Notizie Serie TVPerché Andor sembra molto meglio degli altri spettacoli di...

Perché Andor sembra molto meglio degli altri spettacoli di Star Wars della Disney

-


Andor è la quarta serie di Star Wars a essere lanciata su Disney+, ma è lo spettacolo di Star Wars più bello di sempre. Spettacoli come The Mandalorian o Obi-Wan Kenobi portano l’estetica di Star Wars sul piccolo schermo e sembrano per lo più grandiosi, ma nonostante l’alto valore di produzione di questi, alcuni elementi finiscono per sembrare stranamente economici.

Star Wars ha sempre stabilito un nuovo standard per lo spettacolo cinematografico, aprendo nuove strade per gli effetti visivi, spesso creando nuove tecnologie per farlo. The Mandalorian ha continuato quella tradizione con l’introduzione di StageCraft, AKA “The Volume”, un palcoscenico sonoro con pareti di pannelli LED che è stato utilizzato finora in tutti gli spettacoli di Star Wars, ad eccezione di Andor.

Sebbene le pareti a LED di The Volume consentano ai realizzatori di simulare quasi tutti i set, creando ambienti dall’aspetto realistico senza il problema di schermi blu o verdi o le spese di viaggio e la costruzione di set pratici, presenta ancora alcuni difetti. Poiché Andor è il primo spettacolo Disney+ di Star Wars a evitare The Volume a favore delle riprese in esterni, il valore della produzione della serie è in netto contrasto con gli altri spettacoli Disney+ di Star Wars.

Come l’uso del volume da parte di Star Wars migliora su schermo blu e CGI

Il volume è un enorme balzo in avanti nella tecnologia del cinema in diversi modi. Rispetto al tradizionale schermo verde, The Volume crea l’aspetto quasi finale della scena mentre viene girata sul set, il che significa che gli attori non devono lavorare esclusivamente con la loro immaginazione, i registi possono prendere decisioni più creative mentre la scena viene girata, e rende anche l’illuminazione e i riflessi più naturali. Ciò è particolarmente conveniente per spettacoli come The Mandalorian in cui l’elmetto riflettente indossato da Din Djarin rappresenterebbe in genere un compito noioso per gli artisti di effetti visivi di sostituire accuratamente i riflessi dello schermo verde nell’elmetto. Invece, il casco riflette l’ambiente raffigurato sugli schermi LED di The Volume, che è molto più conveniente per tutte le persone coinvolte.

Tuttavia, la tecnologia StageCraft creata con The Volume non è solo un prodotto degli schermi. C’è anche un’interfaccia con le telecamere in modo che gli sfondi mostrati sui LED wall si spostino dinamicamente a seconda dell’angolazione della telecamera per dare un effetto di parallasse per mantenere il senso della prospettiva. Con una schermata blu, questo tipo di effetto viene creato in post-produzione per adattarsi al movimento della telecamera e, sebbene il risultato finale possa essere comunque ottimo a seconda della pianificazione e del design delle riprese elaborati con il regista e il supervisore degli effetti visivi, l’aspetto finale esiste solo nell’immaginazione di tutti sul set. Chiaramente, The Volume è uno strumento impressionante che risolve molte complicazioni poste dal tradizionale schermo blu o schermo verde, sebbene non sia ancora una soluzione perfetta.

Perché l’uso del volume da parte di Star Wars ha dei limiti

Il volume è un enorme passo avanti in molti modi, ma non è privo di limitazioni e, a volte, tali limitazioni si traducono in un prodotto finale dall’aspetto più economico. È interessante notare che molti di questi problemi, come con lo schermo blu e lo schermo verde, sono meno legati alle capacità di The Volume come strumento e sono in realtà un prodotto delle decisioni creative prese dai registi che lavorano con lo strumento.

Fondamentalmente, il problema più grande con la tecnologia StageCraft è il fatto che alla fine è ancora un palcoscenico, quindi quasi il 100 percento del realismo dipende ancora dal cast e dalla troupe. Illuminazione dinamica, effetti del vento, polvere e detriti, ecc. sono tutti fattori che devono essere creati artificialmente. La tecnologia StageCraft significa che il team creativo può diventare più ambizioso con i tipi di scene che gira in The Volume, ma ciò aumenta anche il livello di accompagnamento dei dettagli ambientali, facendo sembrare molto più stridente qualsiasi discrepanza. Questo non è un problema unico per The Volume, ma la facilità di produzione significa che i realizzatori attribuiscono una priorità minore a mascherare la tecnologia nel design delle riprese come farebbero con il green screen.

Il fatto che The Volume sia in definitiva ancora un palcoscenico influenza anche il modo in cui le scene vengono messe in scena e bloccate. Quanti attori sono effettivamente nella scena, dove si trovano, dove si muovono, con quali elementi del set interagiscono e dove si trova la telecamera sono tutti influenzati da questo. Quindi, mentre una scena potrebbe svolgersi in un grande hangar con dozzine di assaltatori che camminano sullo sfondo, la ripresa effettiva potrebbe mostrare solo pochi personaggi che interagiscono tra loro come farebbero in uno spettacolo teatrale con uno sfondo eccezionalmente dettagliato, creando un una sorta di effetto “valle misteriosa” in cui il set appare realisticamente grande, il personaggio e le interazioni ambientali sembrano ancora girate su un palco più piccolo.

