Asiatica Film Mediale

Perché le recensioni di The Black Phone sono così positive

Perché le recensioni di The Black Phone sono così positive
Erica

Di Erica

25 Giugno 2022, 13:02


The Black Phone è uscito e le sue recensioni generalmente positive mostrano che critica e pubblico sono d’accordo: è buono. Uno dei film horror più attesi del 2022, The Black Phone è stato originariamente presentato in anteprima al Fantastic Fest nel settembre del 2021. Diretto da Scott Derrickson e scritto da C. Robert Cargill e Derrickson, il film si è rapidamente affermato come uno dei più apprezzati film horror usciti nel 2022.

Al momento della stesura di questo articolo, The Black Phone vanta un punteggio critico dell’86% su Rotten Tomatoes. Delle 128 recensioni critiche sul sito, 110 lo certificano Fresh, con solo 18 lo chiamano Rotten. Anche se il 2022 è stato un anno ricco di film horror, The Black Phone si è distinto, con i suoi punteggi attuali che lo collocano tra i primi 10 film horror più recensiti quest’anno.

Derrickson e Cargill hanno già collaborato per scrivere Sinister del 2012. Sebbene sia stato un successo commerciale, Sinister non ha raggiunto il livello di acclamazione della critica di The Black Phone, con il suo punteggio di Rotten Tomatoes al 63%, oltre il 20% in meno rispetto a The Black Phone. Ecco una carrellata delle cose positive che i critici dicono su The Black Phone.

CBR:

The Black Phone è un’altra impressionante aggiunta all’acclamata collaborazione cinematografica di Derrickson e Cargill, che bilancia il disordinato dramma familiare con la sensibilità del thriller paranormale. Sia un adattamento in gran parte fedele che un’espansione della storia di Hill, il film promette un forte lavoro futuro da parte del suo giovane cast e offre a Hawke l’opportunità di mostrare quanto bene possa abbracciare la malvagità incarnata.

Roger Ebert:

“The Black Phone” è una saga di supporto e resilienza mascherata da un film di serial killer semi-paranormale. Sostenuto da performance emotive su tutta la linea e da un’atmosfera imponente, “The Black Phone” esalta le sue qualità fondamentali e permette alle sue sfumature di prendere il controllo. Il sangue è secondario rispetto alla storia, con lo sviluppo del personaggio al primo posto, ma il film non trascura in alcun modo il brivido. Piuttosto, è la tua cura per Finney e l’intensità della suspense abilmente realizzata del film che attira le ginocchia al petto e le unghie ai denti.

IGN:

Le paure qui non sono mai a buon mercato. Salterai, certo, ma ogni grammo di angoscia è ben meritato. L’elemento soprannaturale supporta il terrore, ma è la realtà della situazione di Finney e lo snervante Grabber di Hawke che mantengono la tensione per tutta la storia.

L’involucro:

“The Black Phone” alla fine funziona meglio della maggior parte degli altri recenti pastiche horror in stile King o King. E mentre Derrickson e Cargill avrebbero potuto offrire una variazione più essenziale sui tropi familiari del loro film se avessero trascorso più tempo a rovistare negli angoli più oscuri della storia inquietante di Hill, alla fine giocano sui loro punti di forza creativi, con l’aiuto dei loro principali collaboratori.

La maggior parte dei revisori positivi fa riferimento all’agghiacciante performance di Ethan Hawke nei panni del protagonista equilibrato e credibile di The Grabber e Mason Thames, Finney. Il lavoro sui personaggi nel film è davvero di prim’ordine e il dialogo funziona per evidenziarlo. Non tutte le recensioni sono del tutto brillanti, con alcuni che fanno riferimento alla sensazione che il film non abbia mai trovato la sua coesione. Ecco alcune recensioni di quell’altro campo:

Esclamazione sullo schermo:

Black Phone è il raro film spaventoso che avrebbe potuto beneficiare di una durata aggiuntiva e dell’esplorazione delle sue numerose idee, in particolare delle componenti soprannaturali del film. Invece, nonostante le parti di qualità (soprattutto le interpretazioni di Hawke, Thames e McGraw, nonché l’ambientazione e l’atmosfera inquietanti del film del 1978), Derrickson fatica a costruire sul racconto di Hill in modi sufficientemente significativi da rendere la versione cinematografica più ricca o più terrificante di il suo materiale sorgente di 30 pagine. Il risultato è un racconto dal vivo ben girato e ben recitato, ma a cui mancano abbastanza tessuto connettivo, idee fresche e tempo trascorso tra i suoi personaggi per produrre un’esperienza cinematografica duratura.

Club AV:

Rispondi alla chiamata di The Black Phone se ne hai il coraggio. Basta essere consapevoli del fatto che, proprio come il cavo tagliato che penzola sotto il dispositivo, c’è una disconnessione cruciale tra le idee provocatorie che imposta e ciò che alla fine offre.

Il New York Times:

Appoggiandosi pesantemente alle familiari ossessioni narrative del padre di Hill, Stephen King – ragazzi coraggiosi, genitori incapaci, pagliacci inquietanti e i loro accessori – “The Black Phone” sembra inevitabilmente derivato. Ma i giovani attori sono attraenti, l’ambientazione è immaginata con affetto e le ansie dell’adolescenza sono al centro. Per la maggior parte di noi, quelle preoccupazioni erano più che sufficienti per evocare i brividi.

Tuttavia, anche i suoi detrattori tendono a lodare elementi di The Black Phone. La maggior parte dei revisori indica che le impressionanti interpretazioni del cast sono più che sufficienti per affascinare il pubblico del film, anche se non amano ogni scelta fatta dal film. Anche il finale di The Black Phone è straordinario e fresco, non basandosi esclusivamente sui classici tropi dell’orrore per raccontare la sua storia. Con punteggi più alti rispetto alle precedenti uscite horror di Derrickson e un ensemble stellare e un cattivo, The Black Phone dimostra che un film non ha bisogno di essere perfetto per essere divertente.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Taika Waititi si diverte a trollare i fan del MCU sulle teorie di Thor
Taika Waititi si diverte a trollare i fan del MCU sulle teorie di Thor

Taika Waititi dice che gli piace trollare i fan del Marvel Cinematic Universe sulle loro teorie su Thor. Dopo aver diretto Thor: Ragnarok del 2017, Waititi è tornato al timone di Thor: Love and Thunder, che uscirà a luglio. L’attesa per il film è alta, poiché Waititi è ampiamente accreditato di aver rivitalizzato il franchise […]

Quali film in arrivo nel 2022 possono conquistare la corona al botteghino di Top Gun 2?
Quali film in arrivo nel 2022 possono conquistare la corona al botteghino di Top Gun 2?

Top Gun: Maverick è il film con il maggior incasso del 2022 finora, ma con altri sei mesi rimasti, ci saranno molti film che sperano di sfidare il dominio al botteghino di Maverick. Rilasciato oltre 30 anni dopo l’originale, Maverick è un film sorprendentemente sincero sulla nostalgia, l’eredità e l’invecchiamento con grazia. Presenta anche Tom […]