Asiatica Film Mediale

Palpatine ha impedito a Leia di diventare una Jedi: spiegata la teoria di Star Wars

Palpatine ha impedito a Leia di diventare una Jedi: spiegata la teoria di Star Wars
Erica

Di Erica

01 Marzo 2022, 21:48


Palpatine stesso avrebbe potuto impedire a Leia di diventare una Jedi fino a Star Wars: L’ascesa di Skywalker. Il tempo che intercorre tra la trilogia originale e i sequel è ancora un mistero e il viaggio della Principessa Leia in particolare è relativamente inesplorato. Non è stato fino a Star Wars: L’Ascesa di Skywalker che Lucasfilm ha risposto anche alla domanda più elementare di tutte: perché Leia non è diventata una Jedi.

Il film includeva un flashback che rivelava che Luke Skywalker aveva addestrato brevemente sua sorella dopo Il ritorno dello Jedi. Leia si era sviluppata a sufficienza come Jedi per creare la propria spada laser, storicamente vista come un momento chiave nella progressione di un Jedi nella padronanza del lato leggero della Forza. Apparentemente Leia ha successivamente interrotto la sua formazione, tuttavia, dopo aver sentito che non sarebbe finita bene. Sembra che abbia ricevuto visioni che suggerivano che suo figlio Ben Solo sarebbe morto se avesse continuato ad allenarsi e fosse diventata una Jedi, e quindi ha scelto di abbandonare quel percorso. Invece, è diventata una politica di alto profilo.

È importante ricordare che la decisione di Leia di non diventare una Jedi non significava che si fosse accontentata della seconda migliore, ma piuttosto di un altro bene. Era una forza da non sottovalutare nella Nuova Repubblica, anche conducendo una campagna senza successo per il Capo di Stato. Come raccontato nel romanzo Bloodline di Claudia Gray, Leia prevedeva l’ascesa del Primo Ordine e, dopo la brusca fine della sua carriera politica, fondò un movimento di Resistenza contro le minacce che percepiva nell’ombra. Se Leia non avesse scelto questa strada politica, è possibile che il Primo Ordine non avrebbe avuto opposizione. Ma la sua vita è stata influenzata da Palpatine, la vera mente dietro il Primo Ordine, anche più profondamente di quanto si fosse resa conto?

L’imperatore temeva il ritorno dello Jedi

Palpatine aveva sempre saputo che i Jedi erano la più grande minaccia al regno del Lato Oscuro. Ha progettato la distruzione dell’Ordine Jedi in Star Wars: Episodio III – La vendetta dei Sith, ed è degno di nota che ha permesso loro di conoscere la sua vera natura solo quando erano rimasti solo una manciata di sopravvissuti. Quando la polvere si staccò dall’Ordine 66, Palpatine si dichiarò imperatore e trasformò l’Antica Repubblica nell’Impero. Gli Holocron Jedi furono distrutti, i templi saccheggiati e Darth Vader ei suoi Inquisitori diedero la caccia a qualsiasi Jedi sopravvissuto. Una massiccia campagna di propaganda cancellò i documenti storici e nel giro di un paio di decenni i Jedi furono ridotti a mito e leggenda. Anche questo era insufficiente, ovviamente, perché Luke Skywalker fu in grado sia di imparare da due Maestri Jedi sopravvissuti sia di ottenere documenti che erano sopravvissuti ai migliori sforzi di Palpatine per distruggerli.

L’imperatore sembrava temere il ritorno dei Jedi. È da notare che il Primo Ordine è uscito dall’ombra solo dopo che Palpatine aveva distrutto il Tempio Jedi di Luke, e hanno fatto di tutto per impedire alla Resistenza di scoprire la posizione di Luke Skywalker. Per quanto riguarda Palpatine, la vera battaglia non era a causa della Resistenza e del Primo Ordine, ma tra i lati chiari e quelli oscuri della Forza. Avrebbe fatto del suo meglio per assicurarsi che la luce non potesse tornare.

Palpatine conosceva il potenziale di un altro Skywalker

L’Imperatore comprendeva il puro potere della stirpe degli Skywalker. Aveva coltivato una relazione con Anakin Skywalker dal momento in cui il bambino è entrato per la prima volta nell’Ordine Jedi in Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma, anche se è importante notare che Palpatine ha reinterpretato la profezia del Prescelto attorno a sé. Come tutti i Sith, l’Imperatore credeva che l’equilibrio della Forza dovesse essere equiparato al dominio del Lato Oscuro, e infatti considerava il Prescelto la pedina che aveva scelto per stabilire questo dominio. “Ma chi sceglie il Prescelto”, ha schernito una volta Darth Vader, in Star Wars #6 di Greg Pak e Raffaele Ienco, insistendo sul fatto che era superiore al Prescelto. Tuttavia, nonostante tutto ciò, Palpatine sapeva che Anakin Skywalker possedeva un potere diverso da quelli che aveva visto prima.

