Notizie Serie TVPaulie di Tony Sirico è stata la chiave dell'arma...

Paulie di Tony Sirico è stata la chiave dell’arma segreta dei Soprano

-


La triste morte di Tony Sirico ha ricordato al pubblico che la sua interpretazione di Paulie “Walnuts” Gualtieri è stata la chiave dell’arma segreta dei Soprano. Paulie è stato uno dei pochi membri dell’impero criminale di Tony Soprano ad essere rimasto in piedi quando lo spettacolo è terminato nel 2007. È stato definito dal suo carattere irascibile, comportamento irrazionale e spiritualità sorprendente che si è manifestata come superstizione e visioni della Vergine Maria in una striscia club.

Tony Sirico è cresciuto a Brooklyn negli anni ’40 e in passato aveva parlato di come fosse stato sedotto dal fascino del crimine organizzato. Tuttavia, la recitazione lo ha aiutato a dare una svolta alla sua vita quando, durante una pena detentiva nei primi anni ’70, è stato ispirato dall’esibizione di un gruppo di ex truffatori. Insieme alle apparizioni in numerosi film tra cui Cop Land di James Mangold, Sirico era anche una comparsa non accreditata nei film Il Padrino prima che Quei bravi ragazzi e I Soprano lo rendessero un nome familiare. Il suo ruolo di Paulie in I Soprano è ancora considerato uno dei migliori personaggi dei drama televisivi ed è la chiave per ciò che ha reso lo spettacolo un tale successo.

Tony Sirico ha ovviamente portato le sue esperienze di vita da “ragazzo con le pistole” confessato nel ruolo dei Soprano di Paulie “Walnuts” Gualtieri. Ma legare direttamente la sua interpretazione alla sua educazione e al passato criminale è riduttivo e svende proprio quello che era un grande attore Tony Sirico. Conteneva moltitudini ed era in grado di ritrarre Paulie come un delinquente minaccioso e imprevedibile, che era anche incredibilmente divertente e profondamente vulnerabile. Questa dicotomia nera e comica era perfetta per il ritratto più psicologico del creatore David Chase della mascolinità moderna e della famiglia attraverso l’obiettivo di uno spettacolo di gangster de I Soprano.

Paulie di Tony Sirico ha contribuito a rendere i Soprano molto più di uno spettacolo di gangster

I Soprano sono sempre stati interessati a qualcosa di più della criminalità organizzata. Aveva anche un elemento soprannaturale che suggeriva l’esistenza di fantasmi nel mondo dei Soprano. Paulie era la più ferma sostenitrice del soprannaturale, come si vede nella stagione 2 de I Soprano, episodio 9, “Da dove all’eternità”. Scosso dalle visioni di pre-morte di Christopher, Paulie è perseguitato dai vari gangster che ha picchiato durante la sua lunga carriera. La sua ragazza lo convince a visitare un medium psichico, che lo inorridisce conoscendo informazioni sensibili su una delle sue tante vittime. È una scena che avrebbe potuto essere interpretata per grandi risate in uno sketch show, ma Tony Sirico la fonda sapendo fino a che punto spingere la commedia della scena.

È un momento emblematico dell’abilità dei Soprano nel collocare gli archetipi dei gangster all’interno di ambientazioni sconosciute al genere, qualcosa che è stato sempre migliorato dalla performance di Tony Sirico. Ad esempio, in una delle prime scene della prima stagione de I Soprano, Paulie lamenta l’incapacità degli italoamericani di trarre profitto da caffè espresso e cappuccini nella stessa misura di Starbucks. Avrebbe potuto essere un falso imitatore del tipo di scene di chiacchiere di gangster comici in cui eccellono registi come Quentin Tarantino e Martin Scorsese. Tuttavia, la performance di Sirico la fa sentire fresca e fresca, grazie al modo in cui bilancia l’orgoglio culturale intaccato e la rabbia ribollente di Paulie.

