Asiatica Film Mediale

Perché Emily In Paris Stagione 2 non affronterà la pandemia?

Perché Emily In Paris Stagione 2 non affronterà la pandemia?
Debora

Di Debora

20 Dicembre 2021, 01:43


La seconda stagione di Emily In Paris non affronterà la pandemia di coronavirus, secondo la star Lily Collins. La commedia romantica di successo di Netflix Emily In Paris, creata dallo scrittore, regista e produttore Darren Star, che ha anche creato la commedia drammatica di successo Sex and the City, è andata in onda per la prima volta sul gigante dello streaming nell’ottobre 2020. Con 10 episodi, i primi dello show La stagione ha ricevuto recensioni positive da parte della critica ed è stata un successo tra gli spettatori, con 58 milioni di famiglie che si sono sintonizzate per guardarla. Lo spettacolo è rimasto anche nell’elenco Netflix Top 10 del Regno Unito per 40 giorni consecutivi dopo la sua uscita.

La serie segue Emily, una ventenne americana, che si trasferisce a Parigi per lavorare per un’azienda di marketing francese e si trova in contrasto con la sua nuova cultura. Interpretato da Collins nei panni dell’omonima Emily, il programma presenta un cast corale, tra cui Philippine Leroy-Beaulieu, Ashley Park, Camille Razat e Lucas Bravo. A novembre 2020, Netflix ha dato il via libera alla stagione 2 di Emily In Paris, che sarà presentata in anteprima il 22 dicembre 2021.

In un’intervista con Variety, Collins ha parlato dell’imminente seconda stagione e di come, a differenza di altri spettacoli ambientati nei tempi attuali, la seconda stagione di Emily In Paris ignorerà la pandemia. La star 32enne di To The Bone ha avuto il tempo di spiegare la decisione dei produttori di non affrontare la pandemia nello show. Leggi i commenti dell’attrice britannica di seguito:

“La stagione 1 ci ha permesso di evadere dalla realtà quando è emerso che sentiva che era qualcosa che doveva continuare, non affrontandolo perché porta un senso di evasione, gioia e risate in un momento in cui ne abbiamo più bisogno”.

La mossa ha sicuramente senso in linea con i sentimenti dello spettacolo e lo distingue da molti dei programmi che si sono evoluti per includere la pandemia nelle loro trame. Ad esempio, spettacoli come Grey’s Anatomy e This Is Us includevano trame con COVID-19 e la pandemia globale, molto probabilmente per aumentare l’autenticità. È una mossa comune per molti spettacoli rispecchiare eventi globali, ma non è raro che alcuni film e programmi TV ignorino gli eventi e rimangano all’interno del loro universo, come ha scelto di fare Emily In Paris.

È una mossa che probabilmente avrà richiesto un po’ di riflessione e discussione e, poiché la prima stagione dello show è stata realizzata prima del primo blocco iniziale, questo sarebbe stato un punto della trama completamente nuovo da provare ad affrontare. Quando le persone si siedono per guardare o trasmettere in streaming un film o un programma TV, spesso è per trascorrere un po’ di tempo in un altro mondo o in una storia, e progetti troppo realistici possono scoraggiare alcuni spettatori. Sembra che i produttori di Emily In Paris siano desiderosi di continuare a fornire quello sfogo di evasione che Collins ha toccato, e questa è una mossa che la maggior parte dei fan senza dubbio accoglierà con favore. Resta da vedere se lo spettacolo continuerà a ignorare la pandemia e le conseguenze da essa, nelle stagioni future (se ce ne saranno). Ma è chiaro che Emily In Paris sta prendendo provvedimenti per attirare un vasto pubblico e continuare a fornire il fattore benessere nonostante gli eventi globali.

Fonte: Varietà

.item-num::after { content: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

C’è sempre il sole: ogni disastro del 2020 in cui è stata coinvolta la banda
C’è sempre il sole: ogni disastro del 2020 in cui è stata coinvolta la banda

Attenzione: quanto segue contiene SPOILER per C’è sempre il sole a Philadelphia. C’è sempre il sole a Philadelphia stagione 15, episodio 1, “2020: A Year In Review”, rivela cosa è successo a ciascun membro della banda durante l’interruzione della pandemia dello show e ogni disastro del 2020 in cui sono stati coinvolti. Dalla prima stagione […]

Witcher Stagione 2: Nivellen creato interamente con protesi e senza CGI
Witcher Stagione 2: Nivellen creato interamente con protesi e senza CGI

La star di Game of Thrones, Kristofer Hivju, rivela che il suo personaggio, Nivellen, della stagione 2 di The Witcher è stato creato interamente con protesi e non con immagini generate al computer (CGI). Hivju è meglio conosciuto per aver interpretato il leader selvaggio, Tormund Giantsbane, nella serie originale della HBO, Game of Thrones. L’attore […]