Asiatica Film Mediale

Perché il successo di Spider-Man potrebbe essere negativo per il MCU

Perché il successo di Spider-Man potrebbe essere negativo per il MCU
Erica

Di Erica

27 Febbraio 2022, 00:28


Spider-Man: No Way Home ha aperto le porte a molti nuovi film di Spider-Man in arrivo sia all’interno che all’esterno dell’MCU, ma il suo successo potrebbe significare sfide inaspettate per l’MCU. Con la pandemia di COVID-19 che ha chiuso i cinema per mesi nel 2020, i cinema hanno dovuto tornare zoppicando in qualcosa di simile alla normalità. Il 2021 ha visto numerosi film ricominciare a fare ottimi affari nelle sale, come A Quiet Place 2 e F9, ma nulla in confronto allo storico successo di Spider-Man: No Way Home.

No Way Home apre il multiverso della Marvel con numerosi cattivi di altri cattivi che si riversano dopo un incantesimo andato storto dal dottor Strange (Benedict Cumberbatch). L’incantesimo porta anche altri due Spider-Men, interpretati da Tobey Maguire e Andrew Garfield, e con lo Spidey di Tom Holland, i tre decidono di depotenziare i cattivi per mandare tutti a casa. Entro la fine di No Way Home, l’olandese Spider-Man affronta una nuova sfida in un mondo in cui la memoria di Peter Parker è stata cancellata. Questo imposta Spider-Man 4 dell’MCU, ma è tutt’altro che l’unico progetto di Spider-Man in lavorazione.

Utilizzando il Multiverso come concetto centrale della sua storia, No Way Home lascia la porta aperta per far rivivere anche la serie individuale di Spider-Man di Maguire e Garfield. Ci sono già notevoli indicazioni che No Way Home sia solo l’inizio di ogni nuovo adattamento, ma questa è solo la punta dell’iceberg. Sony ha anche numerosi altri progetti relativi al webslinger in lavorazione, e la quantità di questi insieme all’adorazione generale di Spider-Man potrebbe trasformare il wall-crawler in un vero concorrente del MCU.

Spider-Man ha più film (non MCU) in lavorazione

Quando l’Uomo Ragno di Tom Holland ha fatto il suo debutto nel MCU in Captain America: Civil War, il suo futuro sul grande schermo sembrava scolpito nella pietra come membro dei Vendicatori. Il 2018 ha visto i primi veri indicatori del fatto che il franchise di Spider-Man non era necessariamente legato al MCU con il successo del Venom guidato da Tom Hardy. Solo due mesi dopo, Spider-Man: Into the Spider-Verse ha ribadito questo punto con il debutto sul grande schermo di Miles Morales (Shameik Moore) e la successiva vittoria dell’Oscar per il miglior film d’animazione. Con il litigio temporaneo tra Sony e Marvel nel 2019, è diventato chiaro che Spider-Man era tutt’altro che un personaggio esclusivo dell’MCU, con i film da solista di Spider-Man ancora realizzati sotto lo stendardo della Sony e la sua presenza nell’MCU avveniva a discrezione di Sony.

Quando No Way Home è diventato il mega-hit teatrale del 2021, sono iniziate immediatamente le chiacchiere sul fatto che gli Spider-Men di Tobey Maguire e Andrew Garfield continuassero nei rispettivi franchise di Spider-Man. I giorni di imbracatura di ragnatele di Maguire e Garfield che continuano sempre più sembrano quasi inevitabili. Nel frattempo, Into the Spider-Verse ha due sequel in arrivo, Spider-Man: Across the Spider-Verse (che sarà distribuito in due parti). Allo stesso tempo, è probabile che il Venom di Hardy si incroci con uno dei tre Peter Parker, con Garfield, in particolare, che sembra un potenziale candidato. Inoltre, la Sony ha anche annunciato un film Madame Web con Dakota Johnson associato al ruolo del protagonista, che potrebbe fungere da punto di unione tra i diversi Spider-Men. A testimonianza di quanto velocemente le cose possano cambiare nell’industria cinematografica, l’ingresso di Spider-Man nel MCU è stato rapido dal punto di vista logistico. Tuttavia, lo Spider-Verse che Sony ha inseguito una volta si è finalmente riunito proprio al culmine del mandato di Spidey nell’MCU.

Spider-Man è ancora un attore chiave nel MCU

Sebbene Spider-Man stia diventando una vacca da mungere più grande che mai per la Sony, non è nemmeno che si stia ritirando dal MCU. Da parte sua, Tom Holland ha dato a volte risposte timide sul fatto che tornerà dopo No Way Home. Allo stesso tempo, ha anche parlato di dove vorrebbe vedere andare il suo Peter Parker, proponendo un ruolo da mentore a Miles Morales e una squadra con Daredevil di Charlie Cox. Entrambe sono possibilità distinte, con Spider-Man: Homecoming con l’apparizione dello zio Aaron Davis di Miles (Donald Glover), insieme al cameo No Way Home di Matt Murdock.

