Asiatica Film Mediale

Perché Giancarlo Esposito ha quasi rifiutato Meglio chiamare Saul Return

Perché Giancarlo Esposito ha quasi rifiutato Meglio chiamare Saul Return
Debora

Di Debora

04 Febbraio 2023, 03:58


Nonostante abbia ottenuto due nomination agli Emmy per la sua interpretazione nella serie, Giancarlo Esposito rivela di aver quasi rifiutato il suo ritorno in Better Call Saul. La serie AMC recentemente conclusa ha agito come un prequel di Breaking Bad di Vince Gilligan, ora incentrato sul personaggio titolare di Bob Odenkirk nei suoi anni formativi come arguto avvocato difensore Jimmy McGill prima che diventasse avvocato dalla parlantina della malavita del New Mexico, Saul Goodman. Ambientato sei anni prima degli eventi del suo predecessore, Better Call Saul ha esplorato le prime interazioni di Jimmy con i vari cartelli della droga ad Albuquerque, incluso il rappresentante della famiglia Salamanca Gus Fring.

Mentre appariva nella serie “Iconic Characters” di GQ, Giancarlo Esposito ha riflettuto sul suo periodo nell’universo di Breaking Bad nei panni del boss della droga Gustavo Fring.

Guardando il suo ritorno in franchising in Better Call Saul, Esposito ha rivelato di aver quasi rifiutato l’opportunità di riportare Gus sullo schermo, temendo di rovinare il personaggio dopo aver stabilito un livello elevato con la sua corsa in Breaking Bad. Guarda cosa ha condiviso Esposito di seguito:

Grande decisione da prendere per me. Mi sentivo come se stessi attraversando lo stesso ballo e spero di non aver stressato nessuno alla Buena Vista Productions di Vince. Ma mi sentivo come se non volessi tornare indietro. Nel mio cervello, ero tipo, ‘Non posso scherzare con quel ragazzo. Quel tizio è finito, amico. Lui è storia. È iconico. Non voglio più scherzare con lui.’ Ho detto: ‘No, non scegliere quello. Scegli di superarlo.’ Allora, quali sono i tuoi ostacoli? Tutto questo era nel mio processo decisionale. Cosa puoi fare diversamente? Come puoi creare un Gus diverso? È prima del periodo di Breaking Bad. Ok, quindi è più volatile, è meno controllato. Tutte queste cose sono andate nel cestino e io ho detto: “Sì”.

Perché Gus era la chiave per chiamare meglio Saul

Anche se Esposito potrebbe essere stato riluttante a tornare, Gus alla fine si è rivelato fondamentale per gran parte della trama di Better Call Saul. Come indicato in Breaking Bad prima di esso, Saul aveva alcuni legami con il socio della famiglia Salamanca ben prima di incontrare Walter White di Bryan Cranston e Jesse Pinkman di Aaron Paul che li avrebbero aiutati a espandere il proprio settore. Anche se si sarebbe potuto invece spiegare che i legami di Saul erano attraverso Mike Ehrmantraut di Jonathan Banks, ciò avrebbe comunque richiesto Better Call Saul che mostrasse come quest’ultimo è entrato in contatto con Gus ed è diventato un suo fidato collaboratore.

Anche al di fuori di colmare il divario tra i due spettacoli, Gus ha offerto molta della sua espansione unica della tradizione attraverso la corsa di Better Call Saul. Coloro che si erano innamorati del personaggio di Breaking Bad avevano chiesto a gran voce maggiori informazioni sul retroscena del personaggio, che lo spettacolo prequel offriva in parte, ma lasciava comunque quel tanto che bastava in aria per mantenere l’antagonista un intrigante enigma. Mentre alcuni potrebbero essere ansiosi di vedere Gus ulteriormente esplorato in futuro, il suo ritorno in Better Call Saul non solo ha superato le aspettative di Esposito, ma anche quelle del pubblico.

Spiegazione del potenziale futuro di Breaking Bad

Con Better Call Saul ormai giunto al termine, la domanda vorticosa è cosa riserva il futuro di Breaking Bad. Dopo il suo acclamato ritorno nel prequel di AMC, Esposito ha spesso espresso la speranza di ottenere il suo spin-off intitolato The Rise of Gus per esplorare ulteriormente il suo personaggio, mentre il creatore Vince Gilligan non ha mostrato alcun interesse nell’espandere l’universo. I fan del franchise possono consolarsi sapendo che Gilligan sta riportando in scena l’attore Raymond Cruz di Cranston, Paul e Tuco Salamanca per una pubblicità di Breaking Bad Super Bowl LVII il 12 febbraio, in cui ricreano una scena iconica di “4 Days Out”.

Fonte: Gq


Potrebbe interessarti

Le critiche allo show Netflix dell’autore di The Witcher peggiorano i problemi della terza stagione
Le critiche allo show Netflix dell’autore di The Witcher peggiorano i problemi della terza stagione

I problemi continuano a crescere per l’adattamento di The Witcher di Netflix, con le critiche del creatore del franchise che rappresentano l’ennesima battuta d’arresto. Con Henry Cavill nei panni del titolare Geralt di Rivia, le stagioni 1 e 2 di The Witcher si sono rivelate abbastanza riuscite da indurre Netflix ad espandere il suo universo […]

Doctor Who’s Wild Nuovo design TARDIS preso in giro dal produttore
Doctor Who’s Wild Nuovo design TARDIS preso in giro dal produttore

Il produttore esecutivo di Doctor Who, Joel Collins, anticipa un nuovo design per l’iconica cabina della polizia dello show, il TARDIS. La macchina del tempo ha avuto molti aspetti diversi nel corso dei 60 anni di storia dello show, e ora la nave del Dottore – notoriamente più grande all’interno – potrebbe ricevere il suo […]