Asiatica Film Mediale

My Hero Academia ha appena ridefinito completamente la sua prima linea.

My Hero Academia ha appena ridefinito completamente la sua prima linea.
Debora

Di Debora

23 Marzo 2023, 17:11



Avviso: SPOILER per la stagione 6 di My Hero Academia, episodio n. 137.

Il primo episodio dell’anime di My Hero Academia (e anche il primo capitolo del manga) si conclude con Izuku Midoriya (Deku) che dichiara che ciò che sta per raccontare è la storia di come è diventato il più grande eroe. L’episodio n. 137 richiama quella iconica frase in una sequenza emotiva e commovente, portando la storia di My Hero Academia a compimento.

Nell’episodio n. 137 di My Hero Academia, “La dichiarazione di una giovane donna”, Deku torna finalmente con i suoi amici della classe A all’Accademia U.A., dopo l’emotiva battaglia che lo ha convinto ad abbandonare il percorso solitario che aveva intrapreso. Tuttavia, c’è ancora un ostacolo da superare. I rifugiati civili che hanno trovato riparo all’interno del campus fortificato di U.A. hanno paura che la presenza di Deku attiri l’attenzione dei criminali, in particolare di All For One. Ochako Uraraka (Uravity) prende la parola e persuade le persone spaventate a sostenere gli eroi, tra cui Deku, che ha combattuto più di chiunque altro. Mossi alle lacrime, Izuku si rende conto che questo è il momento in cui non solo lui, ma tutti i suoi amici diventano “i più grandi eroi”.

La reazione iniziale dei cittadini è crudele ma comprensibile. Dopo la guerra di liberazione paranormale e la serie di evasioni di prigione, il Giappone è stato devastato dai criminali, mentre molti eroi si sono ritirati dal lavoro e i pochi rimasti devono affrontare l’ira e la diffidenza della popolazione. È uno scenario apocalittico, e Deku è al centro di tutto ciò. Il giovane eroe ha cercato di sopportare il peso delle responsabilità, ma i suoi amici lo hanno allontanato dalla via dell’autodistruzione vista nell’arco della “Dark Deku”. Tuttavia, i civili che hanno trovato rifugio a U.A. High sono stati informati che Shigaraki è alla ricerca di Deku, e mettono al sicuro la propria sicurezza. D’altronde, gli eroi devono salvare le persone comuni, non il contrario.

La sovversione di quest’assunzione è ciò che rende il discorso di Uraraka uno dei momenti chiave dell’intera serie. Chiede ai civili di aiutare i loro eroi perché sa che, senza quel sostegno, gli eroi non possono fare i sacrifici richiesti. Deku ha fatto più sacrifici di tutti gli altri da quando ha lasciato U.A., e non è nemmeno un eroe adulto, solo uno studente. Quando i civili si rendono conto che avevano torto, finalmente capiscono di aver chiesto troppo ai propri eroi e, invece, si avvicinano a loro, simboleggiato dal ragazzo Kota e dalla donna eteromorfa che Dark Deku ha salvato che corrono ad abbracciarlo.

Questa inversione di ruolo tra salvatori e salvati è un enorme passo avanti per la società basata sui Quirk di My Hero Academia, ed è la ragione per cui un Deku che piange può pensare che “questa è la storia di come tutti sono diventati i più grandi eroi”. Non hanno solo salvato le persone dal pericolo e dai criminali, hanno cambiato lo status quo e reso il loro mondo un posto migliore. L’episodio n. 137 non ha combattimenti, azione o poteri, ma può facilmente essere incluso tra i migliori dell’intera serie (insieme al n. 136), con questo incredibile richiamo alla iconica frase di Deku all’inizio della storia di My Hero Academia.

La stagione 6 di My Hero Academia è in streaming su Crunchyroll.


Potrebbe interessarti

“House of the Dragon: la giovane Rhaenyra fuori dalla seconda stagione”
“House of the Dragon: la giovane Rhaenyra fuori dalla seconda stagione”

Milly Alcock, star di House of the Dragon, ha confermato che non farà parte della seconda stagione della serie prequel de Il Trono di Spade. L’interprete di Rhaenyra da giovane ha dichiarato che l’esperienza nel cast della serie ha cambiato la sua vita e le ha dato la possibilità di fare molte cose che avrebbe […]

Come Better Call Saul ha portato Bob Odenkirk ad apprezzare di più Walter White e Tony Soprano.
Come Better Call Saul ha portato Bob Odenkirk ad apprezzare di più Walter White e Tony Soprano.

La star di Better Call Saul Bob Odenkirk rivela come lo show gli abbia fatto apprezzare attori come Bryan Cranston e James Gandolfini e le loro sfide nel recitare Walter White e Tony Soprano, rispettivamente. Come spinoff di Breaking Bad, Better Call Saul di AMC racconta l’origine dell’avvocato criminale malizioso di Odenkirk, Saul Goodman. Lo […]