Asiatica Film Mediale

Recensione di All Dirt Roads Taste Of Salt: il debutto di Jackson è visivamente magnifico [Sundance]

Recensione di All Dirt Roads Taste Of Salt: il debutto di Jackson è visivamente magnifico [Sundance]
Marco

Di Marco

25 Gennaio 2023, 04:10


A volte arriva un film che è trasformativo, viscerale e così commovente da far rimanere senza fiato con la profondità dell’emozione e della sensibilità che racchiude. Il primo lungometraggio di Raven Jackson, All Dirt Roads Taste of Salt, è un’esperienza meravigliosa ed evocativa che richiede la massima attenzione. Raccontato nel corso di molti decenni e generazioni, l’approccio non lineare di All Dirt Roads Taste of Salt richiede pazienza e lo sviluppo del personaggio è un po’ scarno, ma il film è sbalorditivo, stimolante e toccante, con ogni fotogramma eseguito con amore .

La storia segue Mack (Charleen McClure) dall’infanzia all’età adulta mentre sperimenta la perdita, l’amore, il crepacuore e tutto il resto. Il film è ambientato nelle zone rurali del Mississippi a partire dagli anni ’70 e si sposta avanti e indietro nel tempo per mostrare il viaggio di Mack. Dal suo legame con sua sorella alla sua storia d’amore con uno dei suoi amici d’infanzia e lezioni da sua madre (Sheila Atim di The Woman King), All Dirt Roads Taste of Salt è incentrato sull’attivazione dei sensi e sulla messa in mostra dei sentimenti attraverso il tatto e la natura.

Il film salta da un momento all’altro, ma Jackson si fida che il pubblico ascolti il ​​film e capisca cosa sta succedendo. Questi sono scorci della vita di Mack: tutti i momenti importanti che hanno plasmato la sua vita montati insieme per creare un ritratto. Il film è profondamente significativo, tutto teneri carezze e mani che si muovono, si toccano, sentono e desiderano ardentemente essere tenuti, abbracciati, amati. Le scene indugiano. Jackson non ha fretta di passare al momento successivo.

Piuttosto, desidera che il pubblico si avvolga nel film usando tutti i sensi, per sentire la terra, le emozioni, l’ambientazione e il potere del significato dietro di loro in relazione alla storia generale. A tal fine, il film è trascendente e bello, anche se a volte arduo. Il film richiede pazienza perché il ritmo è lento, ma costante. Fortunatamente, All Dirt Roads Taste of Salt non esagera con il suo benvenuto, lasciando un’impronta sugli spettatori osando essere audaci nella sua narrazione. La performance dell’esordiente Charleen McClure è eccezionale e migliora davvero il film mentre l’attrice esplora le sfumature del suo personaggio.

La visione di Jackson è fiduciosa. Si muove sicuramente attraverso ogni momento, utilizzando i primi piani – su volti, mani, terra, alberi e così via – per dare vita alla storia del film. In una scena, Mack e la sua cotta d’infanzia e fidanzato adolescente, Wood (Reginald Helms Jr.), si abbracciano. È chiaro che non si vedono da un po’. Ora adulti, le loro vite hanno preso strade diverse. Il loro lungo abbraccio pieno di lacrime mette in mostra i rimpianti che hanno per ciò che avrebbe potuto essere, così come il loro amore reciproco. Questo particolare momento è commovente, gentile ed emotivo, evocando un senso di perdita che può sopraffare.

All Dirt Roads Taste of Salt chiede al pubblico di riflettere sulla vita nel sud rurale per Mack e la sua famiglia, su come li modella e li influenza e, soprattutto, su come la terra è parte di loro tanto quanto lo sono loro. Il film è uno squisito trionfo della narrazione visiva e uditiva. I suoni dei grilli echeggiano, le foglie frusciano e l’acqua, che scorre e cade, è un personaggio a sé stante. Il modo in cui la storia è girata è quasi lirico, con Jackson che si prende molta cura di ogni singolo momento; tutto è propositivo, ritmico nei suoi flussi e riflussi. Visivamente, il film è sbalorditivo e il direttore della fotografia Jomo Fray sfrutta al massimo lo scenario lussureggiante.

Semmai, l’approccio non lineare del film non è sempre la sua caratteristica più forte. A volte è difficile valutare dove si trova Mack nella sua vita perché la storia va avanti e indietro nel passato così spesso. Non è chiaro se alcune parti della storia di Mack siano attuali o se siano accadute nel suo recente passato. È l’unica cosa che trattiene il film. A causa di questo approccio alla sua narrazione, anche gran parte dello sviluppo del personaggio è andato perduto. Il film è più uno screenshot di momenti specifici e di grande impatto, e ci vuole un po’ per legare tutto insieme. Tuttavia, queste cose possono essere trascurate perché l’audace debutto di Jackson è altrimenti un orologio sontuoso, tranquillo e meditativo. Jackson è sicuramente un regista da tenere d’occhio.

All Dirt Roads Taste of Salt è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival del 2023 il 22 gennaio. Il film dura 92 minuti e non è ancora stato valutato.


Potrebbe interessarti

Recensione di Animalia: il debutto ipnotico di Alaoui è ambizioso e stimolante [Sundance]
Recensione di Animalia: il debutto ipnotico di Alaoui è ambizioso e stimolante [Sundance]

Sofia Alaoui, vincitrice del Gran Premio della Giuria per il cortometraggio al Sundance Film Festival 2020, ha presentato il suo lungometraggio, Animalia, il 20 gennaio. Contiene immagini straordinarie grazie al direttore della fotografia Noé Bach e una colonna sonora inquietante di Amine Bouhafa. Una lettera d’amore all’inquisizione esistenziale e alla dissezione di classe, il film […]

Girl Review: il sincero debutto di Onashile in Trauma & Parenthood è tenero [Sundance]
Girl Review: il sincero debutto di Onashile in Trauma & Parenthood è tenero [Sundance]

Il film d’esordio di Adura Onashile, Girl, incentrato sulla dinamica di una madre iperprotettiva e di una figlia curiosa, è un delicato racconto del trauma e del raggiungimento della maggiore età. Con temi così pesanti, è impressionante che il regista esordiente li gestisca con tanta passione e precisione. Ma lo fa con tale grazia e […]