RecensioniRecensione di Alice: Keke Palmer è eccellente in un...

Recensione di Alice: Keke Palmer è eccellente in un dramma disordinato e sottosviluppato [Sundance]

-


Nel debutto cinematografico di Krystin Ver Linden, lo sceneggiatore-regista porta una storia che sta cercando di fare troppo con un tempo limitato. Alice, su una donna schiava che scopre che c’è un mondo completamente diverso oltre i confini della piantagione, offre una solida performance centrale di Keke Palmer e non molto altro. Il film ha troppe cose da fare e gran parte di esso non si fonde bene insieme, con Alice che non ha abbastanza tempo per svilupparsi prima del grande finale del film.

Alice (Palmer) è una schiava nella Georgia anteguerra, la “domestica” preferita del crudele proprietario della piantagione Paul Bennett (Jonny Lee Miller), che ha insegnato ad Alice a leggere solo per potergli leggere. Alice è sposata con Joseph (Gaius Charles) ed entrambi sognano di scappare insieme. Anche se questa idea sembra senza speranza per i loro amici e la loro famiglia, Alice sente che c’è qualcosa di più grande là fuori che l’aspetta. Si avvicinano ulteriormente ai loro piani dopo aver appreso che il nonno di Joseph ha visto un uomo cadere dal cielo con indosso abiti insoliti. Quando le cose vanno storte e Joseph viene catturato, Alice fugge da sola, correndo attraverso i boschi fino a quando non raggiunge un’autostrada nel 1973 e viene quasi investita da Frank (Common), un camionista che la riporta a casa sua in un’offerta aiutare. Alice deve adattarsi all’essere negli anni ’70 e trama la sua vendetta contro Paul.

Keke Palmer in Alice

Alice si sente così spesso fuorviante e vuota, girando selvaggiamente da un tono stabilito a uno completamente diverso dopo che il personaggio principale è esploso fino al 1973. La svolta nella sequenza temporale non è sufficiente per mantenere a galla il film, soprattutto perché la prima mezz’ora ha molto direzione più stabile e fa bene a gettare le basi di ciò che verrà. Ma piuttosto che esplorare in modo più completo cosa significa per Alice essere in un secolo diverso e libera, il film è irremovibile nel rimuovere le cose il più rapidamente possibile per arrivare alla sua conclusione. Il fatto che Alice non viva negli anni ’70 per più di un giorno prima che impari tutto sul presente e affronti il ​​suo passato rende il finale molto meno completo per quanto riguarda lo sviluppo del suo personaggio.

Quando Alice decide che tornerà per vendetta, il film rasenta l’essere più sciocco che serio. Alice prende una pagina da Coffy di Pam Grier per vendicarsi con stile di Paul e, sebbene sia un chiaro omaggio ai film di blaxploitation, è un momento che non si sente particolarmente a suo agio in Alice. È una combinazione strana e non gestita molto bene. Alla fine è la performance di Keke Palmer a dare credibilità a tutte le emozioni che Alice sta provando. Mentre Alice si fa strada attraverso la storia dei neri, aggiornandosi su tutto ciò che è accaduto – dalla proclamazione di emancipazione al movimento per i diritti civili – gli occhi e le espressioni facciali di Palmer fanno molto per trasmettere lo shock, il sollievo, la felicità, la frustrazione e il totale rabbia che prova il suo personaggio. Ed è solo attraverso la sua eccezionale interpretazione che Alice viene redenta.

Keke Palmer e Common in Alice

Common ha molto meno materiale con cui lavorare e Frank è un personaggio molto più passivo nonostante sia un attivista da dieci anni. Frank ha qualche tensione con suo fratello, ma è sottosviluppata quanto le sue ragioni per mettere brevemente in discussione la missione di Alice. La performance di Common ne risente. A parte il ritratto di Palmer, la storia è per il resto ovunque, con Ver Linden che tenta di fare troppe cose contemporaneamente in un film che avrebbe potuto impiegare molto più tempo per rimpolpare adeguatamente il suo arco narrativo. Qualsiasi corretto sviluppo del personaggio e la creazione di nuove relazioni è trascurato e oscurato dalla parte del thriller di vendetta del film, che sembra appiccicato per fornire una conclusione sbalorditiva.

Si può apprezzare ciò che Ver Linden sta cercando di fare in Alice, ma il terzo atto sostituisce lo stile alla sostanza, il che danneggia gravemente il film e il viaggio di Alice in esso, soprattutto perché porta a un finale che sembra più sensazionalistico di ogni altra cosa. Palmer è fantastico in un film che aveva bisogno di più profondità e tempo per permettere ad Alice di acclimatarsi all’ambiente circostante. Senza quello, lascia il realismo e il nucleo emotivo di Alice carenti mentre vira selvaggiamente nel caos di una nota.

Alice è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2022 e l’uscita è prevista per il 18 marzo 2022. Il film dura 100 minuti e non è ancora stato valutato.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

La nostra valutazione:

2 su 5 (Ok)

Ultime News

James Gunn accenna ai suoi piani DCU con Kingdom Come Image

Il co-CEO dei DC Studios James Gunn accenna ulteriormente ai suoi piani per il DC Universe condividendo un'altra...

L’attore di Daredevil Sister Maggie si unisce a Daredevil: Born Again

L'attrice Joanne Whalley parla della ripresa del suo ruolo di Daredevil nella prossima serie Disney+ Daredevil: Born Again....

Hazbin Hotel Series rilascia il primo sguardo a Lucifero

La prossima serie A24 Hazbin Hotel pubblica il suo primo sguardo a Lucifer Morningstar, il padre di Charlie....

La cosa di mercoledì scatenata per le strade di New York in un video esilarante

La cosa di mercoledì affronta New York City in un nuovo video di Netflix. L'animale domestico di...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te