Asiatica Film Mediale

Perché Steven Van Zandt non parlava norvegese in Lilyhammer di Netflix

Perché Steven Van Zandt non parlava norvegese in Lilyhammer di Netflix
Debora

Di Debora

07 Febbraio 2022, 03:31


Steven Van Zandt, la star di Lilyhammer, rivela perché il suo personaggio non parlava norvegese. Zandt, noto per la sua interpretazione di Silvio Dante nell’acclamato programma poliziesco della HBO I Soprano, ha interpretato l’ex mafioso Frank Tagliano nella serie Netflix. Creato da Anne Bjørnstad ed Eilif Skodvin, lo spettacolo è interpretato anche da Trond Fausa Aurvåg, Steinar Sagen, Robert Skjærstad, Tommy Karlsen, Fridtjov Såheim e Marian Saastad Ottesen.

Ora, per celebrare il decimo anniversario dello show, Zandt ha discusso del motivo per cui il suo personaggio si è astenuto dal parlare norvegese su WeAreNetflix. Parlando con il CEO di Netflix Ted Sarandos, Zandt ha descritto la decisione come un esperimento. Affermando che lui e i creatori alla fine decisero che Tagliano avrebbe capito la lingua ma non la avrebbe parlata, Zandt ha detto che speravano di soddisfare sia il pubblico di lingua inglese che quello norvegese. Nonostante la natura sperimentale della decisione, Zandt ha notato che alla fine ha dato i suoi frutti e che “un personaggio che parlava inglese era sufficiente”.

«È stato davvero un esperimento, sai. Abbiamo passato un anno a scriverlo, io e i due creatori che conosci, Eilif Skodvin e Anne Bjørnstad. Eravamo tipo, ‘Quanto inglese dovrebbe esserci? Perché dobbiamo soddisfare anche un pubblico norvegese’. Ed era solo un esperimento, “Beh, la premessa sarà che il mio personaggio capisce il norvegese ma non lo parla”. E non eravamo sicuri, funzionerà o no? E si è scoperto che ha funzionato per il pubblico norvegese e ha funzionato anche per il pubblico americano. I sottotitoli sono scomparsi dopo un po’. L’unico personaggio che parlava inglese era abbastanza.

Lo spettacolo ha seguito Tagliano e i suoi sforzi per integrarsi in una nuova vita a Lillehammer, in Norvegia, dopo aver testimoniato contro un nuovo capo della mafia (Thomas Grube) a New York. Presentata in anteprima nel 2012, Lilyhammer ha segnato la prima serie originale di Netflix, ottenendo elogi dalla critica e battendo il record di ascolti in Norvegia con oltre 998.000 spettatori, pari a un quinto della popolazione del paese. Sebbene lo spettacolo sia stato cancellato nel 2015 dopo tre stagioni di successo, Netflix ha continuato a commissionare una serie di acclamate serie originali come House of Cards e Orange Is the New Black. Inoltre, lo streamer ha continuato a creare una serie di importanti titoli internazionali, tra cui la sua serie di maggior successo fino ad oggi, Squid Game.

Fonte: WeAreNetflix

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Boba Fett Star definisce l’interpretazione di Luke Skywalker un’esperienza magica
Boba Fett Star definisce l’interpretazione di Luke Skywalker un’esperienza magica

Avvertimento! SPOILER in vista dell’episodio 6 di The Book of Boba Fett. La star del Libro di Boba Fett, Graham Hamilton, ha parlato di interpretare Luke Skywalker nella serie, definendola un’esperienza magica. The Book of Boba Fett è una serie originale Disney+ che è stata presentata in anteprima sulla piattaforma il 29 dicembre 2021. La […]

Shadow & Bone: la storia della seconda stagione di Matthias rischia di creare un grosso problema con il libro
Shadow & Bone: la storia della seconda stagione di Matthias rischia di creare un grosso problema con il libro

L’ombra e l’osso stagione 1 il finale ha trovato la maggior parte dei personaggi principali sopravvissuti al loro calvario con il Darkling; tuttavia, la storia di Matthias potrebbe creare un problema per la stagione 2. Visto l’ultima volta nel finale di stagione, il Fjerdan è stato falsamente accusato di essere uno schiavista da Nina Zenik, […]