Asiatica Film Mediale

Prey: come Jackie Chan ha influenzato il film prequel di Predator

Prey: come Jackie Chan ha influenzato il film prequel di Predator
Erica

Di Erica

21 Agosto 2022, 17:05


Il regista di Prey, Dan Trachtenberg, ha spiegato come Jackie Chan abbia influenzato l’ultimo film prequel di Predator. Il thriller di fantascienza è stato presentato in anteprima su Hulu all’inizio di questo mese con reazioni positive sia da parte dei fan che della critica, con molti che lo hanno definito il miglior film dall’originale di John McTiernan del 1987, elogiandone le sequenze d’azione, così come il lavoro di Trachtenberg dietro la macchina da presa. Prey porta il franchise in un territorio inesplorato, viaggiando indietro nel tempo di 300 anni per seguire un’abile guerriera Comanche, Naru, e i suoi tentativi di proteggere la sua tribù dall’alieno violento e tecnologicamente avanzato che caccia gli umani per sport. Nel cast Amber Midthunder, Dakota Beavers, Dane DiLiegro, Michelle Thrush, Stormee Kipp e Julian Black Antelope.

Trachtenberg, insieme allo sceneggiatore Patrick Aison, ha creato il concept di Prey nel 2016 e ha iniziato le prime fasi di sviluppo due anni dopo, durante la produzione di The Predator. Il regista ha parlato delle sue varie ispirazioni per la realizzazione del film, discutendo della sua ammirazione per il franchise e recentemente ha rivelato quali aspetti di altre puntate si è sentito obbligato a presentare nell’ultimo capitolo. Ha condiviso che una scena di inseguimento tra gli alberi tra Naru e il Predator è stata previsualizzata per enfatizzare il livello di fisicità introdotto nel film originale, ma che alla fine è stata tagliata dal progetto. Altre ispirazioni per il prequel di Predator includevano God of War e il lavoro del regista Terrence Malick.

Ora, durante un’intervista con The Filmcast, Trachtenberg ha spiegato come Jackie Chan sia stata un’altra influenza per Prey. Nota che il film fa molti riferimenti alla star d’azione e che ha fatto guardare a Midthunder molti dei suoi film per studiare come si comporta ed è in grado di trasmettere informazioni importanti attraverso mezzi diversi dal parlare. Voleva che l’attrice stabilisse la sua fisicità e presentasse il personaggio di Naru come capace senza essere troppo sicuro di sé. Leggi la citazione di Trachtenberg sull’influenza di Chan di seguito:

“Abbiamo fatto molto riferimento a Jackie Chan. Mi sono sicuramente sentito molto a disagio ogni volta che ne parlavo, perché lei diceva, ‘Perché stiamo ancora parlando di Jackie Chan?’ Continuavo solo a farle guardare i film. La cosa che continuavo a mostrarle–ti ricordi in Armor of God, c’è solo un minuscolo pezzo in cui sta masticando una gomma, e lancia la gomma sulla schiena, e questa rimbalza dentro la sua bocca? Ed è come, ‘Oh sì, questo ragazzo è tipo, figo ed è capace di cose.’ È stata una tale sfida con lei trovare un modo in cui tu creda che non è uno zero, non è il nerd che diventa l’eroe.Sta iniziando da un punto in cui c’è competenza fisica, ma non è fino in fondo. Deve guadagnarsi lo stress, deve guadagnarsi i voti, deve passare un po’ di merda.

Quindi, per me, era come come può esserci qualcosa nella sua fisicità che sembra che lei senta che c’è una capacità, ma non è come “Sono il più tosto che mai”. Quindi è nei piccoli tocchi di come alza il tomahawk e taglia, che è stata una delle principali influenze di Jackie Chan. Quello e lei scivolando giù per la montagna e dando il via. Quindi anche in piccoli momenti c’è solo un po’ di spavalda che credi semplicemente al suo centro fisico. Quindi questo era lo scopo principale di farle guardare un milione di film di Jackie Chan, proprio per queste due cose”.

Alla domanda sul futuro dei film di Predator oltre Prey, il regista ha giocato timido, prendendo in giro che l’idea di esplorare la creatura in più periodi di tempo è allettante e che ci sono ancora cose che il franchise deve ancora fare. In precedenza ha anche condiviso che durante la creazione del film, ha dovuto ricordare a se stesso di non guardare troppo avanti. Quando ha toccato la sequenza animata del titolo finale e la rappresentazione delle astronavi che arrivano durante la sconfitta di Naru del Predator, Trachtenberg ha affermato che stavano continuando a raccontare una storia.

È interessante conoscere ciò che ha ispirato Trachtenberg a creare Prey e gli altri possibili riferimenti che sono stati sparsi per tutto il film. Con il supporto dei fan del franchise di Predator, la nuova puntata è diventata il più grande film di Hulu di sempre e merita sicuramente un sequel. Dopo qualsiasi potenziale rewatch, i fan di Prey possono essere sicuri di individuare i suoi cenni a Jackie Chan e possono aspettarsi altre notizie sul futuro del franchise non appena uscirà.

Fonte: The Filmcast


Potrebbe interessarti

Alla battaglia finale di Endgame mancava 1 grande cosa (e come risolverlo)
Alla battaglia finale di Endgame mancava 1 grande cosa (e come risolverlo)

Mentre la battaglia finale in Avengers: Endgame vedeva quasi tutti gli eroi radunarsi contro Thanos e le sue forze, mancava una cosa importante che avrebbe reso la conclusione della Infinity Saga davvero perfetta. Nonostante abbia avuto un ruolo importante nel riunire gli eroi più potenti della Terra nel primo film di Avengers e nei suoi […]

Perché l’agente Smith chiama sempre Neo “Mr. Anderson” in Matrix
Perché l’agente Smith chiama sempre Neo “Mr. Anderson” in Matrix

Mentre il personaggio di Keanu Reeves nel franchise di Matrix è più comunemente noto come Neo, il suo principale rivale, l’agente Smith, è l’unico che lo chiama sempre con il suo nome originale Thomas Anderson. Interpretato da Hugo Weaving (Jonathan Groff in The Matrix Resurrections), l’Agente Smith aveva originariamente il compito di eliminare le Redpill […]