Notizie Serie TVPadma Lakshmi's 'Taste the Nation' S2 Reclaims Thanksgiving: Recensione...

Padma Lakshmi’s ‘Taste the Nation’ S2 Reclaims Thanksgiving: Recensione TV

-

- Advertisment -spot_img


Nella prima stagione di “Taste the Nation”, Padma Lakshmi si è incaricata di visitare le comunità di immigrati in tutto il paese, spiegando le loro intere traiettorie dal paese di origine agli Stati Uniti, e come loro e il loro cibo si sono adattati alla loro nuova casa – in 30 minuti o meno. È una premessa enormemente ambiziosa che è riuscita più spesso che mai, in gran parte grazie al marchio sicuro e compassionevole di Lakshmi. Che si tratti di mescolare una pentola, impastare o semplicemente chiacchierare di piacevoli sciocchezze nella cucina di un nuovo amico, lei è perfettamente congeniale e più che maliziosa. È sempre la prima ad offrire una mano di conforto quando le sue interviste diventano emotive, e/o a fare una battuta ammiccante su quanto sia suggestivo il suo tentativo di fare un raviolo. In questi segmenti, Lakshmi dimostra quanto ha imparato a perfezionare il suo portamento da “Top Chef” nel corso degli anni, e quanto è brava a far sentire le persone che intervista come parte di una vera conversazione umana.

In una serie di quattro nuovi speciali per le vacanze di “Taste the Nation”, che sono usciti il 4 novembre su Hulu, Lakshmi sviluppa ulteriormente e affina il suo approccio alla premessa generale della serie. Visita il Lower East Side di New York City per Hannukah, Cape Cod per il Ringraziamento, Miami per il Natale cubano (Buenanoche), e la Koreatown di Los Angeles per il Nuovo Anno Lunare. Mentre sembra ancora più a suo agio che mai in queste visite a domicilio, la voce fuori campo esplicativa di Lakshmi rimane un ricordo distrattamente didascalico del difficile equilibrio che sta cercando di raggiungere. Lo scontro tra la Lakshmi disinvolta che ride in cucina e la Lakshmi che racconta pazientemente e insegna tutto nei termini più semplici può far sentire “Taste the Nation” biforcato, come se si alternasse a parlare a due pubblici diversi: quello che si considera parte della comunità che sta visitando, e quello bianco a casa che non sa nulla.

Eppure: la concezione stessa di questi episodi festivi li mantiene più concentrati dei precedenti, rivelando una differenza chiave nell’approccio che dà a questa iterazione di “Taste the Nation” uno scopo ancora più chiaro.

Nella prima stagione di “Taste the Nation”, ci sono abbastanza momenti maldestri che mettono a confronto queste comunità di immigrati con gli “americani” che le circondano – come se questi immigrati non fossero del tutto americani, dopo tutto – per sminuire i loro punti più grandi. E come ha scritto Jenny G. Zhang l’anno scorso per Eater, la serie a volte ha deviato in una narrazione onnipresente e dannosa: “che gli immigrati sono buoni e dovrebbero essere trattati giustamente perché lavorano duro e contribuiscono alla società, che queste persone marroni e nere e i loro detrattori possono trovare un terreno comune attraverso il cibo, e che questa è una dimostrazione quintessenziale di ciò che rende l’America così grande”. Alle critiche di Zhang, Lakshmi ha risposto che “cercheranno di fare meglio” nelle stagioni successive, e negli episodi delle vacanze lo fanno spesso.

Concentrarsi su una singola festività libera “Taste the Nation” dal bisogno generale di descrivere l’esperienza di un’intera comunità di immigrati in un tempo irrisorio, o di convincere un pubblico bianco scettico del loro valore intrinseco. Invece, lo show può solo diventare più specifico su come una comunità commemora una festa, e i modi in cui le tradizioni si evolvono – per scelta o per circostanza – per adattarsi ad una nuova forma in un nuovo paese. Nel corso degli speciali, Lakshmi esplora come Hannukah sia diventato una sorta di necessaria controparte del Natale commercializzato, come il Nuovo Anno Lunare unisca le famiglie coreano-americane, e come Buenanoche colleghi gli esuli cubani ai loro discendenti cubano-americani con un senso condiviso di orgoglio nazionale.

L’episodio migliore (e che è fin troppo rilevante in questo mese in particolare) punta i riflettori sulla nazione Wampanoag, i cui antenati hanno sopportato il peso dell’ira coloniale durante il primo presunto idilliaco “Ringraziamento”. In “Truth and the Turkey Tale”, Lakshmi parla con pescatori Wampanoag, storici e chef che considerano questa festa un punto di svolta catastrofico nella storia, quando i coloni bianchi presero ciò che volevano e riscrissero la storia per far sembrare che stessero facendo un favore ai nativi americani. C’è del cibo, naturalmente. L’episodio si conclude con Lakshmi che mangia una cena a base di ingredienti che possono sembrare familiari alla visione anglosassone di Norman Rockwell del Ringraziamento, ma che in realtà sono stati rubati dalla terra dei Wampanoag e ribattezzati per la comodità e il profitto dei bianchi.

Molti dei pasti che Lakshmi mangia in questo show sono nostalgici, ma quello Wampanoag è assolutamente provocatorio, un recupero di tradizioni deformate oltre il riconoscimento. È “Taste the Nation” al suo meglio e più perspicace, permettendo alle persone emarginate non solo di condividere la loro fragile storia con gli spettatori, ma costringendoli a confrontarsi con le proprie parti nel perpetuarla. A differenza della prima stagione, qui non c’è nessun tentativo di dire che spezzare il pane sistemerà questi torti: solo un solenne riconoscimento che i torti esistono, e continueranno ad esistere, finché questo presunto melting pot di un paese si rifiuta di riconoscerli con la profondità e la lucidità che meritano.

“Taste the Nation: Holiday Edition” è ora disponibile in streaming su Hulu.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you