Asiatica Film Mediale

Lo sceneggiatore della terza stagione di Atlanta spiega la trama molto diversa di Van

Lo sceneggiatore della terza stagione di Atlanta spiega la trama molto diversa di Van
Debora

Di Debora

27 Maggio 2022, 15:46


La scrittrice di Atlanta Stefani Robinson spiega perché la trama di Van è cambiata nella terza stagione. Dopo diversi anni di pausa, l’acclamato spettacolo FX di Donald Glover è finalmente tornato nel 2022. E invece di diventare stantio o prevedibile nella sua terza stagione a lungo ritardata, Atlanta ha continuato e persino ampliato la sua tradizione di sovvertire le aspettative ad ogni passo.

La più grande sovversione scatenata da Atlanta nella terza stagione era ovviamente il suo stesso formato. Ovviamente lo spettacolo è sempre stato disposto ad andare su bizzarre tangenti (l’episodio “Teddy Perkins” della seconda stagione è l’esempio più famoso). Ma nella terza stagione le tangenti sono diventate più pronunciate quando Atlanta è diventata essenzialmente uno spettacolo antologico, spesso incentrato su storie completamente estranee al suo quartetto centrale di personaggi. E quando Atlanta si è concentrata su Earn, Paper Boi, Darius e Van, li ha mostrati vagare apparentemente senza scopo per l’Europa piuttosto che uscire nei loro soliti ritrovi di Atlanta. Il risultato finale è stata di gran lunga la stagione più surreale e probabilmente più politicamente carica di sempre.

In effetti, la stagione 3 di Atlanta ha colpito alcune direzioni molto strane e interessanti. E forse lo sviluppo più strano della stagione è stato il comportamento di Van, dato che il personaggio normalmente pratico e con i piedi per terra di Zazie Beetz si è ritrovato alla fine della stagione apparentemente ad abbandonare suo figlio mentre aveva un completo esaurimento nervoso, mentre recitava stranamente in un omaggio a il film francese Amélie. Ma come spiega lo scrittore di Atlanta Robinson, i fan avrebbero forse dovuto vedere la discesa di Van nel caos arrivare fin dall’inizio. Parlando con Variety, Robinson ha spiegato:

Ci sono così tanti indizi nelle stagioni precedenti che lo indicano [toward Van’s breakdown]. Quando vediamo Van, è nel contesto in cui le altre persone sono molto se stesse, e [she is] reagire a questo. Come, nell’episodio della prima stagione, la conversazione che sta avendo con la sua amica Jade su: “Qual è il tuo valore, Van? Cosa porti a tavola?” E nell’episodio Juneteenth, la vedi mentre finge di essere sposata [in front of] questo bougie gruppo di persone in cui forse lei stessa può inserirsi. La vedi interrogare cosa significhi essere una persona. Non credo che sappia davvero chi è, quindi è interessante esplorare il motivo per cui ha questo crollo mentale e crisi di identità. Una parte di lei sta cercando qualsiasi cosa, una scusa per uscire da ciò che è. Lo abbiamo accennato per tutta la stagione con alcuni dei suoi comportamenti più irregolari.

L'”irregolare” arco della stagione 3 di Van ad Atlanta in effetti l’ha vista scomparire completamente dall’azione per lunghi periodi, portando Earn a mostrare preoccupazione per la sua assenza. Ma quando Van è tornata non è stato per rientrare nel gruppo, ma piuttosto per recitare nel suo film francese in miniatura, indossando una nuova acconciatura sorprendente e portando una baguette in uno zaino mentre guidava i suoi amici in una strana avventura attraverso Parigi. Nella tipica moda di Atlanta, l’episodio di Van ha preso una svolta incredibilmente oscura e surreale coinvolgendo Alexander Skarsgård, percosse di baguette e cannibalismo. Il fatto che questo episodio insolito e davvero inquietante sia effettivamente servito come finale della terza stagione ha solo ulteriormente dimostrato l’impegno di Glover e della compagnia a rimanere confusi ad ogni passo.

È stato davvero interessante vedere Van alla fine fare questo passo nella piena crisi di identità dopo che sembrava essere il più normale e radicato di tutti i personaggi principali di Atlanta. Ed è stato anche gratificante vedere Beetz ottenere un vero episodio da vetrina dopo essere stato in gran parte assente per la maggior parte della stagione 3. I fan discuteranno senza dubbio se fossero d’accordo con i bizzarri colpi di scena che ha preso la stagione 3 di Atlanta, sia dal punto di vista della forma che nei suoi caratteri. Ma se si può dire qualcosa con certezza sull’ingresso di Atlanta nella sua quarta e ultima stagione, è che lo show non ha assolutamente alcun interesse a essere all’altezza delle aspettative o a rendere felice qualcuno.

Fonte: varietà

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

È Star Wars Rebels Canon
È Star Wars Rebels Canon

Attenzione: contiene SPOILER per l’episodio 2 di Obi-Wan Kenobi. Star Wars Rebels è stata la prima produzione in Star Wars dopo l’acquisizione della Lucasfilm da parte della Disney, ma lo spettacolo è canonico per l’universo di Star Wars? Star Wars Rebels è stato creato dal protetto di George Lucas, Dave Filoni, in seguito alla cancellazione […]

Cosa è successo al dottor Brenner dopo Stranger Things Stagione 1
Cosa è successo al dottor Brenner dopo Stranger Things Stagione 1

Questo articolo contiene spoiler per Stranger Things stagione 4 volume 1. La stagione 4 di Stranger Things rivela finalmente cosa è successo al dottor Brenner dopo la stagione 1. Interpretato da Matthew Modine, il dottor Brenner ha avuto una presenza imponente nella stagione 1 di Stranger Things. È stato presentato come l’uomo responsabile di Hawkins […]