Asiatica Film Mediale

Perché la spiegazione originale per il volto mutevole di James Bond non è riuscita

Perché la spiegazione originale per il volto mutevole di James Bond non è riuscita
Erica

Di Erica

02 Settembre 2022, 13:35


I film di James Bond originariamente avrebbero giustificato la rifusione nell’universo di 007, ma la spiegazione che il franchise considerava non era una soluzione abbastanza intelligente. Il franchise di James Bond è unico nella sua capacità di riformulare il suo protagonista. Sebbene ci siano stati numerosi Spider-Man e Batman nel corso dei decenni, la rivelazione di un nuovo 007 è un enorme evento di cultura pop perché il franchise di spionaggio cambia stella da oltre 60 anni.

Il secondo attore a interpretare James Bond sul grande schermo ha avuto un momento più difficile degli altri quattro che hanno seguito le sue orme. Quando Sean Connery ha conquistato il cuore del pubblico di tutto il mondo recitando in cinque film di James Bond in altrettanti anni, questo ha lasciato il suo sostituto George Lazenby con alcune grandi scarpe da riempire. In origine, la prima avventura di James Bond di Lazenby, Il servizio segreto di Sua Maestà del 1969, spiegava anche il nuovo volto del personaggio, anche se non particolarmente bene.

Nelle prime bozze di Al servizio segreto di Sua Maestà, James Bond ha ricevuto un intervento di chirurgia plastica per alterare il suo aspetto in modo che i suoi nemici smettessero di riconoscerlo, da qui il suo nuovo volto. La versione di 007 di George Lazenby era relativamente giocosa – incarnata dal suo ammiccante cenno della quarta parete che “non è mai successo all’altro ragazzo” – specialmente rispetto a incarnazioni successive come il James Bond di Daniel Craig. Anche così, l’idea della chirurgia plastica sarebbe comunque è stata una spiegazione troppo sciocca per il franchise da realizzare. I film di James Bond erano, alla fine degli anni ’60, consapevolmente da cartone animato e sopra le righe, ma Al servizio segreto di Sua Maestà è stata anche la puntata che notoriamente ha ucciso la moglie di 007, quindi spiegare la sua nuova faccia con un meta-scherzo imbarazzante sulla rifusione sarebbe stato stonalmente stridente.

Perché i film di Bond avevano ragione a non affrontare mai la rifusione

La spiegazione che Bond ha ricevuto un intervento di chirurgia plastica per assomigliare meno a se stesso era bizzarra per numerosi motivi. Per prima cosa, era sempre in grado di travestirsi senza misure così drastiche. Dall’altro, come dimostra la sua ripetuta abitudine di essere tradito dalle Bond girls, 007 rivelava quasi sempre il suo vero nome, pronunciando spesso “Bond, James Bond”, quando si presentava, rendendo così inutili i travestimenti. Inoltre, anche i suoi colleghi e contatti lo avrebbero fatto Non riconoscono nemmeno il suo nuovo volto e, sebbene l’MI6 possa avvisarli che Bond ha un volto nuovo di zecca, questa informazione potrebbe essere facilmente intercettata dai suoi nemici, rendendo l’intero esercizio inutile.

C’era anche un meta problema più grande con questa spiegazione. Confermare che il James Bond di George Lazenby fosse canonicamente la stessa persona della precedente iterazione di Sean Connery di 007 avrebbe limitato il numero di volte in cui il personaggio poteva essere rifuso. James Bond avrebbe bisogno di invecchiare almeno un po’ tra il 1962 e il 2022 se fosse canonicamente lo stesso uomo, il che significa che il franchise avrebbe avuto una durata di conservazione molto più breve rispetto ai suoi 60 anni. Fortunatamente, l’odiato Al servizio segreto di Sua Maestà ha invece stabilito la regola del franchise di James Bond senza mai riconoscere la sua identità mutevole, una scelta che ha consentito molti altri sequel. Mentre l’uscita di James Bond originariamente cercava di coprire l’assenza di Connery, Al servizio segreto di Sua Maestà alla fine era meglio lasciare la questione non menzionata.


Potrebbe interessarti

Penn Badgley è il signor Fantastico nella splendida fan art del MCU
Penn Badgley è il signor Fantastico nella splendida fan art del MCU

La tua star Penn Badgley diventa Reed Richards dei Fantastici Quattro in una nuova grafica creata dai fan. L’attore era noto soprattutto per aver interpretato il bravo ragazzo Dan Humphry nello spettacolo originale di Gossip Girl della CW prima che alla fine si rivelasse essere il personaggio principale, che amava diffondere voci sui suoi stessi […]

Film Marvel da incolpare per le recensioni negative di The Forgiven, suggerisce il regista
Film Marvel da incolpare per le recensioni negative di The Forgiven, suggerisce il regista

Il regista di Forgiven John Michael McDonagh suggerisce che i film Marvel siano da biasimare per le recensioni negative del suo film. Il film di McDonagh è interpretato da Ralph Fiennes e Jessica Chastain nei panni di una coppia sposata che viaggia nel deserto del Marocco per partecipare alla sontuosa festa di un amico. Ma […]