Rogen condivide i suoi pensieri schietti su un revival di Freaks & Geeks

Seth Rogen ha una risposta schietta per coloro che sperano ancora in un revival di Freaks and Geeks....

Five Nights At Freddy’s Movie finalmente iniziano le riprese con la prima immagine dei BTS

Le riprese del film Five Nights at Freddy sono finalmente iniziate dopo un lungo periodo di limbo di...

Paddington 3 riceve un aggiornamento scoraggiante da Ben Whishaw

Paddington 3 riceve un aggiornamento molto deludente da Ben Whishaw, che dà la voce all'orso amante della marmellata....

Il creatore di Last Of Us ha avuto una reazione sorprendentemente emotiva ai veri clicker

Il co-creatore di The Last of Us della HBO, Neil Druckmann, ricorda la sua reazione emotiva nel vedere...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te