Asiatica Film Mediale

Quantum Of Solace è esattamente ciò di cui il legame di Craig aveva bisogno dopo Casino Royale

Quantum Of Solace è esattamente ciò di cui il legame di Craig aveva bisogno dopo Casino Royale
Erica

Di Erica

11 Dicembre 2022, 18:15


Nonostante la sua reputazione di “scarto della cucciolata” tra i più grandi pantheon dei film di James Bond, Quantum of Solace è invecchiato in una sorta di interessante valore anomalo nella corsa di Daniel Craig come 007, offrendo dimensioni uniche e utili all’arco narrativo del personaggio iconico dopo Casinò Regale. Notoriamente prodotto durante lo sciopero della Writers Guild del 2007, Quantum of Solace è stato rilasciato con un’accoglienza mediocre, in particolare all’ombra del suo predecessore. I molti detrattori della puntata citano il suo tono cupo, il montaggio frenetico e la trama poco chiara come contributi decisivi al “crollo del secondo anno” di Daniel Craig come 007.

Mentre è certamente vero che Quantum of Solace è un film di Bond molto più cupo, questa era esattamente l’intenzione – e una necessità imposta dal tragico finale di Casino Royale. Dopo il tradimento e la conseguente morte di Vesper Lynd (Eva Green), l’amore della vita di Bond, qualunque film di Bond sia seguito non poteva semplicemente “tornare alla normalità” dal punto di vista tonale, stilistico, strutturale o altro. Sebbene davvero imperfetto, Quantum of Solace è comunque la sbornia spirituale di cui Craig’s Bond aveva bisogno dopo gli eventi di Casino Royale; prova senza precedenti che anche il James Bond “più duro” potrebbe essere ferito emotivamente a un livello da cui non può semplicemente riprendersi dal prossimo film.

Quantum Of Solace colloca lo spettatore nella testa di James Bond

Con Casino Royale che ha già fatto un tale successo per umanizzare Bond più che mai, semplicemente nascondere le conseguenze della morte di Vesper sotto il tappeto non era un’opzione per il futuro. Pertanto, il seguito del film rappresenta il primo vero sequel del franchise di Bond, con Quantum of Solace che si svolge solo un’ora dopo. Di conseguenza, lo spettatore viene, per la prima e unica volta, catapultato direttamente nello spazio mentale di un Bond colto a metà di un arduo processo di lutto. Così, dal primo minuto, il film sfreccia attraverso le trappole altrimenti familiari del film Bond come un guidatore con un desiderio di morte.

La trama di Quantum non riguarda i veri cattivi che Bond scopre e contrasta, antagonisti le cui motivazioni sono macguffin più grandi che mai. Piuttosto, si tratta principalmente di Bond alle prese con la propria furia e disperazione irrisolte, costretto contemporaneamente a rimanere “funzionale” mentre si fa strada nel sonno attraverso qualunque missione successiva il suo lavoro richieda. Alla fine, non è solo questa mentalità stranamente sconosciuta di Bond che distingue così straordinariamente il film di James Bond, ma i metodi precisi che il regista Marc Forster sceglie per esprimerlo allo spettatore.

Quantum of Solace è quanto Bond ha di più vicino a un film d’essai

Se l’assenza dei tradizionali punti di Bond come Q e Moneypenny non fosse un’ulteriore soffiata, Quantum of Solace non opera secondo le stesse regole strutturali o stilistiche che ci si aspetta dai film di Bond. Per quanto riguarda i componenti chiave come ambiziosi set d’azione e luoghi esotici, il tipico formato del “film di Bond” diventa invece una sorta di meccanismo di coping deviante per lo stesso Bond mentre subisce un conflitto interiore più interiore. Con questa idea in mente, i “bug” del film come il montaggio disorientante e la nebulosità narrativa diventano caratteristiche, replicando come si sente Bond in questo singolare incrocio del franchise.

Mentre il film di Bond più breve di tutti i tempi va avanti a una velocità vertiginosa, la sua intenzione principale è quella di mostrare la sfocatura dell’incoscienza ubriaca nella mente di Bond. Se gli spettatori dovessero trovarsi ad avere problemi a capire la trama esatta del film, è perché lo è anche Bond. Se scoprono di non essere così preoccupati per le motivazioni di Mr. White o Dominic Greene di Quantum mentre si verificano, è perché nemmeno Bond lo è. Se Quantum of Solace nel complesso sembra un sogno febbrile nebuloso e nichilista, allora ancora una volta c’è una risposta prevista: si sente così anche per James Bond.

Senza Quantum Of Solace, l’arco di James Bond di Daniel Craig è meno significativo

Il tema del dolore e del crepacuore non è esattamente la parte dei film di Bond che il pubblico apprezza di più, ma l’arco di Daniel Craig come Bond umanizzato ha richiesto i suoi minimi affinché i suoi massimi diventassero davvero i massimi della serie. Senza usare una storia separata per esplorare uno 007 lanciato inequivocabilmente fuori dal suo gioco, l’importanza di Vesper nella vita di Bond quando il terzo atto di Casino Royale è sminuito. Senza vederlo messo a dura prova, il ritorno in servizio di Bond in Skyfall sembra in qualche modo non guadagnato. Senza vedere quanto sia profonda la cicatrice che la morte di Vesper gli ha lasciato, Bond che sceglie di rispecchiare il suo sacrificio di sé alla fine di No Time To Die viene privato del suo significato conclusivo.

Quantum of Solace ha la sua parte di evidenti difetti, soprattutto rispetto alle puntate precedenti e successive. Le sue differenze di tono e ritmo sono stridenti e la sua combinazione di una storia centrale meno importante e un tempo di esecuzione veloce lascia notevolmente meno punti d’appoggio per l’investimento del pubblico. Inoltre, si conclude con una vignetta in qualche modo distaccata in cui Bond rintraccia il ricattatore di Vesper e gli risparmia la vita, un arco di “film di vendetta” condensato e familiare che probabilmente si addice a un lungo epilogo a Casino Royale. Tuttavia, nella maggior parte dei film di Bond interconnessi di Daniel Craig, c’è ancora un meta-commento riconoscibile da fare sull ‘”anno libero” di Bond sia come personaggio che come franchise.


Potrebbe interessarti

Superman è la principale priorità dei DC Studios in futuro, afferma James Gunn
Superman è la principale priorità dei DC Studios in futuro, afferma James Gunn

Il nuovo capo, sceneggiatore e regista dei DC Studios, James Gunn, ha recentemente affermato che Superman è ancora una delle principali priorità per il futuro. Dopo la fusione di WarnerMedia e Discover, Inc. ad aprile, DC Films ha subito un’importante ristrutturazione che ha portato alla cancellazione di diversi progetti importanti, incluso il film Batgirl quasi […]

Ryan Reynolds non sarebbe tornato come Lanterna Verde per Snyder, dice Gunn
Ryan Reynolds non sarebbe tornato come Lanterna Verde per Snyder, dice Gunn

Il nuovo co-CEO dei DC Studios James Gunn ha rivelato che Ryan Reynolds non aveva mai intenzione di riprendere il ruolo di Lanterna Verde nell’Universo DC, nemmeno per il regista Zack Snyder. Reynolds ha ricoperto il ruolo da protagonista nel film pre-DCU del 2011 Green Lantern, un flop critico e commerciale che detiene ancora un […]