Asiatica Film Mediale

Pearl Early Reviews Loda il prequel del film horror X di Mia Goth

Pearl Early Reviews Loda il prequel del film horror X di Mia Goth
Erica

Di Erica

04 Settembre 2022, 04:16


Con meno di un mese rimanente al suo arrivo, le prime recensioni di Pearl sono arrivate e i critici stanno elogiando il prequel del film horror X di Mia Goth. Il film in uscita è ambientato 60 anni prima del suo predecessore e sarà incentrato sul personaggio principale di Goth, esplorando la sua storia di origine nel 1918 mentre lotta con i sentimenti di isolamento per prendersi cura del padre in coma e la microgestione di sua madre, mentre sogna anche di diventare la prossima Stella di Hollywood. Mentre le sue frustrazioni e tentazioni iniziano a ribollire, Pearl si ritrova a percorrere un sentiero oscuro che porterà a molti spargimenti di sangue.

Goth, che ha interpretato una versione precedente di Pearl in X, torna a guidare il cast di Pearl che include anche David Corenswet, Tandi Wright, Matthew Sunderland ed Emma Jenkins-Purro. Anche Ti West è tornato a dirigere il prequel del film horror, dopo averlo scritto insieme a Goth e filmato in segreto sullo stesso set di X subito dopo aver completato l’acclamata foto slasher. Mentre coloro che si sono innamorati di X attendono con impazienza il suo arrivo, i fan hanno un nuovo motivo per essere entusiasti dell’uscita di Pearl.

Dopo la sua premiere al Festival Internazionale del Cinema di Venezia, i critici hanno iniziato a pubblicare le loro prime recensioni su Pearl. La maggior parte elogia il film horror prequel X di Mia Goth, celebrando la sua interpretazione e l’approfondimento del retroscena del suo personaggio titolare, mentre altri sono divisi sulla sua capacità di essere all’altezza del suo predecessore e del suo ritmo lento. Guarda cosa dicono alcuni critici di seguito:

William Bibbiani, L’involucro:

Ciò che è davvero straordinario è che “Pearl” è più di un semplice prequel fantastico: illumina e ricontestualizza con successo il suo predecessore, migliorando notevolmente un film che era già stato acclamato all’inizio.

Jack King, la playlist:

Nonostante la logica fragile, “Pearl” è il superiore dei due slasher fortemente stilizzati, in parte perché dedica così tanto tempo alla costruzione dell’omonima antieroina da zero.

Peter Bradshaw, The Guardian:

Forse non avrei dovuto godermi Pearl tanto quanto mi è piaciuto: ma è intelligente, agile, raccapricciante e brutalmente ben recitato. Una gemma.

Kate Erbland, IndieWire:

È un’impresa cinematografica impressionante, ma che non rivela nulla di nuovo, un grande passo falso per un film apparentemente dedicato a fare proprio questo. Che senso ha un prequel? Sappiamo già tutto ciò di cui abbiamo bisogno su Pearl, ma in qualche modo sembra meno soddisfacente di come l’abbiamo lasciata l’ultima volta, distrutta, sanguinante e schiacciata, ma almeno del tutto originale.

David Rooney, THR:

Se la serie di omicidi che ne risulta si basa sull’immaginazione e manca di un vero fattore di spavento, lo stile retrò del prequel è una delizia. I colori saturati delle immagini del direttore della fotografia Eliot Rockett saltano praticamente fuori dallo schermo e i grandi suoni crescenti della colonna sonora orchestrale della vecchia scuola di Tyler Bates e Tim Williams segnalano fin dall’inizio grande dramma e pericolo. Il carattere vintage del titolo e l’uso fantasioso di salviette e dissolvenze nelle transizioni di scena completano l’illusione ammiccante degli anni ’50.

James Mottram, I giochi, i film, la tv che ami:

Intelligente, violento e malvagio, con una svolta favolosamente sfrenata da Goth, il racconto psicopatico di West ha davvero l’X Factor.

