Asiatica Film Mediale

Perché il casting di One Piece live-action di Netflix è stato una sfida importante dettagliata dal regista: “[Essa] Vivrà e morirà con il pubblico”

Perché il casting di One Piece live-action di Netflix è stato una sfida importante dettagliata dal regista: “[Essa] Vivrà e morirà con il pubblico”
Debora

Di Debora

29 Agosto 2023, 03:38



Sommario

Il regista Marc Jobst ha affrontato una sfida molto grande nel casting dello show live-action di One Piece, poiché trovare attori con una chimica naturale era fondamentale per il successo. Il processo di casting ha coinvolto migliaia di persone e ha dato priorità ad attori con cuore, calore e potenziale per una chimica sullo schermo. Lo show mira a rimanere fedele al materiale originale, con il coinvolgimento diretto del creatore Eiichiro Oda e sforzi per ricreare dettagli iconici, nonostante alcune leggere modifiche che potrebbero richiedere spiegazioni nell’adattamento live-action.

Con uno dei maggiori lasciti nel genere, il regista Marc Jobst descrive come il casting sia stato una grande sfida per lo show live-action di One Piece di Netflix. Basato sul manga omonimo di Eiichiro Oda, lo show segue Monkey D. Luffy, un pirata con il sogno di diventare il Re dei Pirati, mentre naviga per i mari alla ricerca di una ciurma di navigatori, cuochi e combattenti per trovare il leggendario One Piece. Iñaki Godoy guida il cast di One Piece come Luffy insieme a Emily Rudd, Mackenyu, Jacob Romero Gibson, Taz Skyler, Vincent Regan e Morgan Davies.

In attesa dell’anteprima dello show, Screen Rant ha intervistato esclusivamente Marc Jobst per analizzare lo show live-action di One Piece. Parlando del processo di casting per l’adattamento, il regista ha descritto la grande sfida che lui e il team creativo hanno affrontato nel comporre il cast dello show, spiegando l’importanza di trovare attori con una chimica naturale, poiché quella è la “magia” che “non puoi creare”, e che il successo dello show è in carico a loro. Ecco cosa ha spiegato Jobst:

“Vengo dal teatro, quindi penso che il mio lavoro con gli attori sia molto importante per come prendo in mano gli show d’azione. Penso che questo sia, forse, uno dei motivi per cui io e Marvel abbiamo goduto di una relazione così fruttuosa, perché puoi prendere personaggi bidimensionali e farli sembrare reali, quindi abbiamo lavorato insieme al cast, senza dubbio, fin dal primo giorno. Appena sono entrato a far parte di questo show, abbiamo detto: ‘Dobbiamo iniziare a fare il casting adesso’, prima di tutto perché volevamo un cast globale. Quindi, c’è molta gente da vedere, abbiamo visto migliaia di persone.

In secondo luogo, volevamo attori che avessero cuore, calore e con cui potessimo costruire insieme, che sentissimo ci fosse una certa chimica, perché quella è magia. Non è qualcosa che, sai, non importa quanto siano belli gli script, non importa quanto siano belli i set, non importa quanto buon regista io sia, se non hai quello, non puoi crearlo. One Piece vivrà e morirà da come il pubblico si innamorerà di questi personaggi, quindi abbiamo iniziato quel processo molto, molto presto. Come regista, mi piace dare ai miei attori abbastanza tempo per l’audizione, quindi non li faccio solo venire e leggere una scena e poi dire ‘Grazie mille, ti faremo sapere’. Mi piace lavorare con loro su scene, lavorarci duramente, quindi facciamo audizioni di 20-30 minuti.

Inoltre, volevo attori fisici, non solo attori che possono recitare, gestire il dramma nelle scene emozionali, ma anche che potessero gestire un po’ di azione. Perché il modo in cui giro l’azione, e il modo in cui volevo girare l’azione per One Piece in particolare, erano lunghi, fluidi riprese che li seguivano da una sequenza all’altra, per poi prendere un altro attore per tutto il resto. Ora, se devi continuamente sostituire l’attore con controfigure, non puoi farlo, ed è qualcosa che ho imparato su The Witcher quando stavo lavorando con Henry Cavill.

