Notizie Film"Quando c'è la magia, tutto è possibile": il DP...

“Quando c’è la magia, tutto è possibile”: il DP del Cavaliere Verde

-


Prima di girare il fantasy medievale di David Lowery “The Green Knight”, che viene proiettato questa settimana all’EnergaCamerimage Film Festival, il direttore della fotografia Andrew Droz Palermo ha guardato tutti i film di Re Artù che ha potuto trovare, racconta Variety.

“Per me, questi film tendono sempre ad essere grigi, desaturati. Ma volevamo fare qualcosa di moderno, anche per quanto riguarda il casting di Dev Patel come protagonista”.

Mentre Gawain lascia Camelot, costretto a sostenere la sua parte della sfida, Droz Palermo si è rivolto ad “Apocalypse Now” per l’ispirazione, trovando alcune somiglianze tra il suo calvario e quello del capitano Willard di Martin Sheen.

“Anche lui perde la testa nel corso di questo viaggio. Volevamo che fosse un po’ allucinante, un po’ psichedelico. Non credo che questo film si spinga all’estremo da questo punto di vista, ma diventa sempre più strano. Continuavamo a chiederci: ‘La gente penserà che sia morto?'”, dice, menzionando l’uso del colore e dell’illuminazione di Vittorio Storaro.

Si può sentire il calore della giungla”. Quando Willard incontra il colonnello Kurtz, è coperto di sudore. Volevo davvero un po’ di questa sensazione alla fine del film”.

“The Green Knight” segna la seconda collaborazione per Droz Palermo e Lowery dopo “A Ghost Story”, che ha guadagnato notorietà grazie alla sua sequenza di diversi minuti di Rooney Mara che divora una torta dopo la tragica scomparsa del suo amante.

“Ho capito il valore di quell’inquadratura in “A Ghost Story”. Puoi davvero andare da qualche parte con il suo dolore”, dice.

“Questa volta, c’era un’inquadratura di Gawain che lascia Camelot sul suo cavallo, con i bambini che gli corrono dietro, su cui ho interrogato David un paio di volte. Non vedevo il valore della sua lunghezza. Ma lui è stato molto fermo al riguardo. ‘No – rimane’. Alla fine, ho notato le sottigliezze nella performance di Dev. Si può vedere il suo orgoglio che si consuma”.

La fluidità del tempo era un altro filo conduttore tra i due film.

“In ‘A Ghost Story’ il tempo accelerava, ci potevano essere cento anni tra le inquadrature. Qui, quando Gawain arriva finalmente alla Cappella Verde, immagina il futuro: viene incoronato, mette al mondo un bambino, lo vede crescere e diventare un bambino. Questo sembrava molto simile ed è la mia parte preferita. Mi piace quanto viene detto senza una sola parola”.

I molti incontri a sorpresa di Gawain sulla strada per incontrare il suo avversario hanno rappresentato una sfida tonale, dice Droz Palermo, ammettendo che in origine il film doveva essere più comico.

“Doveva aprirsi con Dev che scende una scala a chiocciola, le campane della chiesa che suonano, sarebbe stato Natale e lui avrebbe vomitato. Poi, e l’abbiamo anche girato, guardava direttamente nell’obiettivo e faceva l’occhiolino. È un miserabile, un vero pezzo di merda, ma pensa di essere così affascinante”, dice.

“Quando incontra il Signore e la Signora [played by Joel Edgerton and Alicia Vikander], la situazione è davvero al limite della commedia. Nel film, la scena del loro addio è piuttosto aggressiva. Joel afferra il viso di Dev e lo bacia, e sembra che possa diventare violento. Prima, ci stavamo divertendo un sacco, ma non stava funzionando. Apprezzo molto lavorare con uno sceneggiatore-regista che è disposto ad ammettere quando qualcosa non va bene e ad ammettere che non è esattamente sicuro del perché. È un tale dono”.

Nonostante l’ambientazione medievale, anche l’ecologia ha aggiunto un “bello strato” al film, dice Droz Palermo, citando immagini di aree disboscate e persone che abbattono alberi.

“È la modernità al suo peggio”, nota.

“Era qualcosa di cui abbiamo parlato: Come possiamo rendere Camelot più grigia?” Non c’è nulla di vivo al suo interno e persino Re Artù sta marcendo, è alla fine del suo regno. Ma nella primissima inquadratura si vede un po’ di verde che si insinua. Arriverà comunque, non importa quanto cerchi di respingerlo”.

Ma è stato l’aspetto magico della storia di Gawain a catturare davvero la sua attenzione, concedendogli più libertà.

“Quando c’è la magia, tutto è possibile. È un posto divertente dove stare”, dice, elogiando il lavoro della production designer Jade Healy e di Małgosia Turzańska, la costumista che si è incaricata di realizzare tutti i costumi con materiali vegani.

“Posso dipingere all’interno del mondo che hanno già creato”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime News

Le prime reazioni di She-Hulk esaltano Tatiana Maslany nei panni di Jennifer Walters

Questo articolo copre una storia in via di sviluppo. Continua a controllare con noi poiché aggiungeremo ulteriori...

Ezra Miller rompe il silenzio sulle recenti controversie e cerca un trattamento

La star di Flash Ezra Miller ha ufficialmente rotto il loro silenzio a seguito di molteplici controversie legali,...

Courteney Cox conferma di essere avvolta da Scream 6 con il video di Ghostface

Courteney Cox annuncia di aver completato le riprese di Scream 6 con un nuovo divertente video. Un...

Perché la colonna sonora dei ragazzi è intenzionalmente imperfetta spiegata dal co-compositore

Matt Bowen, co-compositore di The Boys, rivela che fa suonare intenzionalmente la colonna sonora imperfetta e spiega perché....

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te