Asiatica Film Mediale

Perché il club delle baby sitter è stato cancellato su Netflix, secondo il creatore

Perché il club delle baby sitter è stato cancellato su Netflix, secondo il creatore
Debora

Di Debora

18 Marzo 2022, 11:55


Il creatore di The Baby-Sitters Club si apre sulla decisione di Netflix di cancellare la serie. Basato sui romanzi per bambini con lo stesso nome dell’autrice Ann M. Martin, l’ultimo adattamento è stato presentato per la prima volta nel luglio 2020. Mantenendosi in linea con il materiale originale, offrendo anche aggiornamenti per il pubblico moderno, The Baby-Sitters Club ha seguito le scuole medie – Claudia Kishi (Momona Tamada), Dawn Schafer (Xochitl Gomez), Kristy Thomas (Sophie Grace), Mary-Anne Spier (Malia Baker) e Stacey McGill (Shay Rudolph) – mentre stanno pianificando di avviare un’attività di babysitter.

La stagione 1 del Baby-Sitters Club di Netflix ha ottenuto rapidi e ferventi consensi sia dal pubblico in generale che dalla critica, molti dei quali hanno elogiato l’adattamento per aver attratto in modo efficace gli spettatori di tutte le età. La stagione 2 ha ricevuto elogi ancora più ampi, con il cast lodato per le loro interpretazioni e le trame che riescono nel delicato equilibrio di mantenere un tocco leggero mentre, tuttavia, affrontano ancora questioni importanti. La decisione di Netflix di cancellare The Baby-Sitters Club dopo la stagione 2 è stata accolta con molta sorpresa e obiezione data la popolarità dell’adattamento, in particolare tra le giovani donne.

In un’intervista con Vulture, la creatrice della serie Rachel Shukert ha spiegato perché Netflix ha deciso di cancellare The Baby-Sitters Club. Alla fine Shukert ha attribuito la colpa alla dipendenza del servizio dagli algoritmi. Come ha spiegato, The Baby-Sitters è stato promosso solo al suo presunto pubblico di destinazione di giovani, nonostante i critici di molti gruppi demografici diversi raccomandassero lo spettacolo. In definitiva, Shukert ritiene che Netflix potrebbe non aver dato all’adattamento lo spazio di cui aveva bisogno per crescere, dicendo “Le persone giuste non l’hanno guardato al momento giusto per Netflix”. La citazione completa di Shukert è inclusa di seguito.

“Penso che sia il prodotto della dipendenza da dati algoritmici e non molta volontà di vedere cosa potrebbe diventare lo spettacolo o trovare un modo per presentarlo. Uno spettacolo come questo ha un enorme potenziale nostalgico. Le persone che sono cresciute leggendo i libri, le persone che hanno figli di quell’età… Ma se hai 35 anni e ti sono piaciuti i libri e non guardi molte cose YA o nessuna delle cose per bambini e famiglie di Netflix, Netflix non andrà per mostrarti The Baby-Sitters Club.

Parlavamo e loro dicevano: “Beh, speravamo che avrebbe avuto più successo con il pubblico adulto”. Non succederà se non sanno che è lì! Solo sapendo quali erano i nostri numeri, il pubblico è lì. Non è che nessuno l’abbia guardato. Per qualche motivo, le persone giuste non l’hanno guardato al momento giusto per Netflix in questo momento”.

Shukert, che ha anche lavorato come sceneggiatrice e produttrice per GLOW di Netflix, ha affermato di sentire che lo streamer ha cambiato idea negli anni trascorsi dal debutto del dramma di wrestling. A quel tempo, con uno spettacolo come GLOW, era più accettabile avere una serie più piccola che potrebbe non essere vista da un vasto pubblico. Ma più recentemente, dice Shukert, quella mentalità è cambiata. Forse a testimonianza del mutevole sentimento, anche la stagione 4 di GLOW ha avuto il suo rinnovo annullato, il che significa che lo spettacolo è terminato irrisolto dopo la stagione 3.

Nonostante la sua delusione per la cancellazione dello show, Shukert si complimenta con Netflix per averle concesso la libertà creativa in termini di storie che spera di raccontare con The Baby-Sitters Club. Tuttavia, che sia a causa della maggiore concorrenza o perché, come hanno sottolineato gli analisti, Netflix si è stabilizzato in termini di aggiunta di nuovi abbonati, lo streamer è evidentemente meno disposto a restare fedele a uno spettacolo che non prende fuoco all’istante. Oltre a lasciare perplessi showrunner come Shukert, è possibile che queste cancellazioni improvvise possano lasciare i potenziali spettatori meno disposti a impegnarsi con gli originali di Netflix, per paura che possano essere eliminati a metà. Indipendentemente da ciò, la cancellazione della ricreazione nostalgica di Shukert di The Baby-Sitters Club è stata una delusione per molti.

Fonte: avvoltoio

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Pedro Pascal pensa che Nicolas Cage sarebbe un grande mandaloriano
Pedro Pascal pensa che Nicolas Cage sarebbe un grande mandaloriano

Pedro Pascal pensa che Nicolas Cage sarebbe fantastico come protagonista in The Mandalorian. Pascal ha debuttato nel ruolo di Din Djarin su Disney+ nel 2019, quando lo spettacolo di successo di Star Wars è stato presentato per la prima volta. L’attore è stato scelto per il ruolo dai produttori esecutivi Jon Favreau e Dave Filoni, […]

Daredevil Star è aperta al ritorno nei panni di Karen Page nel riavvio dell’MCU segnalato
Daredevil Star è aperta al ritorno nei panni di Karen Page nel riavvio dell’MCU segnalato

La star di Daredevil Deborah Ann Woll afferma di essere disposta a tornare nei panni di Karen Page nel riavvio del MCU della serie Netflix di successo. Nel 2018, i fan sono rimasti devastati quando è arrivata la notizia che Daredevil non sarebbe tornato per una stagione 4 tanto attesa. Lo spettacolo, che vedeva Charlie […]