Asiatica Film Mediale

Perché il precedente regista di James Bond era scettico riguardo a Daniel Craig come 007

Perché il precedente regista di James Bond era scettico riguardo a Daniel Craig come 007
Erica

Di Erica

17 Settembre 2023, 15:36



L’ex regista di James Bond, Martin Campbell, all’inizio aveva dei dubbi sulla scelta di Daniel Craig come agente 007 in Casino Royale, a causa del suo aspetto che differiva dai precedenti Bond.

Nonostante questi dubbi, Craig si è rivelato perfetto per la versione contemporanea e più cupa del genere spionistico di Casino Royale.

L’interpretazione di Craig come Bond ha portato vulnerabilità e un approccio più realistico al personaggio, conducendo a un’era di successo e distintiva per la serie.

L’ex regista di James Bond, Martin Campbell, ha ammesso di essere stato inizialmente riluttante a scegliere Daniel Craig come 007 in Casino Royale. Craig ha debuttato come una versione più cupa e stancata della spia di Ian Fleming nel film del 2006, dando inizio a una nuova continuità per la successiva era dei film di James Bond. Craig ha guidato la serie per altri quattro film prima di abbandonare il ruolo in No Time to Die del 2021.

Ripensando al processo di casting di James Bond in Casino Royale, Campbell ha rivelato a Express.co.uk di avere avuto le sue preoccupazioni riguardo alla scelta di Craig come prossimo 007. Sebbene il regista non avesse dubbi sul talento attoriale di Craig, Campbell era preoccupato di come il suo aspetto sarebbe stato paragonato al precedente casting di James Bond nonostante volesse assolutamente portare l’attore nella serie. Ecco la spiegazione completa di Campbell:

“La mia unica esitazione su Daniel… era veramente un attore eccellente, non c’è dubbio su questo… era il fatto che con attori come Sean Connery, Roger Moore e Pierce Brosnan era che erano tutti Bond tradizionali. Tutti belli, tutti sexy, tutti molto attraenti per le donne e così via.

Daniel era ovviamente più duro e più selvaggio, ma non era un Bond tradizionalmente bello. Così ho pensato a questo per un momento e a parte questo, assolutamente era sempre lui”.

Nonostante possa essere difficile immaginare un attore diverso da Craig nei panni di Bond per la versione contemporanea di Casino Royale, la scelta dell’attore è stata accolta con molte controversie dopo l’annuncio. A differenza dell’aspetto raffinato, curato e signorile che era stato stabilito da Sean Connery nel 1961, Craig era un attore biondo e più basso, più noto per i suoi ruoli più crudi come gangster, soldati esausti dalla guerra e accademici, con poche parti che lo avevano gettato nel mondo dell’azione e dell’espionaggio esagerato che gli spettatori si aspettavano da James Bond. Tuttavia, di fronte alle critiche, Craig ha dimostrato di essere il perfetto interprete di questa nuova interpretazione sofisticata di 007.

Come i suoi ruoli più crudi precedenti, anche il Bond di Craig ha iniziato a compiere lavori sporchi lontano dal glamour dei casinò e dagli intrighi bombastici dei supercattivi dopo essere salito di grado nell’esercito. Il Bond di Craig era anche un personaggio più vulnerabile, che subiva dolorose torture fisiche e affrontava le ferite mentali che il suo lavoro gli procurava man mano che le sconfitte si accumulavano durante il suo mandato. Sebbene gli episodi successivi abbiano riportato la serie in un territorio più familiare, paragonabile alle avventure spionistiche di vecchio stampo di James Bond, il Bond di Craig non ha mai perso la vulnerabilità che lo rendeva umano. Ha lavorato per superare i suoi tormenti e questo alla fine ha portato a un percorso del personaggio completo e appagante quando Bond incontra la sua fine in No Time to Die.

Anche se la scelta di James Bond da parte di Craig può aver lasciato Campbell incerto, la scelta del regista è stata chiaramente un grande successo per la serie. La sua interpretazione di Bond ha regalato al pubblico un’intera e definita era della serie che si distingueva per i rischi intrapresi per portare la spia sullo schermo. Pertanto, con Craig che si è dimostrato un successo per la serie nonostante le critiche iniziali, forse la MGM e i produttori della serie saranno aperti a scelte sorprendenti nel casting del prossimo James Bond.


Potrebbe interessarti

Il consiglio di Michael J. Fox di Ritorno al Futuro per l’attore di Marty McFly nel musical viene rivelato.
Il consiglio di Michael J. Fox di Ritorno al Futuro per l’attore di Marty McFly nel musical viene rivelato.

Sommario Ritorno al Futuro ha mantenuto un grande seguito di fan decenni dopo la sua uscita, con la produzione teatrale che ha ottenuto riconoscimenti e il sostegno di Christopher Lloyd. L’adattamento musicale permette al pubblico di rivisitare la serie in modo diverso, offrendo entusiasmo e desiderio di vedere lo spettacolo. Michael J. Fox ha dato […]

Il concetto di Weird Barbie spiegato dal regista e Kate McKinnon.
Il concetto di Weird Barbie spiegato dal regista e Kate McKinnon.

Barbie: il significato di “Weird Barbie” spiegato dal regista e da Kate McKinnon Nel film Barbie, Weird Barbie rappresenta una versione della bambola che è stata modificata e maneggiata nel tempo, e diventa una fonte di umorismo e saggezza. La regista Greta Gerwig voleva che Weird Barbie rappresentasse il destino di molte Barbie che sono […]