L’Imperatore aveva appreso a proprie spese che i figli di Anakin Skywalker avevano ereditato il potere del Prescelto. Luke Skywalker era il più grande dei Jedi, rovinando i piani di Palpatine quando ha riscattato suo padre. Questo nuovo Maestro Jedi era qualcosa di sconosciuto, perché la sua fede nella redenzione lo contrassegnava come un tipo molto diverso di Jedi, uno potenzialmente senza i difetti dei suoi vecchi maestri. Ciò significava che l’Ordine Jedi di Luke poteva essere una prospettiva davvero pericolosa, perché tutte le leve che Palpatine aveva usato per manipolare i Jedi nell’era prequel avrebbero potuto benissimo fallire. Era, quindi, nell’interesse di Palpatine rallentare il più possibile la riformazione Jedi di Luke – e certamente impedire a un altro Skywalker di allenarsi come Jedi.

Palpatine potrebbe aver manipolato Leia come ha fatto con Anakin

L’imperatore ha sempre avuto il potere di manipolare le menti. In effetti, ci sono prove significative che Palpatine fosse personalmente responsabile dell’uso del lato oscuro per dare ad Anakin visioni della morte di Padmé, consapevole dell’attaccamento di Anakin a Padmé lo rendeva vulnerabile al lato oscuro. È del tutto possibile che abbia fatto lo stesso anche con Leia, usando il lato oscuro per influenzare la sua mente e riempirla di paure per il futuro. Bloodline chiarisce che anche la decisione di avere un figlio è stata difficile per Leia in primo luogo, perché ricordava ciò che era stato suo padre Darth Vader e temeva che suo figlio si trasformasse nel lato oscuro. I sogni e le visioni che ha vissuto sulla morte di Ben sarebbero scaturiti da queste paure preesistenti, ed è difficile non vedere il lato oscuro in quelle paure.

Ironia della sorte, Palpatine aveva già fissato il suo sguardo avido su Ben Solo. La trilogia di Chuck Wendig “Aftermath” include una scena agghiacciante ambientata poco prima della nascita di Ben, in cui Leia percepiva una presenza del lato oscuro che già lo osservava; Star Wars: L’ascesa di Skywalker ha confermato che era Palpatine e che la sua presenza ha plasmato Ben durante tutta la sua infanzia e la sua adolescenza. Leia non poteva saperlo, ma la sua decisione di non diventare un Jedi non avrebbe impedito a Ben di cadere nel Lato Oscuro.

L’imperatore non è riuscito a impedire a Leia di diventare un Jedi

Se Palpatine era davvero la fonte delle visioni di Leia, allora c’è un sorprendente grado di ironia in esse; perché, a lungo termine, l’imperatore non riuscì a impedire a Leia di diventare una Jedi. Ha scelto di tornare su quel percorso nell’ultimo anno della sua vita, addestrando persino Rey come sua apprendista. Inoltre, proprio come Leia aveva creduto, la sua decisione di diventare un Jedi portò effettivamente alla morte di Ben Solo; non per la sua caduta nel lato oscuro, ma piuttosto in un atto di redenzione. Palpatine è sempre stato ossessionato dal futuro, ma le visioni che potrebbe aver personalmente lanciato nella mente di Leia alla fine hanno significato la sua stessa caduta in Star Wars: L’ascesa di Skywalker.

Date di rilascio chiave Rogue Squadron (2023)Data di rilascio: 22 dicembre 2023


Potrebbe interessarti

Jennifer Garner e Mark Ruffalo discutono di 13 reunion in 30 in un nuovo film
Jennifer Garner e Mark Ruffalo discutono di 13 reunion in 30 in un nuovo film

Jennifer Garner e Mark Ruffalo riflettono sulla loro felice reunion dei 13 Going on 30 nel loro nuovo film Netflix The Adam Project. Destinato al debutto sullo streamer la prossima settimana, The Adam Project ha come protagonista Ryan Reynolds nei panni di un viaggiatore del tempo che finisce nel suo passato alla ricerca di risposte […]

Nuova variante di Doctor Strange rivelata in Multiverse Of Madness Funkos
Nuova variante di Doctor Strange rivelata in Multiverse Of Madness Funkos

Una nuova perdita di giocattoli di Doctor Strange nel Multiverse of Madness mostra un’altra variante di Doctor Strange che apparirà. I Marvel Studios hanno trascorso gli ultimi anni a sviluppare un sequel di Doctor Strange del 2016 con Benedict Cumberbatch. Sebbene il film abbia subito alcuni cambiamenti, come Sam Raimi che ha sostituito Scott Derrickson […]