Notizie FilmPerché non cercare interruzioni dallo stile esclusivo del regista...

Perché non cercare interruzioni dallo stile esclusivo del regista Adam McKay

-


Il regista di Don’t Look Up, Adam McKay, rivela perché ha apportato modifiche al suo caratteristico stile di ripresa per la sua ultima commedia di fantascienza. Il film di Netflix è interpretato da Leonardo DiCaprio e Jennifer Lawrence nei panni degli astronomi Dr. Randall Mindy e Kate Dibiasky, rispettivamente. Il cast di supporto vanta un ensemble impressionante che include artisti del calibro di Meryl Streep, Jonah Hill, Rob Morgan, Cate Blanchett, Tyler Perry, Mark Rylance, Timothée Chalamet, Ron Perlman e Ariana Grande, solo per citarne alcuni. Il film ha ricevuto recensioni generalmente positive e ha raccolto alcuni primi riconoscimenti, incluso il riconoscimento come uno dei Top 10 del 2021 dall’AFI e dal National Board of Review.

La trama di Don’t Look Up ruota attorno agli astronomi dello stato del Michigan di DiCaprio e Lawrence mentre scoprono una cometa che potrebbe distruggere il pianeta e successivamente si imbarcano in un tour mediatico su larga scala per avvertire l’umanità della minaccia in rapido avvicinamento. Con l’imminente pericolo della cometa che incombe sullo sfondo, il film si dipana come una satira dell’indifferenza dei media e del governo. Dopo la sua uscita sul servizio di streaming, Don’t Look Up ha accumulato il maggior numero di ore visualizzate nel corso di una settimana nella storia di Netflix.

Nel più recente video del dietro le quinte di Don’t Look Up pubblicato da Netflix Film Club, McKay rivela perché ha deciso di abbandonare il suo caratteristico stile di riprese portatili per il suo ultimo film. Afferma che voleva che il film risultasse “più pulito” e “più audace” e avesse un “pop di colore ed energia”, utilizzando tecniche che rendessero i volti dei personaggi “davvero colpiti sullo schermo”. Menziona anche che, mentre si atteneva a uno stile di inquadratura “abbastanza tradizionale”, si dava spazio per “fondere i due” metodi ogni volta che ne seguiva il “caos” nella storia. Dai un’occhiata alla sua citazione completa di seguito:

Con Don’t Look Up, ho fatto la scelta molto presto di non utilizzare il palmare in stile docu. L’ho tenuto un po’ più pulito, un po’ più audace. Tendevamo a usare obiettivi leggermente più larghi per far sì che i volti dei personaggi colpissero davvero lo schermo. Volevo che avesse un po’ di colore ed energia. E se guardi la nostra inquadratura, è abbastanza tradizionale. Ma quando entri nel tipo di vortice e nel caos della nostra folle cultura che lo elabora, è allora che lo lasciamo volare e tendiamo a fondere i due. Che è un po’ come si sente il mondo adesso. Sembra che il mondo ti stia prendendo a pugni mentre, allo stesso tempo, finge di essere composto in modo molto classico.

Adam McKay è noto per aver utilizzato in modo prominente lo stile della telecamera portatile per la maggior parte dei suoi film, reso più evidente dal fatto che cita il regista americano Paul Greengrass (The Bourne Supremacy, The Bourne Ultimatum) e il regista inglese Michael Winterbottom (24 Hour Party Persone) come le sue principali fonti di ispirazione. Dichiara che, dal suo sforzo registico del 2006 Talladega Nights, ha costantemente cercato di migliorare il suo stile cinematografico con ogni progetto “girando nel miglior modo possibile”. Molti sosterrebbero che Don’t Look Up è il luogo in cui la sua visione si concretizza, poiché riesce perfettamente a combinare l’approccio cinematografico più convenzionale con il suo stile unico.

McKay è responsabile della realizzazione di alcuni dei migliori film comici degli ultimi decenni, come Anchorman: The Legend of Ron Burgundy del 2004, Step Brothers del 2008 e The Other Guys del 2010. Tuttavia, The Big Short del 2015 ha segnato una svolta nella sua carriera poiché il film vincitore dell’Oscar gli ha offerto l’opportunità di lavorare con alcuni dei più grandi nomi di Hollywood, come Christian Bale, Ryan Gosling e Brad Pitt. Il fatto che Don’t Look Up sia pronto per la contesa della stagione dei premi non farà che aumentare la reputazione di McKay come uno dei migliori registi che lavorano oggi nel settore.

Fonte: Netflix Film Club

.item-num::after { content: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

Latest news

Il trailer onesto di Eternals prende in giro il film MCU simile a DC

L'ultimo episodio di Screen Junkies' Honest Trailers prende di mira Eternals e quanto sia simile il film del...

Sam Raimi reagisce al ritorno di Tobey Maguire in Spider-Man: No Way Home

Sam Raimi, regista della trilogia originale di Spider-Man, ha condiviso la sua reazione a Spider-Man: No Way Home,...

Le riprese del prossimo film di Bradley Cooper come regista inizieranno a maggio

Il prossimo progetto di Bradley Cooper come regista, Maestro, inizierà le riprese a maggio. L'attore quattro volte...

Perché Taylor Lautner non è tornato come Sharkboy in We Can Be Heroes

Taylor Lautner spiega perché ha deciso di non tornare come Sharkboy per We Can Be Heroes di Robert...

La star di Eternals non vedeva Harry Styles come un supereroe prima del casting dell’MCU

La star di Eternals, Lia McHugh, rivela che inizialmente non poteva pensare all'idea di Harry Styles come supereroe...

Le star di The Office John Krasinski e Steve Carell si riuniscono in un nuovo film

Gli ex co-protagonisti di Office Steve Carell e John Krasinski si riuniranno nel nuovo film della Paramount If,...

Must read

You might also likeRELATED
Recommended to you