Il finale di No Way Home, che mostra l’olandese Peter che deve ricominciare la sua vita in un mondo che lo ha dimenticato, indica chiaramente almeno un’altra avventura nel MCU con il suo Spider-Man. Holland ha anche iniziato a costruire una carriera non Spider-Man, con la sua uscita più recente, il film sui videogiochi Uncharted. I commenti di Holland sul sentirsi come se fosse rimasto oltre il suo benvenuto se avesse ancora superato i 30 anni di Spider-Man potrebbero suggerire che ha iniziato a esercitare una leva per ciò che vorrebbe vedere nel suo prossimo swing come Spider-Man. In ogni caso, dopo il suo arco narrativo che porta a No Way Home, Spider-Man è probabilmente diventato l’erede del franchise di Tony Stark sulla base del successo del film, quindi è abbastanza probabile che il MCU abbia più storie di Spider-Man da raccontare.

Lo Spider-Verse di Sony potrebbe essere grande quanto l’MCU?

Con il Multiverso che è la nuova tendenza dei film sui supereroi, gli studios hanno più libertà che mai di raccontare storie parallele con più versioni di un personaggio. L’MCU continuerà a fare proprio questo con Doctor Strange nel Multiverse of Madness, ma Spider-Man è una situazione diversa per loro. Sebbene l’MCU abbia un Peter Parker, la sua presenza è ancora un accordo di co-licenza provvisorio con Sony. Lo stesso studio ha il vantaggio di due Peter Parker ritirati dalla pensione, il che di per sé è enorme per loro.

Il resto della cassetta degli attrezzi di Spider-Man di Sony è diventata piuttosto impressionante, con un Venom attivo pronto a incontrare Spidey, diversi progetti di cattivi di Spidey come Morbius e Kraven the Hunter, il film Madame Web e i film animati di Spider-Verse. Dato che Spider-Man è un personaggio così popolare in astratto, Sony ha il potenziale per costruire un Spider-Verse che potrebbe trasformarsi in un vero colosso grazie alla sola forza di Spider-Man. Anche se Spidey non lascerà presto l’MCU per la Sony, come sarebbe potuto accadere nella rottura tra Sony e Marvel, dopo No Way Home, Sony non ha più bisogno che lo faccia. Con l’accoglienza di No Way Home e l’entusiasmo per i ritorni di Maguire e Garfield, è del tutto possibile che Spider-Verse di Sony possa davvero raggiungere livelli di popolarità MCU.

Il crescente Spider-Verse di Sony non porterà alla caduta dell’MCU. Holland rimane molto apprezzato come Spidey del MCU, e No Way Home prepara bene la prossima storia di Peter Parker con MJ di Zendaya e altri personaggi da non perdere insieme al resto del franchise. Tuttavia, l’ironia non può essere persa sul fatto che i piani di Sony per Spider-Man e altri personaggi collegati potrebbero trasformare il loro franchise basato su Spider-Man in uno sfidante MCU. Dopo che Spider-Man: No Way Home ha aperto tante porte quante ne ha aperte, tutte le scommesse sono davvero aperte sia per l’MCU che per Spider-Verse di Sony.

Date di uscita chiave Doctor Strange in the Multiverse of Madness (2022)Data di uscita: 06 maggio 2022 Thor: Love and Thunder (2022)Data di uscita: 08 luglio 2022 Black Panther: Wakanda Forever/Black Panther 2 (2022)Data di uscita: 11 novembre 2022 The Marvels/Captain Marvel 2 (2023) Data di uscita: 17 febbraio 2023 Guardiani della Galassia Vol. 3 (2023) Data di uscita: 05 maggio 2023 Ant-Man and the Wasp: Quantumania (2023) Data di uscita: 28 luglio 2023


Potrebbe interessarti

La vera storia dell’uomo del re: come è morto Rasputin
La vera storia dell’uomo del re: come è morto Rasputin

Attenzione: contiene spoiler per The King’s Man. Uno dei più grandi cattivi di The King’s Man è Rasputin, ma come è morto esattamente il vero Grigori Rasputin? La storia della prima guerra mondiale di The King’s Man presenta una serie di personaggi storici della vita reale, ma forse nessuno è indimenticabile come Grigori Rasputin di […]

Guillermo del Toro spiega perché la scena della palestra di West Side Story di Spielberg è geniale
Guillermo del Toro spiega perché la scena della palestra di West Side Story di Spielberg è geniale

Il regista premio Oscar Guillermo del Toro ha elogiato la regia di West Side Story di Steven Spielberg, abbattendo la scena del ballo in palestra. Il remake del 2021 del musical classico del 1961 è stato diretto e coprodotto dal famoso regista di ET. Del Toro ha vinto l’Oscar per il miglior film e il […]