Asiatica Film Mediale

Oshi No Ko risolve due degli elementi più problematici degli anime Isekai.

Oshi No Ko risolve due degli elementi più problematici degli anime Isekai.
Debora

Di Debora

14 Giugno 2023, 14:26



Avviso: Contiene spoiler per l’episodio 8 di Oshi no Ko.

Dopo l’episodio 8 di Oshi no Ko, l’anime ha finalmente risolto due dei tropi più problematici dell’isekai anime. Una forma comune di isekai anime prevede la reincarnazione del protagonista tornando ad essere un neonato, mantenendo però i ricordi della loro vita precedente, e questo non è privo di problemi se analizzato da una prospettiva critica. Il protagonista che conserva i vecchi ricordi significa essenzialmente che è molto più vecchio della sua età fisica, ma la discrepanza spesso non viene affrontata e con molti isekai anime che coinvolgono il romanticismo, diventa molto problematico che il protagonista sia coinvolto con ragazze che corrispondono solo alla sua età fisica.

Mentre molti isekai anime ignorano questi problemi, Oshi no Ko è riuscito finalmente ad affrontarli. Nell’episodio 8 di Oshi no Ko, dopo essere stato sconcertato dall’impersonificazione impeccabile di Akane di Ai, Aqua, per la prima volta dalla sua reincarnazione, si confronta con il fatto che sta gradualmente perdendo il contatto con la sua vecchia vita e che, cosa più importante, sta cominciando a sentirsi attratto dalle ragazze che corrispondono alla sua età fisica invece che a quella mentale. Oshi no Ko non si sofferma troppo su questi elementi, ma il semplice fatto che siano stati affrontati dimostra che è molto più consapevole di alcuni degli elementi problematici dell’isekai anime rispetto ai suoi contemporanei, ed è bello vedere questo.

Con Oshi no Ko che si sforza di discutere i tropi dell’isekai anime, ciò porta a chiedersi se Oshi no Ko debba essere considerato un isekai anime. Mentre la maggior parte degli isekai anime prevede che il protagonista venga mandato in un altro mondo in qualche modo, il concetto principale dell’isekai anime è il protagonista essere catapultato in una nuova vita, e l’elemento di un altro mondo non fa parte intrinseca di questo. Pertanto, sebbene Aqua sia ancora nella sua stessa realtà, il fatto che sia reincarnato significa che Oshi no Ko può essere considerato un isekai anime, quindi l’analisi dei cliché dell’isekai è più che giustificata.

In realtà, il fatto che Oshi no Ko sia un isekai anime contribuisce anche ad accentuare la sua storia oscura. Una critica comune dell’isekai anime è che spesso sembra essere il soddisfacimento dei desideri per la perfezione della vita del protagonista, e Oshi no Ko discute anche questo desiderio con i personaggi che discutono quanto sarebbe bello reincarnarsi come figlio di un’idol. Tuttavia, con quanto sia caduta a pezzi la vita di Aqua dopo la morte di Ai, la serie può essere vista come una decostruzione dell’idea che qualcuno inserito in una storia isekai sarebbe garantito una vita perfetta, e ciò aggiunge ancora più profondità alla scrittura già eccellente della serie.

Oshi no Ko evita un grande cliché dell’isekai affrontando i potenziali problemi dell’età mentale di Aqua, ma ci sono motivi per cui gli anime isekai come Mushoku Tensei: Jobless Reincarnation tendono a ignorarli. Con quanti isekai anime operano, l’aspetto della reincarnazione è spesso solo un pretesto per iniziare il viaggio del protagonista, e alcuni anime che seguono l’angolo della reincarnazione non si prendono neppure la briga di mostrare l’evento che ha causato la loro reincarnazione. Concentrarsi troppo sui dettagli della reincarnazione del protagonista potrebbe togliere tempo dalla storia più ampia che l’autore vuole raccontare, quindi ha senso che gli isekai anime non si soffermino troppo su questo, se lo trattano affatto.

Detto questo, il fatto che Oshi no Ko affronti i problemi dell’età del protagonista non lo rende necessariamente migliore degli altri anime isekai. Se ben più isekai anime dovrebbero affrontare questi problemi, una storia non è obbligata ad analizzare le convenzioni del proprio genere, quindi altri anime isekai che non affrontano questi problemi non sono intrinsecamente un difetto poiché non ci si aspettava mai che lo facessero. Il fatto che l’anime Oshi no Ko abbia il tempo di affrontare alcuni degli elementi più problematici dell’isekai anime è molto notevole, ma allo stesso tempo sarebbe ingiusto escludere i suoi contemporanei semplicemente perché non lo fanno ancora, quando hanno ancora molto da offrire.

Oshi no Ko rilascia nuovi episodi il mercoledì su HIDIVE.


Potrebbe interessarti

Rivivi le meraviglie del negozio più famoso della TV con Mr. Selfridge: nuove avventure e intrighi!
Rivivi le meraviglie del negozio più famoso della TV con Mr. Selfridge: nuove avventure e intrighi!

Sky Serie presenta in esclusiva il quarto e atteso capitolo di “Mr. Selfridge – Il negozio dei sogni”. La serie, basata sul romanzo “Shopping, Seduction & Mr Selfridge” di Lindy Woodhead e creata da Andrew Davies, narra la storia dell’imprenditore Harry Gordon Selfridge, fondatore della catena di negozi Selfridge & Co. con sede a Londra. […]

Svelati i segreti di Sophie Cross: ecco la trama e il finale!
Svelati i segreti di Sophie Cross: ecco la trama e il finale!

La nuova produzione poliziesca “Sophie Cross – Verità nascoste” sta per arrivare in Italia, dalla Francia, Germania e Belgio l’anno scorso, e sarà trasmessa in prima visione su Rai 1 a partire dal 13 giugno 2023: un’avvincente serie tv franco-belga-tedesca di 2 stagioni nelle quali segue la storia di un avvocato di successo, Sophie Cross, […]