Una complicazione simile si verifica quando si modificano le scene, in particolare quando un personaggio si muove in un luogo. Un esempio di eccellente esecuzione in The Volume è l’introduzione di Din Djarin nel capitolo 5 de Il libro di Boba Fett. L’inquadratura dal design eccellente è una carrellata “one” di quasi due minuti e mezzo con un Mando ferito che zoppica su un ascensore, sale con l’ascensore, cammina attraverso una discoteca fino a una sala VIP dove la telecamera gira intorno al tavolo durante una conversazione prima di seguire Mando mentre torna zoppicando verso l’ascensore e lo riporta giù. Sarebbe una ripresa ben progettata in qualsiasi circostanza, ma il fatto che sia stata girata in The Volume senza ascensore lo rende molto più impressionante. Al contrario, la progettazione e il montaggio delle riprese scadenti creano problemi evidenti, come il parkour di Reva che corre sui tetti di Obi-Wan Kenobi dove non c’è coerenza nello sfondo e gli ostacoli apparentemente appaiono e scompaiono, creando enormi errori di continuità ogni volta che la telecamera passa a una nuova angolo.

Perché la produzione pratica di Andor sembra migliore di altri spettacoli di Star Wars

Il fatto che questi problemi sorgano negli spettacoli di Star Wars è particolarmente ironico poiché l’aspetto iconico di Star Wars è in gran parte derivato dal processo decisionale creativo guidato da vincoli di budget. I prequel di Star Wars sono notoriamente criticati per il loro uso di schermo verde e CGI, ma questi problemi derivano comunemente da elementi fantastici che spingono i confini, mentre molti degli usi più sottili di CGI e altri trucchi passano inosservati. Una delle maggiori lamentele sull’approccio di Lucas ai prequel di Star Wars è che si sarebbe affidato troppo agli strumenti digitali per risolvere i problemi invece di trovare soluzioni più innovative come ha fatto con la trilogia originale. È interessante notare che alcuni di questa stessa dicotomia giocano con Andor.

Dal momento che Andor è principalmente girato in esterni, ci sono una serie di miglioramenti immediati e chiari rispetto a The Volume. Anche le riprese in esterni sono una sorta di “realtà simulata” poiché il vento, l’illuminazione e altre condizioni ambientali sono spesso ancora fabbricate, ma c’è un ulteriore senso di realismo tangibile poiché viene fabbricato all’aperto su un set reale invece che su un ambiente pulito e statico palcoscenico.

Inoltre, poiché tutti i set sono reali, ciò significa che i set sono molto più interattivi, il che significa che i personaggi possono interagire di più con l’ambiente ed è più facile mantenere un senso logistico durante il montaggio poiché gli ambienti esistono effettivamente e non vengono assemblati digitalmente. Tuttavia, poiché questi ambienti in realtà non esistono nell’universo di Star Wars (come gli ambienti digitali utilizzati in altri spettacoli di Star Wars prodotti con The Volume), i realizzatori devono utilizzare la magia del film per farli sembrare in quel modo, il che significa scenografia, la cinematografia e il montaggio sono tutti al lavoro per far sentire l’ambiente del mondo reale come se appartenesse a una galassia lontana, molto lontana. Potrebbe essere più difficile da eseguire rispetto a girare semplicemente un ambiente artificiale in The Mandalorian, ma i vincoli alla fine si traducono in un’estetica più tangibile e credibile.

In definitiva, StageCraft è una nuova straordinaria tecnologia e i registi possono utilizzare The Volume per fare cose impressionanti, ma come l’uso dello schermo blu e dello schermo verde, ciò non si traduce sempre in un prodotto finale migliore. Man mano che la tecnologia si evolve e i registi imparano come applicarla, sembrerà sempre migliore, ma alla fine è solo un altro strumento che i registi possono utilizzare. L’uso di luoghi pratici da parte di Andor non è solo buono perché si traduce nella più bella serie di Star Wars, ma perché mostra che Disney e Lucasfilm non richiedono un approccio unico per la produzione degli spettacoli di Star Wars , lasciando ai registi l’utilizzo degli strumenti più adatti al lavoro.

Ultime News

Il video di Conjuring 2 BTS mostra le abilità musicali di Patrick Wilson

All'inizio della stagione di Halloween, James Wan ha condiviso un nuovo video dietro le quinte di The Conjuring...

L’attore cattivo originale di Deadpool affronta il possibile ritorno di Deadpool 3

Ed Skrein, che ha interpretato il cattivo Ajax nel primo film di Deadpool, parla del suo potenziale ritorno...

Hocus Pocus 2 distrugge la strega madre di Hannah Waddingham (ma può cambiare)

Hocus Pocus 2 sottoutilizza enormemente il divertente personaggio di Hannah Waddingham, The Witch Mother, ma dovrebbe sfruttare l'enorme...

Ogni cameo in Bros spiegato e cosa significano

Avvertenze: contiene spoiler per Bros! La commedia romantica ha un cast principale forte e personaggi secondari, ma...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te