Asiatica Film Mediale

Recensione della domenica di Pasqua: la commedia incentrata sulla famiglia di Jo Koy delude

Recensione della domenica di Pasqua: la commedia incentrata sulla famiglia di Jo Koy delude
Marco

Di Marco

06 Agosto 2022, 23:21


Una commedia richiede un ottimo tempismo comico e una storia che si attenga alla sua premessa principale senza deragliare. Nella transizione di Jo Koy da cabarettista a star del cinema, la domenica di Pasqua si rivela un progetto deludente per lui e fallisce l’intero cast e la narrativa che sta cercando di raccontare. La commedia sta semplicemente cercando di fare troppo. La sua storia è di natura semplice, ma quando introduce una sottotrama che coinvolge debiti e un ridicolo strozzino che vuole disperatamente i suoi soldi, la domenica di Pasqua diventa un pasticcio inventato che devia da ogni elemento che avrebbe potuto rendere questo film molto più di quanto non sia .

Jo Valencia (Koy) è un attore in difficoltà. Conosciuto soprattutto per uno spot pubblicitario di birra, Jo è sul punto di ottenere un ruolo da co-protagonista in una nuova sitcom, ma i dirigenti dello studio non lo assumeranno a meno che non accetti di fare un falso accento filippino (a cui sostiene di averne già uno e si rifiuta di farlo). Nella sua vita personale, Jo ha una relazione alquanto tesa con suo figlio Junior (Brandon Wardell), che è frustrato dal fatto che suo padre non abbia mai abbastanza tempo per lui. Quando arriva il weekend della domenica di Pasqua, Jo e Junior si dirigono a nord, a Daly City, per trascorrere le vacanze con la famiglia di Jo, inclusa la madre Susan (Lydia Gaston), che sta litigando con sua sorella (Tia Carrere), e il cugino Eugene (Eugene Cordero). , che deve molti soldi a Dev Deluxe (Asif Ali).

Joey Guila), Elena Juatco, Eugene Cordero, Jo Koy, Tia Carrere, Melody Butiu e Lydia Gaston nella domenica di Pasqua

Quando si tratta di tutti gli aspetti familiari e culturali del film, la domenica di Pasqua funziona. La sceneggiatura è piena di umorismo, specialmente nei momenti in cui Jo interagisce con sua madre e altri membri della famiglia. Litigano, ridono, discutono di problemi familiari e mangiano. È una gioia guardarli. In queste scene, non si può fare a meno di sentire il calore che trasuda dallo schermo. Quindi è un peccato dire che questi elementi del film sono dove finisce il divertimento. Il film si sforza troppo di elevarsi al di là di una semplice commedia sulla famiglia. La sottotrama che coinvolge Eugene e il suo debito è del tutto superflua in un film che avrebbe potuto concentrarsi maggiormente sulle dinamiche familiari. La lotta di Susan con sua sorella è vaga ed è facile vedere le idee allegate a ciascuna di queste trame che alla fine falliscono completamente nell’esecuzione.

Ciò che manca al film sono i momenti con il vero cuore. Nei suoi tentativi di includere così tante trame, i personaggi finiscono per mancare di profondità. Le caratterizzazioni mal disegnate e le scene non sufficienti che esplorano il rapporto di Jo con ciascuno dei membri della sua famiglia trasformano la domenica di Pasqua in un noioso orologio, che è solo in qualche modo alleviato dal fascino di Koy. C’è così tanto potenziale perso qui. I film degli ultimi tempi non riescono a smettere di inserire un po’ di violenza o brevi scene d’azione nel tentativo di aggiungere eccitazione a un film che, molto spesso, non ne ha bisogno. Il regista Jay Chandrasekhar, lavorando su una sceneggiatura di Ken Cheng e Kate Angelo, avrebbe potuto scartare l’intera storia di Eugene per creare tensioni e conflitti altrove e la domenica di Pasqua sarebbe stata tanto meglio.

Eugene Cordero e Jo Koy nella domenica di Pasqua

Tutto sommato, la commedia non sembra interamente incentrata sulla famiglia, il che sminuisce e mina la premessa e i personaggi interessanti. La storia è semicotta, come se i realizzatori stessero lanciando idee al muro per vedere cosa si sarebbe attaccato, e l’umorismo non riesce a impressionare o lasciare un segno indelebile sul suo pubblico. La domenica di Pasqua inizia abbastanza bene prima di uscire completamente fuori pista, troppo preoccupato per aspetti della storia che non vanno bene e non contano, sacrificando di conseguenza i suoi personaggi e le loro relazioni reciproche.

La domenica di Pasqua è uscito nelle sale il 5 agosto 2022. Il film dura 96 ​​minuti ed è classificato PG-13.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

La nostra valutazione:

2 su 5 (Ok)


Potrebbe interessarti

Recensione di Stowaway: un grande cast non può superare una sceneggiatura poco entusiasmante
Recensione di Stowaway: un grande cast non può superare una sceneggiatura poco entusiasmante

I film di Heist offrono alcune delle migliori esperienze di visione quando si tratta di emozionare il pubblico con suspense e intrighi. Spesso, questi tipi di film sono accompagnati da una buona quantità di sequenze d’azione e affascinanti retroscena per tutte le parti interessate. Declan Whitebloom, noto per la sua vivace narrazione nei video musicali […]

Rise Of The Teenage Mutant Ninja Turtles: The Movie Review – Voce in franchising divertente
Rise Of The Teenage Mutant Ninja Turtles: The Movie Review – Voce in franchising divertente

Cowabunga! C’è una nuova divertente avventura per le Teenaged Mutant Ninja Turtles. Questo ultimo film d’animazione – L’ascesa delle tartarughe ninja mutanti: il film – continua gli avvenimenti delle turbolente tartarughe combattenti della loro serie animata. La serie stessa è stata un cambiamento considerevole rispetto a ciò che i fan avevano precedentemente saputo essere vero […]