Asiatica Film Mediale

Mannheim-Heidelberg premia Brokemper, Lelouch, Arnold, Nicloux

Mannheim-Heidelberg premia Brokemper, Lelouch, Arnold, Nicloux
Erica

Di Erica

10 Novembre 2021, 10:55


Nell’ambito del suo 70° anniversario, l’International Film Festival Mannheim-Heidelberg (IFFMH) presenta per la prima volta il suo nuovo Grand IFFMH Award, onorando due cineasti al top della loro carriera, Andrea Arnold e Guillaume Nicloux. L’IFFMH renderà inoltre omaggio alla produttrice Bettina Brokemper e al regista Claude Lelouch con Homages.

Tutti e quattro saranno presenti al festival di quest’anno, dove terranno delle masterclass e discuteranno del loro lavoro.

“Quest’anno stiamo cercando di trovare un equilibrio tra tradizione e innovazione, quindi con il nostro Omaggio stiamo rendendo omaggio alla tradizione del cinema con Lelouch, e al cinema radicale, che Lelouch ha fatto e che Brokemper sta anche producendo”, dice il direttore dell’IFFMH Sascha Keilholz.

Keilholz ha definito Brokemper “uno dei più importanti produttori tedeschi”, anche per la sua capacità di trovare diverse soluzioni per realizzare diversi tipi di film. Non si limita a lavorare solo entro i confini del sistema di finanziamento tedesco, che comprende i finanziatori federali e regionali e le emittenti televisive, aggiunge.

“È stata anche la co-produttrice tedesca di tutti i film di Lars von Trier degli ultimi 20 anni, il che la rende davvero una delle più importanti produttrici europee”.

Nell’ambito del programma Homage, l’IFFMH proietterà diverse produzioni della Brokemper, tra cui “Hannah Arendt” di Margarethe von Trotta, “Germany. A Winter’s Tale” di Jan Bonny e “Antichrist” di von Trier.

Anche Keilholz ha definito Lelouch uno dei più significativi registi viventi. “Siamo davvero felici che abbia voluto venire qui”.

Oltre a opere di Lelouch come “Un uomo e una donna”, “L’amore è una cosa divertente” e “Bolero”, il festival avrà come film di chiusura la prima internazionale dell’ultima – e cinquantesima – opera del regista, “Love Is Better Than Life”.

Mentre il premio Homage è visto come il premio alla carriera dell’IFFMH, il nuovo Grand IFFMH Award onora il lavoro continuo di registi forse meno conosciuti a livello internazionale ma che continuano ad avere un impatto sul cinema, come Arnold e Nicloux.

Il Grand IFFMH Award celebra i cineasti che sono forse a metà della loro carriera, o nella prima metà, spiega Frédéric Jaeger, responsabile del programma dell’IFFMH. “Guillaume Nicloux ha già fatto un bel po’ di film ma ha ancora bisogno di essere visto molto di più, soprattutto in Germania, dove non è così conosciuto. È una voce e una prospettiva davvero particolare sul cinema e anche qualcosa di molto contemporaneo”.

Nell’annunciare Nicloux come uno dei destinatari del nuovo premio, il festival ha detto che il lavoro del regista francese è “tanto diverso quanto radicale”, notando che egli “affronta ripetutamente i generi più diversi e li trascende”.

Il festival presenterà il dramma della guerra d’Indocina del 2018 di Nicloux, “To the Ends of the World”, come parte del programma Homage.

“E Andrea ha fatto quattro lungometraggi – è ancora una delle voci più originali del cinema in questo momento”, aggiunge Keilholz. “Il suo nuovo documentario ‘Cow,’ che ha debuttato a Cannes, è davvero uno dei film dell’anno, quindi abbiamo pensato che questo è un buon momento per presentarle questo premio”.

Il festival proietterà il dramma della Arnold del 2009 “Fish Tank” e “Cow”, che sarà presentato nella sezione Pushing Boundaries.




Potrebbe interessarti

Recensione di ‘Arisaka’: Action Thriller filippino solido ma troppo familiare
Recensione di ‘Arisaka’: Action Thriller filippino solido ma troppo familiare

Non è del tutto chiaro quanto il regista filippino Mikhail Red voglia che il suo ultimo thriller, “Arisaka”, sia più di una fedele rivisitazione del tipo di B-movie snello che ha avuto come protagonista Sylvester Stallone e, più recentemente, ha rinvigorito la carriera di Liam Neeson. E non è nemmeno chiaro perché dovrebbe nutrire tali […]

La star di ‘Call My Agent’, Nicolas Maury, parla del suo debutto nel cinema e del suo futuro
La star di ‘Call My Agent’, Nicolas Maury, parla del suo debutto nel cinema e del suo futuro

La star di “Call My Agent”, Nicolas Maury, non aveva ancora capito il successo internazionale dello show ambientato a Parigi fino a quando non è andato a Los Angeles la scorsa settimana per presentare il suo debutto nel lungometraggio “Garcon Chiffon” (“La mia parte migliore”) al Colcoa, il festival francese di film e serie. A […]