Ciò che il pubblico spesso dimentica de I Soprano è quanto fosse divertente, e gran parte di quella commedia è dovuta a Tony Sirico nei panni di Paulie e alle sue scene con Christopher di Michael Imperioli. Uno degli episodi più amati de I Soprano è “Pine Barrens”. È essenzialmente un film di amici non corrispondenti su due sicari bloccati nella natura selvaggia e presenta alcuni eccezionali fumetti avanti e indietro tra Sirico e Imperioli. Quando Paulie racconta il messaggio di Tony su un assassino russo “decoratore d’interni” a Christopher, lui risponde: “La sua casa sembrava una merda”. È quasi come Abbott e Costello nelle sue battute comiche ed è perfettamente interpretato da Sirico e Imperioli. È uno dei tanti esempi della commedia da ridere presente nelle sei stagioni de I Soprano e sottolinea che spettacolo geniale e multistrato fosse.

Paulie di Tony Sirico è una parte enorme della popolarità moderna dei Soprano

Tony Sirico in seguito è apparso negli spettacoli di Seth MacFarlane I Griffin e American Dad sia come sostituto del cane parlante Brian sia come versioni parodia sottilmente velate di se stesso e del suo amato personaggio dei Soprano. Più sorprendente, forse, è il modo in cui Paulie dei Soprano è stato accolto dalla cultura dei meme di Internet negli ultimi anni. Non sorprende, dato il mezzo visivo, che il volto brillantemente espressivo di Sirico sia stato adottato in modelli di meme familiari come “Se non puoi amarmi dal mio/non mi meriti dal mio” o creando il proprio meme nel forma di “Ay, Tone”.

Mentre i meme ispiranti sono ovviamente una nota a piè di pagina nella carriera di Tony Sirico, riflette come I Soprano siano ancora una parte enorme della cultura. Uno dei principali successi de I Soprano è stato che c’era qualcosa di universale nei suoi temi di famiglia, trauma generazionale e salute mentale. Questi temi de I Soprano di David Chase sono ancora oggi incredibilmente attuali e, indipendentemente dal fatto che sia un gangster o meno, il pubblico conosce qualcuno come Paulie Gualtieri: un collega o un familiare desideroso di compiacere che a volte è pronto ad arrabbiarsi e deviare dai loro insicurezze con le battute. La performance multistrato di Tony Sirico nei panni di Paulie Gualtieri ha mostrato al pubblico che i gangster avevano le stesse insicurezze e ansie di tutti gli altri, creando uno dei personaggi televisivi più avvincenti di tutti i tempi.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

Debora
Debora
Sono Debora, 45 anni, appassionata di serie TV americane. Sono molto curiosa e mi piace condividere informazioni sulle serie che seguo. Ho imparato l'inglese guardando le serie in lingua originale. Scrivo news per Asiatica Film Mediale. Tra le mie serie preferite ci sono Game of Thrones, Breaking Bad e Stranger Things. Amo passare le serate a guardare le serie TV Americane per immergermi completamente in queste storie.

Ultime News

“Corrotta dalla televisione”: Denis Villeneuve ritiene che l’età d’oro della TV stia danneggiando i film

Sommario Il dialogo nei film non è una priorità per Denis Villeneuve, che crede che l'immagine visiva lasci...

Sembra che lo scherzo su Lindsay Lohan sia stato rimosso dalla versione digitale del remake di Mean Girls.

Sommario The Mean Girls, nella versione digitale, rimuove il commento su Lindsay Lohan, presentando invece una frase meno controversa...

Wonka 2 riceve una risposta positiva dal regista dopo il successo di $617 M

Sommario Il regista Paul King manifesta interesse per un sequel di Wonka, sottolineando il materiale inesplorato di Dahl. Le...

Il regista di Wonka affronta la popolare teoria dei fan su Charlie Bucket

RIASSUNTO Il regista Paul King smentisce la teoria sull'identità del ragazzo che lucida le scarpe in Wonka, chiarendo che...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

Avventuratevi nel cuore pulsante dell'orrore con la nostra raccolta...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te