Asiatica Film Mediale

Recensione del salone di Huda: il thriller palestinese non è all’altezza del suo potenziale

Recensione del salone di Huda: il thriller palestinese non è all’altezza del suo potenziale
Marco

Di Marco

05 Marzo 2022, 00:56


Il film del 2021 Huda’s Salon ha una premessa avvincente: un thriller ambientato in Palestina e vede una donna ricattare una giovane madre facendola diventare una spia. Tutti i pezzi sono lì per il cinema accattivante: spionaggio, tradimento, interessi contrastanti, pericolo e, naturalmente, pathos. È un’idea che dovrebbe funzionare e lo sceneggiatore, regista e produttore Hany Abu-Assad offre alcuni momenti memorabili e immagini ispirate. Eppure Huda’s Salon va avanti incespicando, non del tutto all’altezza del potenziale. L’ambientazione e lo sfondo sociopolitico sono intriganti ed eccitanti. Sfortunatamente, Abu-Assad fallisce nell’esecuzione complessiva del film.

L’acclamata attrice palestinese Maisa Abd Elhadi recita in Salon di Huda nei panni di Reem, una madre frustrata intrappolata in una situazione disperata. Reem ha una figlia neonata nelle sue cure e si sta allontanando dal marito esigente e controllante. Il suo parrucchiere, Huda (Manal Awad), la droga, scatta foto suggestive e poi dice a Reem che deve lavorare per i servizi segreti o affrontare le conseguenze della divulgazione di quelle foto. Sebbene Reem se ne vada rapidamente, il suo aspetto sconvolto attira l’attenzione dei rivoluzionari e la situazione si aggrava rapidamente, con ripercussioni potenzialmente devastanti.

Il Salone di Huda offre uno sguardo su un mondo che il pubblico occidentale non vede spesso e Abu-Assad si occupa di costruire il mondo di Reem. Porta sua figlia ovunque, portata infagottato in un cesto. Il pubblico la vede salire sui mezzi pubblici, aspettare in uno studio medico e servire la cena ai suoceri. È una visione intima della sua vita che mostra quanto sia vulnerabile come madre con un bambino così nuovo e fragile nelle sue cure. A suo merito, la performance di Elhadi qui è forte, bilanciando la paura viscerale e la rabbia palpabile con la moderazione, dando vita a Reem. Nonostante molti momenti emotivi, Reem non si presenta mai come sopraffatto. Incorniciato come uno studio sul personaggio, Huda’s Salon è un ritratto sfumato della maternità, visto attraverso l’obiettivo di una donna palestinese, ma come thriller manca di denti.

Sfortunatamente, Huda’s Salon è goffo nella sua narrazione, essendo troppo pesante con i suoi temi di genere e non dedicando abbastanza tempo a creare tensione e posta in gioco. Il film si trasforma rapidamente in una suspense lenta e scomoda che puzza di terrore e disperazione. Quello che sta succedendo a Reem sembra ingiusto, ma anche senza speranza, ed è difficile rendere questo tipo di storia “emozionante”. Si può fare: ci sono molti film a combustione lenta che sono ai vertici del cinema – mi vengono in mente Read Window e Vertigo – ma Huda’s Salon non riesce a creare slancio, invece, cadendo in una noia alla deriva. Fin dall’inizio, la storia sembra diretta verso una conclusione inevitabile; il viaggio deve sembrare sostanziale e significativo poiché il corso è sostanzialmente impostato.

Reem è un giocatore passivo in gran parte del Salone di Huda, non per colpa sua. Il film inquadra la sua circostanza come terribile, ma anche essenzialmente inevitabile. Non ha fatto nulla per meritarsi quello che le sta succedendo e non c’è praticamente nulla che possa fare per evitare di essere risucchiata in un conflitto di cui non vuole far parte. È davvero una tragedia. Inframezzata dalla trama principale c’è la storia di Huda; lei stessa è stata ricattata per farla lavorare per i servizi segreti, ma da vittima si è trasformata in carnefice, costringendo altre – e molto più innocenti – donne a lavorare con i servizi segreti. Ci sono vantaggi in questo lavoro, ma le conseguenze dell’essere scoperti sono mortali. Tuttavia, la trama di Huda non offre un contrappunto convincente a quella di Reem e il risultato è una storia sconnessa.

Il Salone di Huda cerca anche di dipingere un quadro di quanto la vita soffocante e opprimente possa essere per le donne nella Palestina occupata. Il film si apre con una breve storia della regione, affermando che la vita è più difficile per le cittadine. Questo messaggio sociale è ammirevole, ma non è costruito a sufficienza per avere un impatto e molte delle interazioni – destinate a raccogliere simpatia per Reem e altre donne palestinesi – suonano vuote. In definitiva, Huda’s Salon è il caso di un concetto eccitante che non può mantenere il proprio slancio.

Huda’s Salon è uscito nelle sale statunitensi il 4 marzo 2022. Dura 91 minuti ed è classificato R per contenuti violenti e nudità.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

La nostra valutazione:

2,5 su 5 (abbastanza buono)


Potrebbe interessarti

The Long Walk Review: una storia di fantasmi contemplativa e che sfida il genere
The Long Walk Review: una storia di fantasmi contemplativa e che sfida il genere

Mattie Do, la regista laotiana che è diventata la prima e unica regista donna del Laos con il suo film Dearest Sister, torna con The Long Walk (titolo originale Bor Mi Vanh Chark), il suo terzo film. Nel suo ultimo, scritto da Christopher Larsen, Do fonde i generi per creare una storia sottile e di […]

Recensione di Lucy e Desi: Poehler batte il suo debutto nel documentario fuori dal parco
Recensione di Lucy e Desi: Poehler batte il suo debutto nel documentario fuori dal parco

Amazon è andato all-in su Lucille Ball e Desi Arnaz con Being The Ricardos di Aaron Sorkin, candidato all’Oscar. Anche se costellato di stelle, quest’anno non è stato il miglior film sul duo comico, né il miglior film che Amazon ha pubblicato su di loro. Quel superlativo appartiene al rivelatore Lucy e Desi, il debutto […]