RecensioniRecensione di Achoura: un horror marocchino oscuro e contorto...

Recensione di Achoura: un horror marocchino oscuro e contorto con qualche singhiozzo

-


Ci sono sempre state storie, nate dalla mitologia e dal folklore, che vengono raccontate ai bambini (per farli addormentare, tenerli a letto o per togliersi dai guai). A volte, queste storie possono indurre un incubo a causa dell’immaginazione attiva dei bambini, ma niente è più terrificante di una storia apparentemente innocua che prende vita. È il caso di Achoura, un thriller horror marocchino diretto da Talal Selhami da una sceneggiatura di Selhami, Jawad Lahlou e David Villemin.

Achoura segue Ali (Younes Bouab), Nadia (Sofiia Manousha) e Stéphane (Iván González), che sono ossessionati dalla scomparsa del loro amico e fratello di Ali, Samir (Omar Lotfi) 25 anni prima. Tuttavia, quando Samir torna miracolosamente, la verità su ciò che è accaduto diventa più chiara quando si rendono conto che, a modo loro, hanno dimenticato o soppresso ciò che è realmente accaduto nella casa francese infestata e abbandonata in cui Samir è scomparso. Presto sono in una battaglia per la loro vita contro un djinn rapitore di bambini che si risveglia durante la festa islamica dell’Ashura.

Il film è un horror d’atmosfera su un potente jinn che si nutre di bambini innocenti. I bambini che sopravvivono all’incontro se ne dimenticano nel tempo, ma l’imbroglione trova ancora un modo per incoraggiare i bambini ignari a liberarlo in modo che possa continuare a banchettare. Fan di Issa Lopez Le tigri non hanno paura, Jennifer Kent Il Babadook, di Stephen King ESSO e Guillermo del Toro’s Labirinto di Pan troverò Selhami’s Achoura altrettanto innamorato. Il film parla dell’ingenuità dei bambini mentre l’oscurità del mondo tenta di distruggerli e rubare la loro innocenza. Proprio come tutti questi film parlano di questioni e temi molto più ampi, Achoura non è diverso. È inquietante e inquietante, con una costante sensazione di sventura che è sempre presente in ogni fotogramma. C’è una cupezza tangibile nel film che lascia che lo stress e l’ansia della situazione si inaspriscano all’interno, e quel disagio può essere catturato solo da un team creativo eccezionale.

Il film cattura l’attenzione del pubblico fin dall’inizio, con un’apertura inquietante giustapposta a bambini che ridono e si godono i festeggiamenti. La regia di Selhami, insieme alla fotografia di Mathieu de Montgrand, trasporta gli spettatori nel pittoresco Marocco, offrendo immagini di pura gioia e insondabile oscurità. La cinematografia di Montgrand è notevole in quanto aiuta la facile transizione per il djinn creato in CGI, creando un ambiente in cui può esistere insieme agli attori senza sentirsi fuori posto o stridente. La colonna sonora di Romain Paillot aggiunge uno strato di suspense e fantasia oscura. I loro sforzi congiunti creano un horror davvero coinvolgente e suggestivo avvolto nell’oscurità che gioca con la propria immaginazione.

Va notato che la produzione su Achoura avvenuta prima delle riprese dei recenti adattamenti cinematografici di Stephen King’s ESSO di Andy Muschetti. Ci sono forti parallelismi con la storia di Pennywise e il Club dei Perdenti, e altre immagini distraentemente simili, che minacciano di fare un disservizio a Achoura. Tuttavia, per quanto riguarda queste somiglianze, il film offre uno sguardo unico sul folklore di un’altra cultura. Le storie sulle paure, sui traumi e sulla perdita dell’innocenza non sono uniche per gli scrittori americani, ma possono essere fonte di distrazione se ci si preoccupa di vedere qualcosa di diverso e più ricco di rilevanza culturale. Inoltre, il film, sebbene ben realizzato, inciampa nel suo terzo atto mentre tenta di concludere lo scontro finale tra gli adulti e il djinn che li caccia. Con una narrazione promettente e interpretazioni eccezionali, il film è a tentoni sotto la pressione di reggersi da solo.

La narrazione del film ruota attorno alla festa religiosa di Ashura e alla pratica tradizionale che coinvolge i bambini che ballano intorno a un falò lanciandosi acqua l’uno contro l’altro. L’apertura prende atto di ciò in quanto è rilevante per il modo in cui i protagonisti interagiscono con il djinn in seguito, ma il film non collega mai veramente i due pezzi insieme in modo efficace. Il retroscena del djinn è ampio, ma i personaggi non sembrano mai comprendere appieno contro cosa hanno a che fare e come devono sconfiggere il djinn. Non è solo il film che inciampa verso le sue conclusioni, ma anche i protagonisti gravemente sottosviluppati. Selhami, Lahlou e Villemin fanno abbastanza per dare a questi personaggi una spinta e uno scopo, ma la sceneggiatura nel suo insieme manca di quel tessuto connettivo che unisce tutti gli elementi.

Nonostante qualche piccolo intoppo, Achoura è ancora un’esperienza utile. È un’opportunità per approfondire l’orrore delle regioni del mondo che stanno anche attingendo alla ricchezza di storie che provengono dal mito, dalla cultura, dalla storia e dalla religione. Achoura non è affatto un brutto film, anzi, al contrario. C’è del potenziale per la carriera di Selhami come scrittore-regista horror poiché la sua visione e ambizione brillano luminose attraverso il suo film.

Achoura è stato distribuito su DVD e piattaforme digitali da Dark Star Pictures negli Stati Uniti il ​​14 dicembre 2021. Dura 90 minuti e non è classificato.

Date di rilascio principali Achoura (2021)Data di rilascio: 14 dicembre 2021

Ultime News

L’immagine del film in flash mostra uno sguardo più da vicino al vestito di Barry Allen del multiverso

Una nuova immagine del film The Flash mostra uno sguardo ancora più ravvicinato all'abito di Barry Allen nel...

Potrebbe mai accadere uno show televisivo Avatar? James Cameron risponde

L'acclamato regista e creatore del franchise Avatar, James Cameron, risponde alla possibilità di una serie televisiva Avatar in...

Il Khan di Star Trek sta ancora causando una tragedia della Flotta Stellare

Attenzione: SPOILER per Star Trek: Prodigy Stagione 1, Episodio 16 - "Preludi"Khan Noonien Singh (Ricardo Montalbán) è morto...

Jaskier’s Witcher: Blood Origin Return spiegato dall’attore

Joey Batey spiega il ritorno di Jaskier in The Witcher: Blood Origin. La serie fantasy Netflix The...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te