Asiatica Film Mediale

Perché HBO era inizialmente scettico Il Trono di Spade potrebbe essere un franchise

Perché HBO era inizialmente scettico Il Trono di Spade potrebbe essere un franchise
Debora

Di Debora

19 Luglio 2022, 22:24


Inizialmente la HBO era scettica sul fatto che Game of Thrones potesse essere un franchise di successo. La popolarissima serie fantasy è andata in onda per la prima volta nel 2011 ed è cresciuta costantemente negli ascolti fino a diventare un vero e proprio fenomeno della cultura pop. Basato sulla serie Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco di George RR Martin, l’adattamento della rete del suo mondo complesso è diventato il dramma più vincitore di un Emmy Award di tutti i tempi.

Dopo che Game of Thrones si è concluso nel 2019, molti fan dello show si sono chiesti cosa sarebbe successo dopo, nonostante le recensioni tutt’altro che favorevoli del finale. La risposta è stata svelata nell’ottobre 2019 quando la rete ha ordinato House of the Dragon, un prequel diretto alla serie de Il Trono di Spade creato da Martin e Ryan J. Condal. Basato sul libro di 700 pagine di Martin Fire & Blood, l’attesissimo spinoff segue la Guerra Civile dei Targaryen e sarà presentato in anteprima il suo primo episodio su HBO Max ad agosto. Oltre a House of the Dragon, secondo quanto riferito, HBO ha molti altri spin-off in lavorazione, tra cui The Sea Snake, Ten Thousand Ships e una presunta serie di sequel di Jon Snow, tra gli altri.

Guardando indietro alla serie originale, un insider della HBO ha rivelato a The Hollywood Reporter che la rete inizialmente era scettica sul potenziale del franchise di Game of Thrones. Gli showrunner hanno capito il desiderio dei fan di avere più storie dall’universo di Martin, ma secondo HBO Executive Vice President of Drama, Francesca Orsi non voleva “provare a sostituire Game of Thrones come lo spettacolo più epico della storia”. La citazione completa dell’insider può essere letta di seguito:

“Erano comprensibilmente molto nervosi per aver fallito e non essere all’altezza della serie originale. Non credo che ci fosse molta fiducia internamente [that Thrones was a franchise] perché lo spettacolo era così grande e così seminale.

Nonostante la popolarità della serie, l’eredità di Game of Throne come gigante televisivo significava che espandere l’universo era in qualche modo una scommessa per HBO, che nei suoi quasi 40 anni di storia non aveva mai realizzato un solo spin-off. Molteplici idee per una serie prequel o sequel de Il Trono di Spade sono state lanciate dagli sceneggiatori della HBO, molti dei quali stavano cercando IP Disney come Star Wars e Marvel per esempi di un franchise di successo. Dai numerosi libri di Martin, lui, Condal e i dirigenti della HBO alla fine hanno optato per House of the Dragon per la loro scommessa più sicura per spingere Game of Thrones in un franchise. Non sorprende che la rete sia approdata a uno spinoff incentrato su Targaryen, considerando che i fan casuali di Game of Thrones hanno già vagamente familiarità con la famiglia e la sua storia.

Sarà interessante vedere se HBO può espandere l’universo de Il Trono di Spade in un franchise molto amato o se le puntate future non saranno in grado di essere all’altezza della popolarità della serie originale. Mentre la HBO potrebbe essere stata inizialmente scettica sulla creazione di spettacoli spin-off nello stesso mondo, è lecito ritenere che migliaia, se non milioni di famiglie si sintonizzerà su House of the Dragon quando arriverà sulla piattaforma di streaming il prossimo mese. Considerando che sono passati più di tre anni dall’ultima volta che il pubblico ha visitato il mondo di Game of Thrones, il suo ritorno sul piccolo schermo sarà sicuramente una delle più grandi anteprime televisive dell’estate.

Fonte: The Hollywood Reporter

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Resident Evil Show cracca la Top 10 di Netflix in 92 paesi
Resident Evil Show cracca la Top 10 di Netflix in 92 paesi

Nonostante la divisione tra i fan del franchise, il nuovo show di Resident Evil è entrato nella Top 10 di Netflix in 92 paesi. Sviluppata dall’ex di Supernatural Andrew Dabb, la serie segna il secondo adattamento televisivo del franchise di videogiochi di Capcom dopo il progetto del collega Netflix Resident Evil: Infinite Darkness, che è […]

È possibile che l’idolo possa essere anche più grande dell’euforia
È possibile che l’idolo possa essere anche più grande dell’euforia

Con l’uscita del teaser sexy e pieno di feste della nuova serie HBO The Idol, è possibile che lo spettacolo possa essere più grande di Euphoria? Al momento non ci sono molti dettagli sulla nuova serie di Sam Levinson, che ha co-creato con The Weeknd, che inizialmente ha rivelato il trailer in una delle sue […]