Notizie Serie TVLo strizzacervelli della porta accanto di Will Ferrell e...

Lo strizzacervelli della porta accanto di Will Ferrell e Paul Rudd: Recensione TV

-

- Advertisment -spot_img


L’intimità della psichiatria è stata fatta per il dramma. La serie televisiva più famosa dell’era moderna era, all’inizio, incentrata sulle sessioni di talk-therapy del suo antieroe – esplorando sia ciò che turbava Tony Soprano sia i modi in cui la sua mostruosità, vista da vicino, costringeva e seduceva il professionista che cercava di aiutarlo.

“The Shrink Next Door”, diretto da Michael Showalter e Jesse Peretz e scritto da Georgia Pritchett, inverte la manipolazione. Nella nuova serie limitata di Apple TV Plus (basata sul podcast omonimo), è il medico (Paul Rudd) ad essere privo di una bussola morale, spremendo la fedeltà del suo paziente (Will Ferrell). Ma, lasciando da parte gli ingiusti paragoni con “I Soprano”, “Lo strizzacervelli della porta accanto” manca semplicemente del vibrante dare e avere che il suo soggetto suggerisce. I suoi personaggi si sentono inconoscibili, un problema per uno spettacolo che riguarda il tiro alla fune emotivo e intellettuale nell’ufficio del terapista.

“The Shrink Next Door” perde la concentrazione – forse perché la terapia che ritrae avviene costantemente. Il dottor Ike Herschkopf (Rudd) incontra Marty Markowitz (Ferrell), il CEO di un’azienda di tessuti, per una messa a punto della salute mentale. Ben presto, Herschkopf ha convinto Markowitz a tagliare i legami con la sua famiglia e a concedere al dottore un accesso illimitato alla sua casa negli Hamptons. Vediamo questo gioco di fiducia, con Herschkopf che assicura al suo paziente di essere vicino ad una svolta, a patto che lui conceda al suo medico solo un po’ più di accesso. In breve tempo, questo leader aziendale prende il dettato del suo psichiatra e gli concede la sua camera da letto principale.

Nonostante il furto fuori misura, “Lo strizzacervelli della porta accanto” sembra lontano. Herschkopf si alterna tra il sollecito e il gelido, ma entrambe le parti si leggono come chiuse e poco attraenti. Rudd, un interprete ebullianamente carismatico, inchioda la metà della performance in cui Herschkopf spegne il suo calore. Ma non evoca mai il fascino che ci coinvolgerebbe nei suoi schemi, o che ci aiuterebbe a capire la caduta di Markowitz. Ferrell, che interpreta efficacemente un personaggio alienato dai suoi desideri, non aiuta le cose: Non c’è nessun ritorno di fiamma tra un analista senza scrupoli e un analizzando che è disposto a consegnare tutto. È un ritratto ben recitato di una persona inerte – difficilmente la materia del grande dramma. Non si è badato a spese per costruire scenografie e procurare costumi che fanno emergere i dettagli socioeconomici di questa storia, ma entrambi i personaggi sono, alla fine, dei cifrari.

Alla fine, con l’aiuto di sua sorella (Kathryn Hahn, sorprendentemente sottoutilizzata), Markowitz si muove verso la comprensione della sua situazione. Ma perché una persona di successo fosse disposta a buttare decenni di vita e milioni di dollari a uno psichiatra che lo trattava come un giocattolo rimane irrisolto. Non tutti i misteri dell’universo hanno bisogno di essere spiegati con l’arte. Ma “The Shrink Next Door” sembra più interessato a registrare lo shock per il fatto che una cosa insolita sia accaduta che a farci preoccupare abbastanza delle parti coinvolte da chiederci perché.

“The Shrink Next Door” debutta il 12 novembre su Apple TV Plus.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you