Notizie FilmPossibilità di Oscar per 'Being the Ricardos', la Lucille...

Possibilità di Oscar per ‘Being the Ricardos’, la Lucille Ball di Nicole Kidman

-

- Advertisment -spot_img


Dopo aver rivisitato una fetta di storia degli anni ’60 in “The Trial of the Chicago 7” dello scorso anno, Aaron Sorkin ha rivolto il suo obiettivo a “Being the Ricardos”, catalogando una settimana politicamente tumultuosa negli anni ’50 per Lucille Ball e Desi Arnaz durante il periodo d’oro di “I Love Lucy”. L’Academy of Motion Picture Arts and Sciences cade spesso a pennello per i film sulla vecchia Hollywood, e sarebbe sciocco pensare che abbiano cambiato tono, soprattutto dopo aver visto film come “Mank” di David Fincher raccogliere il maggior numero di nomination alla cerimonia dello scorso anno. Il nuovo film degli Amazon Studios potrebbe seguire una traiettoria simile – competere in tutte le categorie.

Sotto la direzione di Sorkin, “Being the Ricardos” presenta un sacco di risate e simpatia per la nostra rossa preferita nella storia della TV. La Kidman incarna l’essenza di Lucille Ball, specialmente nei suoi manierismi durante le prove e le riprese degli episodi. Può benissimo spezzarvi il cuore, esigendo la simpatia dello spettatore e una nomination come miglior attrice può sembrare quasi certamente nelle carte per lei. Vincitrice dell’Oscar per il suo ruolo della scrittrice Virginia Woolf in “The Hours” di Stephen Daldry (2002), la Kidman ha goduto di una notevole ondata di consensi negli ultimi dieci anni. Dopo la nomination all’Oscar per “Rabbit Hole” (2010), è diventata una beniamina degli Emmy con “Big Little Lies”, e ha esplorato personaggi affascinanti in film come “Stoker” (2013), “Destroyer” (2018) e “Bombshell” (2018). Con quattro noms totali in carriera per la recitazione (tra cui “Moulin Rouge” e “Lion”), Lucy potrebbe aiutarla ad arrivare al numero 5.

Bardem cavalca la linea tra un ruolo principale e uno di supporto, anche se forse senza mostrare la stessa efficacia delle sue co-star. Molto di questo potrebbe essere dovuto al fatto che lui non è cubano e non avrebbe dovuto interpretare questo ruolo. La sua inclusione nel film accentua la questione in corso della rappresentazione latina a Hollywood. Uno studio della USC Annenberg Inclusion Initiative ha scoperto che i latini non si trovano quasi da nessuna parte nei film. Vedere Bardem, uno spagnolo europeo, assumere il ruolo di una venerata figura cubana quando ci sono molti attori disponibili altrettanto, se non più attrezzati per la parte, rimane scoraggiante. Spero che l’Academy riconosca che solo quattro attori latini sono stati nominati per una performance principale negli ultimi 93 anni. Questo non fa sconti sullo status di Bardem nel ramo degli attori. È stato nominato come miglior attore per la sua interpretazione di un altro cubano, il poeta Reinaldo Arenas, in “Before Night Falls” di Julian Schnabel (2000). Con un taglio di capelli minaccioso e una pistola a bulloni, ha vinto l’Oscar come miglior attore non protagonista per il film vincitore del premio “Non è un paese per vecchi” (2007), spazzando i premi precursori di quell’anno. La sua ultima nomination è arrivata come uno degli “shocker” della mattina dell’Oscar nel film messicano di Alejandro G. Iñárritu, “Biutiful” (2010).

Sulla carta, il casting di Simmons come William Frawley, che interpretava “Fred” in “I Love Lucy”, sembrava assolutamente perfetto. Sono passati quasi sette anni da quando Simmons ha vinto il premio come miglior attore non protagonista per “Whiplash” (2014); fa alcune delle più grandi risate del film e potrebbe essere in corsa per la sua seconda nomination.

Nina Arianda, meglio conosciuta per il suo memorabile turno in “Stan & Ollie” (2018), serve come colonna portante emotiva della storia, e sarebbe stato fantastico vedere un intero film su Vivian Vance. Come parte della categoria di recitazione più competitiva di quest’anno, la sua campagna di premiazione si baserà sulla volontà del ramo della recitazione di invitarla finalmente in serie A, qualcosa di cui ha dimostrato di essere degna da molto tempo. La considererei la best-in-show.

I cosiddetti “Sorkin-ismi” sono presenti, e questa potrebbe essere la sceneggiatura più divertente che ha scritto da tempo. Potreste vedere sullo schermo il lontano cugino di “The Social Network” (2010), il film che gli ha fatto vincere il premio Oscar per la sceneggiatura adattata. Per quanto riguarda la corsa alla regia, non è ancora chiaro se Hollywood lo vede ancora in quel regno, o se il ramo dei registi è disposto ad accettarlo nei loro ranghi.

La colonna sonora di Daniel Pemberton è audacemente utilizzata, mentre naviga nelle battute più drammatiche prima di cambiare marcia nei momenti più leggeri.

Il montaggio di Alan Baumgarten è altrettanto veloce come lo è stato per questo lavoro nominato l’anno scorso in “The Trial of the Chicago 7”. La scenografia di Jon Hutman e l’arredamento di Ellen Brill non dovrebbero essere da meno. Come minimo, l’Art Directors Guild vedrà il merito dei loro contributi.

Il film è prodotto dal premio Oscar Steve Tisch (“Forrest Gump”), dal candidato all’Oscar Todd Black (“Fences”) e da Jason Blumenthal.

“Being the Ricardos” uscirà nelle sale il 10 dicembre prima di essere trasmesso in streaming su Prime Video il 21 dicembre.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you