RecensioniRecensione del conteggio di tre: una commedia nera straordinariamente...

Recensione del conteggio di tre: una commedia nera straordinariamente empatica

-


La commedia nera è per natura un genere teso. Ci saranno sempre coloro che si opporranno all’esprimere tabù sociali, soprattutto in modo umoristico, ma sembra particolarmente così in questo momento culturale attuale. Anche se il discorso politico che circonda la cosiddetta “cultura dell’annullamento” è esagerato (e più applicabile ai provocatori meschini), questa è un’epoca di avvertimenti sui contenuti, in cui lo spettatore medio è molto più consapevole di come le rappresentazioni sullo schermo di alcuni gli argomenti possono avere un impatto sugli altri membri del pubblico. Per avere successo oggi, le commedie nere richiedono un tocco più empatico, e questa è esattamente la parola che descrive meglio Il conte di tre. Anche se più debole in una metà rispetto all’altra, il debutto alla regia di Jerrod Carmichael è notevole, non per aver percorso la linea sottile tra commedia e dramma, ma per far sembrare che quella linea non sia mai esistita davvero.

On the Count of Three inizia con una rapida occhiata alla sua configurazione semplice e morbosa: due amici d’infanzia, Val (Carmichael) e Kevin (Christopher Abbott), stanno con le pistole puntate l’uno contro l’altro a bruciapelo, pronti a commettere doppio simultaneo -suicidio. Ritornare a quella mattina prima rivela che Val, disilluso dal suo lavoro e avendo appena terminato la sua relazione a lungo termine con Natasha (Tiffany Haddish), ha fatto uscire Kevin dall’ospedale per questo scopo. Dopo anni di cure per malattie mentali senza alcun sollievo, Kevin aveva cercato di togliersi la vita tre giorni prima e Val riferisce che, quando ha appreso la notizia, quella linea di pensiero aveva un senso per lui. Anche se non si oppone allo schema, Kevin chiede un ultimo giorno di vivere senza conseguenze, consentendo ai due di affrontare i loro traumi passati e l’insoddisfazione presente con più onestà di quanto forse non abbiano mai fatto.

Jerrod Carmichael, Christopher Abbott e JB Smoove ne Il conte di tre

Come ci si aspetta da una commedia nera, una sinossi scritta lascia poco spazio all’umorismo, anche se nel film c’è molto. Val e Kevin hanno modi molto diversi di percepire il mondo e, anche se sono uniti nello scopo, sceglierebbero chiaramente di affrontarlo in modi molto diversi da soli. Kevin è onesto e crudo, il suo dolore è una ferita aperta che non esita a condividere con il mondo, e la sua abitudine di attraversare i confini quando parla evoca risate quasi come una risposta riflessiva allo shock. Val, nel frattempo, è chiuso e insensibile, la sua visione cinicamente ironica ha apparentemente eroso ogni senso di significato nella sua vita. Le sue osservazioni confezionate come battute possono sembrare sia pungentemente divertenti che scomodamente vere. Kevin denuncia l’incapacità stereotipicamente maschile di Val di essere aperto sui suoi sentimenti; Val prende in giro la tendenza di Kevin a essere quasi performativo nei suoi confronti. C’è un’onestà nel modo in cui si stimolano a vicenda che è la differenza tra il film che fa luce su un problema serio e i personaggi che cercano (e spesso falliscono) di farlo da soli.

L’altro filone principale della commedia in On the Count of Three è situazionale, ed è qui che il film è relativamente meno equilibrato. La prima metà del film contiene due sequenze, una ambientata durante l’ultimo giorno di lavoro di Val e l’altra che coinvolge un incontro casuale con qualcuno del passato di Kevin, che sono sia dolorosamente esilaranti che esilarante dolorose. Proprio come le battute troppo vere di Val, giustappongono irritazioni familiari a una profonda angoscia mentale, ma l’oscuro senso dell’umorismo appartiene al mondo del film stesso. C’è anche un’onestà qui, e le risate dello spettatore derivano dall’essere confrontati con quanto vicini sembrino questi momenti a quelli che potrebbero aver incontrato nelle loro stesse vite. Tuttavia, la distanza tra le esperienze dei personaggi e la realtà quotidiana cresce con il progredire della narrazione. Anche se non arriva mai al punto di perdere il suo pubblico, la seconda metà del film ne risente sicuramente.

Jerrod Carmichael e Christopher Abbott ne Il conte di tre

Curiosamente, Carmichael sembra anticipare questo problema nella sceneggiatura e lavora per controbilanciarlo riproducendo diverse sequenze completamente dirette. Attraverso il suo uso attento del colore e la volontà di catturare i suoi attori al lavoro, costruisce un tono che gli consente comodamente di passare dalla commedia al dramma e viceversa a piacimento. Usa le stelle della commedia affabili e carismatiche in Haddish, Henry Winkler (interpretando lo psichiatra d’infanzia di Kevin) e JB Smoove (interpretando il padre separato di Val) contro il tipo, schierandole in scene in cui l’intenzione principale non è quella di provocare risate. In questo modo, Carmichael mantiene il film con i piedi per terra il più a lungo possibile, un flex del talento cinematografico che si trova insolitamente in un film d’esordio. Anche se non riesce a sostenere gli alti che raggiunge all’inizio, il successo di On the Count of Three rispetto alla sua ambizione è davvero impressionante, e coloro che non sono delusi dalla sua stessa premessa non si pentiranno di averlo cercato.

On the Count of Three è uscito in digitale e in sale selezionate il 13 maggio. Il film dura 86 minuti ed è classificato R per violenza, suicidio, linguaggio pervasivo e alcuni riferimenti sessuali.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

La nostra valutazione:

3,5 su 5 (molto buono)

Ultime News

Chris Pratt parla emotivamente della fine della trilogia MCU di GOTG

Chris Pratt si apre sulla fine della trilogia di film della sua squadra cosmica con Guardiani della Galassia...

E se Superman avesse rispedito Zod nella Zona Fantasma in Man of Steel

L'uomo d'acciaio di Zack Snyder si è concluso con la controversa decisione di far uccidere a Superman il...

Avengers: Endgame Directors affronta il possibile ritorno dell’MCU

Anche se sembra aver concluso il loro mandato con il finale di Infinity Saga, i registi di Avengers:...

L’attore del Dr. Boggs prende in giro l’arco che altera la mente nella terza stagione di Evil

Kurt Fuller di Evil sta anticipando un arco narrativo che altera la mente per il suo personaggio, il...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te