Asiatica Film Mediale

Perché la terza stagione di Orville ha ucciso Charly

Perché la terza stagione di Orville ha ucciso Charly
Debora

Di Debora

03 Settembre 2022, 14:49


C’era una forte ragione nella storia per uccidere il nuovo personaggio Charly Burke nella stagione 3 di The Orville. Interpretato da Anne Winters, Charly è stato introdotto nella premiere della stagione di The Orville: New Horizons, appena rinominata, “Electric Sheep” come una delle tante Union ufficiali che erano prevenuti contro l’intelligenza artificiale, Isaac (Mark Jackson). In qualità di emissario di Kaylon, Isaac stava inconsapevolmente raccogliendo informazioni strategiche sull’Unione prima che Kaylon dichiarasse guerra a tutta la vita organica nella seconda stagione di The Orville, episodi 8 e 9, “Identità”.

In “Electric Sheep”, è stato rivelato che molti ufficiali nutrono rancore contro l’androide residente di Orville, Isaac, per il suo ruolo nel devastante attacco di Kaylon all’Unione. Nonostante il fatto che alla fine avesse sventato l’attacco, molti credevano che Isaac non avrebbe dovuto continuare a prestare servizio a bordo di una nave dell’Unione. Charly è stata la più esplicita di queste critiche, rivelando di aver perso la donna che amava durante la loro battaglia con i Kaylon. La dura relazione tra Charly e Isaac è l’arco narrativo più soddisfacente della terza stagione di The Orville, e la sua morte ha fornito una giusta soluzione emotiva.

In The Orville stagione 3, episodio 9 “Domino”, l’Unione usa la creazione di una nuova arma devastante per negoziare una fragile pace con i Kaylon. L’arma è stata sviluppata sia da Charly che da Isaac, che si sono capiti meglio negli otto episodi precedenti. Tuttavia, non tutti si fidano del processo di pace, che porta a un remake di Orville di Star Trek VI: The Undiscovered Country che coinvolge una massiccia cospirazione per garantire la fine della guerra. Con l’arma ora nelle mani del Krill e dei Moclan, Charly si sacrifica per distruggere l’arma e salvare il Kaylon nella sua devastante scena finale.

L’uccisione di Charly di Orville è stata la decisione giusta?

Programmi come Star Trek e Stranger Things sono spesso criticati per aver introdotto nuovi personaggi con l’intenzione di ucciderli in seguito per forzare alcune poste drammatiche da materiale scadente. La morte di Charly in The Orville stagione 3, episodio 9 avrebbe potuto facilmente essere una mossa altrettanto cinica. Tuttavia, il suo sacrificio e il suo impatto sia su Isaac che sull’intera razza Kaylon è così ben realizzato da Seth MacFarlane e dai suoi co-sceneggiatori Brannon Braga e André Bormanis che non sembra mai una mossa a buon mercato.

Isaac è come Data in Star Trek, affascinato dall’umanità, dai suoi costumi e dalle sue sfumature emotive. In “Electric Sheep”, l’odio di Charly per lui inizia inizialmente come una curiosità per l’androide, prima che alla fine porti alla sua decisione di disattivarsi. Quando a Charly viene ordinato di usare le sue abilità per riattivare Isaac, si sforza di sottolineare che lo ha fatto per coloro che amano Isaac, piuttosto che per l’androide stesso. Alla fine della sua storia, si sacrifica per salvare non solo Isacco, ma tutta la sua specie. È una decisione che afferma ai Kaylon che non tutte le forme di vita organiche sono crudeli e oppressive come i loro creatori originali. Andando oltre i propri pregiudizi, Charly permette ai Kaylon di superare i loro, assicurando il processo di pace tra loro e l’Unione.

Il sottotesto politico del sacrificio di Charly riflette i nuovi orizzonti narrativi più maturi di The Orville. Raccontare la stessa storia di un personaggio prevenuto che fa l’ultimo sacrificio con uno dei membri del cast di Orville esistenti avrebbe richiesto un riordino troppo complicato. L’introduzione di un personaggio leggermente antagonista per scontrarsi con Isaac nella stagione 3 di The Orville, consentendo a entrambi i personaggi di imparare e crescere nel processo è stata assolutamente la mossa giusta per la storia toccante di Charly.


Potrebbe interessarti

Gli anelli del potere spiegano in modo esilarante un mistero di Tolkien Hobbit
Gli anelli del potere spiegano in modo esilarante un mistero di Tolkien Hobbit

Attenzione: spoiler in anticipo per gli episodi 1 e 2 di The Rings of Power Il Signore degli Anelli: The Rings of Power anticipa una risposta divertente a un vecchio mistero di JRR Tolkien Hobbit. Ambientato migliaia di anni prima che Bilbo e Frodo Baggins occupassero Bag End, la società Hobbit e la Contea non […]

Lea Michele si apre sulle accuse tossiche sul posto di lavoro sul set di Glee
Lea Michele si apre sulle accuse tossiche sul posto di lavoro sul set di Glee

Lea Michele sta diventando sincera riguardo alle affermazioni di aver creato un ambiente di lavoro tossico sul set di Glee. Michele ha recitato nella serie comica musicale nei panni di Rachel Berry, la capitana del Glee Club ossessionata dalla fama che alla fine ottiene il ruolo dei suoi sogni come Fanny Brice in un revival […]