Peter Debruge, Varietà:

Mentre “X” si è svolto come un ristretto omaggio “Texas Chain Saw Massacre” con una lasciva serie di Russ Meyer, questo si rivela essere un incrocio abbastanza diretto tra “Psycho” e “What Ever Happened to Baby Jane?”, con Mia Goth che recita all-in nei panni di una contadina di una piccola città che farà di tutto per diventare una star. In breve, “Pearl” è il prequel che nessuno ha chiesto per un film che non molte persone hanno visto. Eppure, nonostante sia una sorta di ripensamento, il suo aspetto distintivo e l’antieroe stranamente attraente (immagina Norman Bates nei panni di Shelley Duvall) potrebbero effettivamente renderlo il più popolare dei due film.

Robbie Collin, The Telegraph:

Non è richiesta una conoscenza pratica di X per godersi l’elegante bagno di sangue che ne consegue. Ma astuti parallelismi si nascondono ovunque, dalla convinzione condivisa di Pearl e Maxine nella celebrità come mezzo di reinvenzione ai vari luoghi, oggetti di scena e persino costumi ricorrenti condivisi dagli anni ’70 schifosi e pessimisti del primo film e questo West apparentemente più innocente inizialmente alza il colore per livelli pastiche, ma mentre la disperazione di Pearl aumenta, l’aspetto del suo mondo sembra stravolto da Psycho e The Texas Chain Saw Massacre: è come se quei due film, ambientati più o meno a metà della vita del cinema, fossero un doppio buco nero di depravazione da cui il medium non potrà mai sfuggire.

Tim Grierson, Screen Daily:

Il sequel di “X” di Ti West presenta una performance stellare di Mia Goth in un avvincente studio sul personaggio

Le prime recensioni di The Pearl dovrebbero essere un segnale molto promettente per coloro che hanno apprezzato la X di West, in particolare perché la maggior parte delle loro lodi è diretta alla performance di Goth nel ruolo centrale e alla tavolozza Technicolor del direttore della fotografia Eliot Rockett. Data la natura molto sperimentale del prequel del film horror, essendo stato girato in segreto, dovrebbe anche essere un segnale promettente per il produttore A24 vedere una prima ondata di accoglienza positiva per il film. Sebbene alcune prime recensioni di Pearl sembrino divise sul ritmo come con X, sembra che possa soddisfare il livello elevato stabilito dal suo predecessore, che attualmente si trova a un punteggio di approvazione “Certified Fresh” del 94% da parte della critica su Rotten Tomatoes.

Con il pubblico che ora ha familiarità con il mondo di X e Pearl, le prime recensioni elogiano il prequel del film horror, sarà interessante vedere come il film favorisca rispetto al suo predecessore. Avendo incassato oltre 14,5 milioni di dollari contro il suo budget di produzione di 1 milione di dollari, l’originale è stato un modesto successo al botteghino e con West che ha anticipato i piani per un terzo film di X, sembra probabile che Pearl possa almeno eguagliare X e mantenere vive le speranze del franchise del regista. Solo il tempo dirà quando Pearl uscirà nei cinema il 16 settembre.

Fonti: Varie [See links above]


Potrebbe interessarti

Il tema di Indiana Jones 5 per Phoebe Waller-Bridge svelato dal compositore
Il tema di Indiana Jones 5 per Phoebe Waller-Bridge svelato dal compositore

Il compositore John Williams rivela la colonna sonora e il nome del personaggio di Phoebe Waller-Bridge in Indiana Jones 5. L’attesissimo prossimo capitolo della saga di Indiana Jones segnerà il ritorno del franchise sul grande schermo dopo più di un decennio, dopo Kingdom of the Teschio di cristallo nel 2008. Harrison Ford ritorna nei panni […]

No Time to Die Star prende in giro il potenziale ritorno di Bond 26
No Time to Die Star prende in giro il potenziale ritorno di Bond 26

Attenzione: questo articolo contiene spoiler per No Time to Die. Léa Seydoux anticipa che il suo personaggio di James Bond potrebbe benissimo tornare in Bond 26. L’attrice francese, che ha fatto irruzione sulla scena cinematografica internazionale nei primi anni 2010 in film come Mission: Impossible – Ghost Protocol e Blue is the Warmest Colour, apparso […]