Asiatica Film Mediale

Perché Twin Peaks CGI è perfetto anche quando non è spiegato dagli artisti VFX

Perché Twin Peaks CGI è perfetto anche quando non è spiegato dagli artisti VFX
Debora

Di Debora

22 Novembre 2022, 17:19


Un team di artisti VFX spiega perché il CGI in Twin Peaks: The Return è sorprendentemente efficace. Twin Peaks era una serie misteriosa creata da David Lynch e Mark Frost. Ha debuttato per la prima volta nel 1990 ed è diventato un fenomeno nazionale poco dopo, mantenendo lo status di culto nei tre decenni successivi alla sua uscita. La corsa originale è durata solo due stagioni, ma lo spettacolo è tornato nel 2017 con Twin Peaks: The Return, un supplemento di diciotto episodi che ha segnato un netto allontanamento dalle prime due stagioni. Mentre l’originale Twin Peaks era qualcosa di una soap opera artistica, The Return era più simile a un film di David Lynch di diciotto ore: visivamente sorprendente, difficile da seguire, a volte scioccante e pieno zeppo di CGI che le prime due stagioni mancava.

The Corridor Crew, un canale Youtube dedicato all’esplorazione di tutto ciò che riguarda la produzione cinematografica e televisiva, ha condiviso la propria analisi in un recente video intitolato VFX Artists React to Bad & Great CGI 88. La troupe spiega il sorprendente successo delle tecniche CGI utilizzate da Lynch in The Return , toccando il modo in cui gli effetti a volte rudimentali, a volte raffinati hanno un pensiero e uno scopo dietro di loro. Leggi la citazione completa qui sotto:

“Gli effetti stravaganti stanno ancora evocando una risposta emotiva molto forte, e quando ciò accade non è più solo un effetto stravagante. Sta facendo qualcosa. C’è dell’arte nell’essere stravagante. Quando si tratta di David Lynch non posso fare a meno di sentire come se fosse intenzionale a causa di come fa reagire le persone”.

Come Twin Peaks: The Return ha evitato le critiche CGI che Marvel deve affrontare attualmente

Lynch non è mai stato accusato di tipicità. A partire dal 1977 con il classico di culto Eraserhead, Lynch è sempre stato una sorta di disgregatore di Hollywood. Ha goduto del successo mainstream e del plauso della critica per film come The Elephant Man degli anni ’80 e Blue Velvet del 1986. Ci sono stati anche problemi, incluso l’adattamento originale di Dune del 1984.

Twin Peaks: The Return è il suo ultimo progetto. È arrivato in streaming nel 2017, al culmine della mania del Marvel Cinematic Universe, e ha fornito agli spettatori un netto contrasto con i film sui popcorn prevalenti in quel momento. Parte di quel contrasto era l’impiego di CGI. Mentre i film Marvel e altri successi d’azione spesso utilizzano tradizionalmente la CGI, digitalizzando acrobazie e set che sarebbero troppo costosi o dispendiosi in termini di tempo per essere creati praticamente, Lynch, in Twin Peaks: The Return, ha scelto di utilizzare effetti digitali in modo additivo e artistico. Per Lynch, la CGI non è un sostituto o un risparmio di tempo. E non ha lo scopo di ingannare l’occhio dello spettatore o replicare la realtà. Il CGI di Lynch evoca ciò che la realtà non può, ciò che l’occhio umano probabilmente non vedrà mai.

Twin Peaks: The Return copre la gamma di effetti digitali. C’è l’esplosione nucleare piuttosto tradizionale nella “Parte 8”, che è stata discussa dalla Corridor Crew. Ma poi ci sono gli effetti più stravaganti: entità demoniache che si nascondono dietro volti umani, agenti dell’FBI risucchiati nei regni inferiori da eventi simili a tornado, spiriti intrappolati in alberi cerebrali elettrizzati e tutta una serie di altri eventi digitali che sembrano possibili solo nei sogni. . Forse è questo che distingue l’uso della CGI da parte di Lynch. Non ha lo scopo di simulare la realtà, di rendere reali i sogni.

Fonte: Equipaggio del corridoio


Potrebbe interessarti

Spider-Man: Freshman Year riceve un promettente aggiornamento dallo showrunner
Spider-Man: Freshman Year riceve un promettente aggiornamento dallo showrunner

Lo showrunner di Spider-Man: Freshman Year Jeff Trammell fornisce un aggiornamento promettente e pieno di speranza sulla prossima serie Disney+. L’introduzione del multiverso ha aperto le porte al Marvel Cinematic Universe e ha consentito progetti più audaci e creativi. Tra questi c’è una nuova serie animata di Spider-Man che mira ad espandere gli anni del […]

1899 Le risposte del mistero si nascondono in bella vista, dice il Creatore
1899 Le risposte del mistero si nascondono in bella vista, dice il Creatore

Avvertenza: questo articolo contiene importanti spoiler per il co-creatore di 1899 1899 Baran bo Odar afferma che le risposte ai misteri dello spettacolo si nascondono in bella vista. Odar ha creato la serie di successo Dark con Jantje Friese, con il duo che ha collaborato ancora una volta nel 1899. La serie, che ha recentemente […]