Asiatica Film Mediale

Peacemaker dimostra che Gunn aveva ragione a ignorare le denunce della Suicide Squad

Peacemaker dimostra che Gunn aveva ragione a ignorare le denunce della Suicide Squad
Debora

Di Debora

12 Gennaio 2022, 03:37


Peacemaker di James Gunn potrebbe non essere stato lo spin-off più atteso di The Suicide Squad, anche con John Cena nel ruolo principale, ma lo show della HBO Max fa saltare in aria ogni cinismo sulla scelta. Mentre il personaggio di Cena è stata una scelta divisiva sulla scia dell’uscita di The Suicide Squad, in particolare con artisti del calibro di Ratcatcher e King Shark disponibili (e Harley Quinn ancora il più grande marchio bancabile lì dentro), ciò in realtà alimenta quanto sia inaspettatamente brillante lo spettacolo. In termini molto reali, nessuno era o è pronto per il nuovo spin-off della Task Force X.

Probabilmente Ratcatcher 2 di Daniela Melchior sarebbe stata la scelta della maggior parte dei fan per interpretare il ruolo di protagonista di uno spin-off di The Suicide Squad, senza dubbio con il possibile bonus aggiuntivo di una squadra di King Shark, data la sua chimica con Sylvester Stallone gigantesco uomo-pesce – e Peacemaker avrebbe raggiunto un fondo solido. Non era che il maniaco amante della pace di Cena fosse un cattivo personaggio di per sé: era perfettamente formato per quello che doveva fare e un forte ostacolo per lo scontro di ego maschilista di BS con Bloodsport di Idris Elba. Ma non aveva né il fattore cool né la simpatia solitamente riservati agli spin-off. Riflettendoci, probabilmente sembrerà che la decisione di James Gunn di usare Peacemaker di Cena nello spin-off di The Suicide Squad sia stata una scelta provocatoria a causa delle sfide. Gunn, dopo tutto, non è noto per prendere facili sterline.

Tutti i 15 programmi TV DC in uscita dopo The Suicide Squad

Ma anche con il fascino di prendere qualcuno così completamente problematico come Peacemaker, lo spin-off ha dovuto superare alcune serie sfide. Non ultimo perché questo è il primo programma televisivo spin-off DCEU e potrebbe creare un precedente redditizio per Warner Bros e HBO Max se ne venissero incoraggiati altri a seguire. E quasi sorprendentemente, Gunn non solo l’ha raggiunto, ha superato ogni aspettativa per realizzare uno show televisivo in Peacemaker che va così oltre la solita amplificazione di ciò che ha reso divertente il personaggio a fuoco che è come uno scherzo. Sì, Chris Smith è ancora un immondizia, ma Gunn è andato allo stesso pozzo che ha creato i buchi raccolti dai Guardiani della Galassia per dare a Peacemaker un’origine, un cuore e persino, notevolmente, una certa profondità. Le battute sul cazzo continuano a essere fitte e veloci, ma hanno delle sfumature. Sì, l’ossimoro è inteso. Fondamentalmente, Peacemaker rende ridicolo qualsiasi suggerimento che Gunn abbia scelto il personaggio sbagliato.

A rigor di termini, insieme a forse Harley Quinn – che la Warner Bros voleva in The Suicide Squad, non importa quale – Peacemaker è il più James Gunn della lista di personaggi del DCEU. È un rifiuto, vive all’ombra di suo padre, lotta con la sua immagine di sé gonfiandosi come un pallone e vive ancora secondo un codice morale, proprio come tendono a fare tutti i personaggi più meschini e cattivi di Gunn. Potrebbe non essere allineato con quello di tutti gli altri, ma i personaggi di Gunn non sono mai privi di una serie di principi. Anche nei primi tre episodi, che sono sanguinosi, oltraggiosi e pieni di allusioni che si collocano appena al di sopra del puerile, c’è abbastanza per suggerire che devi conoscere di più Peacemaker. Per… amarlo?

Il grande trucco narrativo di Gunn è che può far sì che chiunque si prenda cura di chiunque. Un procione volgare e irascibile? Un aspirante Han Solo leggermente idiota con precedenti penali e un intelletto emotivo gravemente disadattato? Un albero? Nessun problema. Ha realizzato Weasel, una palla di pelo completamente in CG con occhi finti e impatto letteralmente zero sulla trama, una delle cose più memorabili di The Suicide Squad. Chi altro può rivendicare risultati del genere? E Peacemaker potrebbe essere ancora il suo miglior risultato perché non è partito da una tabula rasa; ha iniziato da una posizione di rosso nel suo libro mastro – alla gente attivamente non piaceva Peacemaker di John Cena. La gente si lamentava attivamente del fatto che avesse ottenuto il suo spin-off dopo The Suicide Squad. Le persone non erano pronte. Perché quando il team di marketing ha inventato “F*ck! It’s Peacemaker”, intendevano davvero questo.

Date di uscita chiave The Batman (2022)Data di uscita: 04 marzo 2022 DC League of Super-Pets (2022)Data di uscita: 20 maggio 2022 Black Adam (2022)Data di uscita: 29 luglio 2022 The Flash (2022)Data di uscita : 04 novembre 2022 Aquaman and the Lost Kingdom (2022)Data di uscita: 16 dicembre 2022 Shazam! Fury of the Gods (2023)Data di uscita: 02 giugno 2023


Potrebbe interessarti

Kat Dennings e i suoi amici acquistano giocattoli per adulti nel trailer della seconda stagione di Dollface
Kat Dennings e i suoi amici acquistano giocattoli per adulti nel trailer della seconda stagione di Dollface

Hulu ha rilasciato il primo trailer della seconda stagione di Dollface e contiene tutto l’umorismo volgare e surrealista della prima stagione. Dollface è stato presentato in anteprima su Hulu nel novembre 2019 e vede Kat Dennings nei panni di Jules, una giovane donna che deve rientrare nella scena degli appuntamenti e riconnettersi con i suoi […]

Il video BTS della quarta stagione di Cobra Kai mostra l’allenamento acrobatico del cast
Il video BTS della quarta stagione di Cobra Kai mostra l’allenamento acrobatico del cast

ATTENZIONE: questo articolo contiene spoiler per la stagione 4 di Cobra Kai Cobra Kai sta mostrando l’allenamento acrobatico del suo cast per la stagione 4 in un nuovo video dietro le quinte. Nata su YouTube Red per le stagioni 1 e 2 prima di passare a Netflix, la serie di successo funge da sequel di […]