Luffy è il personaggio più difficile da castare, perché è lui che porta avanti tutto lo show ed è il pilota della positività. Crede nel sognare, crede nel credere in se stessi, ispira le persone ad essere se stesse, ad essere di più. Vuole aiutarli a diventare di più. Quando Kiki è venuto, quando è venuto Iñaki, lo sapevamo, in parte perché ci ha fatto ridere tutti nel provino. Ha fatto qualcosa di pazzo, e fuori dal copione, molto deliberatamente, ed è stato come dire: ‘Ah, ok, ha un po’ di spavalderia e di fascino, e un po’ di chutzpah’. Questo è un po’ Luffy, e il motivo per cui dico che è il più difficile da castare è perché quella positività può diventare abbastanza irritante nel film, e lui non lo è mai stato, secondo me. Ha emanato solo calore e benevolenza.”

Nota dell’editore: Questo articolo è stato scritto durante lo sciopero del 2023 dei sindacati WGA e SAG-AFTRA, e lo show qui trattato non esisterebbe senza il lavoro degli sceneggiatori e degli attori di entrambi i sindacati.

Come il cast live-action di One Piece si confronta con l’anime

Il primo poster rilasciato per l’adattamento Netflix è stato accolto con ampiamente positivo dai fan del materiale originale, sebbene alcuni abbiano avuto problemi con il fatto che Luffy ora indossi un paio di scarpe invece di sandali, che Rudd ha spiegato in seguito che dipendono dal fatto che Godoy e il cast eseguono molte delle loro acrobazie. Il resto del design di Luffy, però, è stato acclamato per la sua ricreazione quasi perfetta di tutto, dalla cicatrice appena sotto l’occhio sinistro al suo iconico cappello di paglia e al CGI usato per i suoi poteri basati sulla gomma.

Anche il design di Roronoa Zoro di Mackenyu ha suscitato domande da parte di alcuni vecchi fan del manga e dell’anime di One Piece, in particolare la scena in cui viene salvato dall’esecuzione da parte dei Marines, mentre le sue abilità con le tre spade e il suo atteggiamento furbo hanno già suscitato grande anticipazione. Nami di Rudd, Sanji di Skylar e Usopp di Gibson, d’altra parte, si avvicinano molto ai loro corrispettivi originali, soprattutto comprensibilmente per la prima, data la sua carriera “non così segreta” di diventare la navigatrice amata da Luffy.

Mentre i dettagli minori verranno scrutati da alcuni fan accaniti delle opere di Oda, Jobst e il resto del team di One Piece live-action sembrano aver fatto ogni passo possibile per rimanere fedeli a ciò che il pubblico ha imparato a conoscere e amare del materiale originale. Inoltre, con lo stesso Oda che ha un coinvolgimento stretto con lo show di Netflix e assicura che nulla si allontani troppo dalla sua visione, sembra probabile che anche le modifiche più minori ricevano spiegazioni significative nella loro trasposizione in live-action.

One Piece sarà disponibile in streaming su Netflix dal 31 agosto.


Potrebbe interessarti

L’attore sostituto di Wheel Of Time stagione 2 si apre riguardo alla sostituzione di Mat Cauthon dopo la stagione 1.
L’attore sostituto di Wheel Of Time stagione 2 si apre riguardo alla sostituzione di Mat Cauthon dopo la stagione 1.

Dónal Finn ha sostituito Barney Harris nel ruolo di Mat Cauthon nella seconda stagione di The Wheel of Time, ma la ragione della uscita di Harris rimane sconosciuta. Finn ha cercato di non pensarci troppo e si è concentrato sull’adorazione del personaggio da parte degli spettatori per motivarsi. Ha creato un retroscena per Mat analizzando […]

La protagonista di Ms. Marvel, Iman Vellani, si traveste da Jubilee degli X-Men in un nuovo e colorato cosplay.
La protagonista di Ms. Marvel, Iman Vellani, si traveste da Jubilee degli X-Men in un nuovo e colorato cosplay.

Sommario Iman Vellani di Ms. Marvel e Maitreyi Ramakrishnan di Never Have I Ever si travestono rispettivamente da Jubilee degli X-Men e Donatello delle Tartarughe Ninja alle Teenage Mutant Ninja Turtles al FAN EXPO Canada. L’ultimo episodio di Ms. Marvel suggerisce il suo futuro ruolo nella storia degli X-Men nell’MCU, rivelando che Kamala è una […]