Notizie FilmMahershala Ali, Naomie Harris hanno ruoli degni di Oscar...

Mahershala Ali, Naomie Harris hanno ruoli degni di Oscar in ‘Swan Song

-

- Advertisment -spot_img


Gli elettori dell’Academy devono portare una mente aperta e una scatola di fazzoletti per il commovente e straziante “Il canto del cigno”. Guidati dal due volte vincitore dell’Oscar Mahershala Ali e dalla candidata all’Oscar Naomie Harris, è difficile trovare performance più pure e deliberate da due degli attori più riveriti di oggi. Se questo ultimo arrivato nella stagione dei premi riesce a fare abbastanza rumore e ad avere abbastanza sederi nelle poltrone di proiezione, un degno gioco per diverse categorie potrebbe essere all’orizzonte. Inoltre, questo sembra il primo film che si sente autenticamente identificabile con Apple Original Films, il che sarà di buon auspicio per il suo marchio di premi in futuro. Tuttavia, il suo ostacolo più significativo potrebbe essere che i gruppi di premiazione lo confondano con l’altro “Swan Song” che ha aperto durante l’estate.

“Swan Song” si svolge in un futuro prossimo in cui al padre di famiglia Cameron Turner (Ali) viene diagnosticata una malattia terminale. Per proteggere la sua famiglia dal dolore, è alle prese con la decisione di scambiarsi con un clone identico per continuare a crescere i suoi figli ed essere un marito amorevole.

La categoria del miglior attore è già impilata con Benedict Cumberbatch (“Il potere del cane”), Andrew Garfield (“Tick, Tick… Boom!”) e Denzel Washington (“La tragedia di Macbeth”), che è anche nel roster dei film originali Apple. Potrebbe essere più difficile per Ali entrare nella formazione principale, che sarebbe la prima della sua carriera. Servendo anche come produttore, può giocare la stessa strategia di campagna di Will Smith su “King Richard”. Se “Il canto del cigno” batte le probabilità e riesce ad essere nominato come miglior film e attore, Ali sarebbe il secondo nero ad essere riconosciuto per entrambi nello stesso anno (il primo fu Denzel Washington per “Fences”).

La carriera di Ali è stata così piacevole da vedere svolgersi negli ultimi anni. Aggiungendo sempre un senso di ricchezza in ruoli minori in film come “The Place Beyond the Pines” (2012) e “The Hunger Games: Mockingjay Parte 1” (2014), ha inaugurato un momento di breakout colossale con il vincitore del miglior film di Barry Jenkins “Moonlight” (2016). Nonostante il minimo tempo sullo schermo, ha dominato i precursori di quella stagione, vincendo alla fine come attore non protagonista e diventando il primo attore musulmano a vincere un Academy Award. È tornato alla cerimonia solo due anni dopo come il musicista jazz e compositore Don Shirley in “Green Book” (2018). Indubbiamente un ruolo da co-protagonista, Ali ha spazzato i premi televisivi e ha vinto il suo secondo Oscar come miglior attore non protagonista, rendendolo il primo afroamericano a vincere due Oscar nella stessa categoria e solo il secondo a vincere più Oscar competitivi.

Mentre gli spettatori guardano “Il canto del cigno”, è interessante che dopo aver vinto due Oscar, questo è il suo primo ruolo significativo, in cui ha dovuto prendere il timone. I suoi crediti post-Oscars sono stati la voce dello zio Aaron in “Spider-Man: Into the Spider-Verse” (2018), Vector in “Alita: Battle Angel” (2019) e come un sussurro post-credit Blade in “Eternals” appena una settimana fa.

Harris, che ha ricevuto la sua prima nomination per “Moonlight”, è splendidamente riverente, consegnando un altro turno degno di premi. La scena finale distruggerà i condotti lacrimali di ogni membro del pubblico. Lei e Ali continuano semplicemente a fare magia insieme.

Immagine caricata pigramente

Anche se brevi, l’otto volte candidata all’Oscar Glenn Close, Adam Beach e soprattutto Awkwafina sono punti luminosi in tutto il film.

Ci sono anche degne considerazioni per la fotografia di Masanobu Takayanagi (che dovrebbe avere già due nomination per “Hostiles” e “The Grey”) e la colonna sonora originale di Jay Wadley (che ha composto la sottovalutata “I’m Thinking of Ending Things”).

Pur essendo al suo debutto come sceneggiatore e regista, Cleary non è estraneo alla corsa all’Oscar. Già vincitore dell’Oscar per il corto live action “Stutterer” (2015), che ha condiviso con Serena Armitage, affronta questo dramma su larga scala con sicurezza. Potrebbe avere un peso nella categoria per la prima volta alla regia ai DGA Awards, quindi tenete d’occhio quella gara, che include Lin-Manuel Miranda (“Tick, Tick … Boom!”), Maggie Gyllenhaal (“The Lost Daughter”) e Rebecca Hall (“Passing”). Le gare di sceneggiatura e regia potrebbero essere troppo affollate per lui a questo punto del gioco.

“Il canto del cigno” è più di quello che sembra e richiederà un’ulteriore spinta per portarlo davanti agli spettatori, ma se lo si guarda abbastanza, si può trovare un contendente oscuro degno dei riconoscimenti. Vorrei che avesse un titolo diverso a causa del veicolo interpretato da Udo Kier da Todd Stephens e Magnolia Pictures. Sfortunatamente, questo confonderà i membri dell’Academy sulla loro piattaforma di visualizzazione che elenca i film in ordine alfabetico.

“Swan Song” uscirà nelle sale e su Apple TV Plus il 17 dicembre.

Previsioni degli Academy Awards 2022



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you