RecensioniRecensione del drago di mio padre: uno splendido film...

Recensione del drago di mio padre: uno splendido film d’animazione basato sull’empatia

-


Gli estimatori dell’arte dell’animazione dovrebbero avere familiarità con Cartoon Saloon e chiunque non lo sia ha davanti a sé un viaggio visivo molto divertente. Lo studio irlandese impegnato nell’animazione 2D disegnata a mano aveva quattro lungometraggi all’attivo prima della loro ultima uscita, My Father’s Dragon, in particolare un trio ispirato al folklore irlandese. Questo nuovo film in uscita su Netflix, un adattamento dell’omonimo libro del 1948 diretto da Nora Twomey, è forse il più facilmente accessibile fino ad oggi e il più direttamente rivolto al pubblico più giovane. È anche un’affermazione che il loro marchio è degno della fiducia che gli spettatori offrono ai più grandi nomi dell’intrattenimento di tutte le età al loro meglio. Se Song of the Sea è emotivamente più complesso e Wolfwalkers visivamente più ornato, My Father’s Dragon opera con una chiarezza di intenti così ben calibrata che rischia di essere data per scontata. Bello, commovente e dotato di una metafora avvincente della genitorialità, il film di Twomey è sincero nel modo in cui lo sono i film Pixar e Ghibli, il che lo rende una scelta degna per una serata al cinema in famiglia.

Il film inizia con Elmer (Jacob Tremblay) e sua madre, Dela (Golshifteh Farahani), costretti da una depressione economica a chiudere il loro idilliaco emporio di una piccola città e trasferirsi nella grande città per ricominciare. Desiderosa di alleviare lo stress della precarietà e dello sconvolgimento di suo figlio, Dela dà a Elmer l’impressione che presto le cose saranno come prima: devono solo risparmiare un po’ e saranno in grado di acquistare un nuovo negozio in pochissimo tempo . Lui le crede e cerca di fare la sua parte, ma essere giovane non lo rende uno stupido e presto si accorge della difficile realtà della loro situazione. Frustrato dal fatto che sua madre sembri disposta a rinunciare al loro sogno, la spinge per la verità. Sopraffatta, lei esplode e ammette di aver mentito, a beneficio suo ma anche per lei. Elmer scappa, determinato a raccogliere i soldi di cui hanno bisogno da solo. Questa sezione del film occupa più spazio del consueto prologo e in effetti fa molto di più che apparecchiare la tavola per quello che segue. Ancora lo spettatore alla realtà prima che venga gettato nella fantasia.

I personaggi e le loro relazioni sono catturati in un modo gentile, veritiero e toccante, e la posta in gioco emotiva di questo dispositivo di inquadratura aggiunge un peso gradito all’avventura che segue. Fornisce anche la chiave per interpretare la trama principale di My Father’s Dragon. Toccato dalla gentilezza di Elmer, un gatto di strada che prende sotto la sua ala protettrice non solo rivela di saper parlare (con la voce di Whoopi Goldberg), ma di avere una soluzione al suo problema. Sulla lontana Isola Selvaggia, così chiamata per la moltitudine di animali pericolosi che la abitano, un drago è tenuto prigioniero e costretto a impedirgli di sprofondare in mare.

Elmer deve solo salvarlo e riportarlo a casa, dove le persone pagherebbero sicuramente un bel penny per vedere una vera creatura leggendaria sputafuoco. Ma il drago che alla fine incontra non è quello che immaginava. Boris (Gaten Matarazzo), l’età di Elmer in equivalenti anni del drago, è infantile, pauroso e decisamente non sputafuoco. È nel suo viaggio di passaggio per salvare Wild Island, che inizia ad affondare ogni 100 anni, e quando ci riuscirà, spiega, emergerà come un onnipotente After Dragon e otterrà il suo fuoco. L’unico problema è che Boris non ha idea di come salvare l’isola, e mentre attraversano la giungla in cerca di una risposta inseguiti dal formidabile gorilla al comando, Saiwa (Ian McShane), Elmer deve prendere il comando.

Boris ed Elmer ne Il drago di mio padre

My Father’s Dragon non fa alcuno sforzo per nascondere la sua lezione, poiché il rapporto di Elmer con Boris è rapidamente parallelo a quello di sua madre con lui, ma questa chiarezza non deve essere scambiata per semplicità. Il film è sinceramente interessato alla domanda su come affrontare la propria responsabilità nei confronti degli altri quando si vivono momenti difficili e non offre una risposta facile. Elmer impara a fidarsi del suo amico drago nel modo in cui voleva che Dela si fidasse di lui, ma nel suo pseudo-gioco di ruolo, arriva anche a capire l’istinto di sua madre di proteggerlo da verità difficili. Saiwa è anche cruciale in questa esplorazione. Nonostante occupi il ruolo di antagonista, Twomey dà molto spazio al suo punto di vista, e anche se sbaglia imprigionando e sfruttando Boris, My Father’s Dragon non lascia mai che lo spettatore lo condanni per questo. Un film per bambini minore avrebbe potuto posizionarlo come un cattivo – insieme a Elmer e l’irriverente padrona di casa di Dela, la signora McClaren (Rita Moreno) – ma questo non è interessato a etichettare i suoi personaggi come cattivi. Il viaggio tematico è empatico piuttosto che moralistico, e il più grande asporto è il valore di perdonare gli errori quando sono fatti con buone intenzioni.

Il vantaggio di chiedere al pubblico di farsi strada attraverso le idee del film è che accedervi non richiede distanza intellettuale. Essere coinvolti nella narrazione e nei suoi personaggi, come sono soliti fare i bambini, è il punto, e My Father’s Dragon offre loro molto su cui aggrapparsi. La storia in sé è avvincente, una miscela ben bilanciata di dramma e umorismo che segna il confine tra prefigurazione e sorpresa. I personaggi sono animati in modo avvincente in uno stile che riflette le origini del libro per bambini del film e l’approccio visivo conferisce a ciascuno di loro un forte senso di personalità, che il cast vocale dà vita con successo su tutta la linea. L’impatto delle performance di Goldberg, Judy Greer (nel ruolo della balena ridacchiante Soda) e Dianne Wiest (per quanto riguarda la madre rinoceronte Iris) nonostante il tempo sullo schermo relativamente breve è una testimonianza della determinazione della produzione a non sprecare nessun momento o dettaglio. Quella dedizione all’artigianato è qualcosa da celebrare, e un motivo per cui le famiglie ne sono affamate nel loro intrattenimento dovrebbero sempre tenere d’occhio il calendario delle uscite di Cartoon Saloon.

My Father’s Dragon è uscito nelle sale limitate il 4 novembre ed è disponibile su Netflix l’11 novembre. Il film dura 99 minuti ed è classificato come PG per alcuni rischi.

Ultime News

I poster dei personaggi di The Last Of Us mostrano uno sguardo dettagliato al cast

I poster dei personaggi di The Last of Us appena pubblicati offrono ai fan uno sguardo dettagliato al...

Jenna Ortega non ha davvero battuto ciglio mercoledì?!

Avvertimento! Questo articolo contiene lievi SPOILER per il mercoledì di Netflix Per aggiungere alla sua natura spettrale,...

La rivelazione di Rainbow Road del film Super Mario Bros. lo rende molto migliore

L'ultimo trailer di The Super Mario Bros. Movie presenta una rivelazione di Rainbow Road, che fa molto per...

Perché la grande rivelazione di Wakanda Forever è avvenuta nei titoli di coda

Il montatore di Black Panther: Wakanda Forever Michael P. Shawver spiega perché è stata presa la decisione di...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te