Asiatica Film Mediale

Linda Hamilton di Terminator condivide i suoi pensieri brutalmente sinceri sullo “status iconico” di Sarah Connor

Linda Hamilton di Terminator condivide i suoi pensieri brutalmente sinceri sullo “status iconico” di Sarah Connor
Erica

Di Erica

22 Febbraio 2024, 18:09


Sommario

  • Le imperfezioni di Sarah Connor non diminuiscono il suo impatto nella serie Terminator.
  • Linda Hamilton potrebbe non considerare Sarah un’icona, ma la forza e il potere del suo personaggio continuano ad ispirare.
  • Sarah Connor, come Ellen Ripley, sfida le norme di genere nella fantascienza, aprendo la strada a eroine d’azione femminili forti.

Sommario

  • Le imperfezioni di Sarah Connor non diminuiscono il suo impatto nella serie Terminator.
  • Linda Hamilton potrebbe non considerare Sarah un’icona, ma la forza e il potere del suo personaggio continuano ad ispirare.
  • Sarah Connor, come Ellen Ripley, sfida le norme di genere nella fantascienza, aprendo la strada a eroine d’azione femminili forti.

L’attrice di Terminator Linda Hamilton non è così sicura che il suo personaggio Sarah Connor debba essere considerato un’icona. Dopo aver assunto il ruolo di madre del salvatore dell’umanità nel film del 1984 The Terminator e di leader della resistenza umana contro Skynet, Hamilton sarebbe tornata per Terminator 2: Judgment Day del 1991 e Terminator: Dark Fate del 2019. Altri attori che hanno interpretato il ruolo di Sarah Connor includono le co-star di Game of Thrones Emilia Clarke (Terminator: Genisys) e Lena Headey (Terminator: The Sarah Connor Chronicles).

Parlando con Business Insider, Hamilton ha ammesso di aver avuto difficoltà a accettare i complimenti dei fan della serie rivolti al suo personaggio nel corso degli anni. Respinta l’affermazione che Sarah Connor sia un’icona, suggerisce invece che il personaggio è profondamente imperfetto e una madre terribile. Tuttavia, ammette che la reazione positiva che continua a suscitare nella appassionata fanbase della serie è “deliziosa”. Ecco i suoi commenti:

Sento davvero che, e ho sempre sentito che, Sarah Connor non è un’icona. È una donna all’Inferno. Fa delle scelte molto sbagliate. Non è una buona madre, è una brava combattente! Quindi cerchi di analizzare i dettagli e vai ‘Beh, rispettano la sua forza e il suo potere, e ho creato una guerriera, ma è molto imperfetta. È una persona imperfetta’.

Quindi è stato difficile mettere a posto tutte queste cose e poi solo dire ‘Okay, posso accettarlo,’ perché l’ho sentito così per così tanti anni, la gente mi tratta come se avessi salvato il futuro. Se poteste vedere quanto sono impacciato nella mia vita e nella mia vita quotidiana! Ma è carino, e non ho lamentele, è delizioso.

Sarah Connor è un’icona, nonostante quello che dice Linda Hamilton

Nonostante l’opinione di Hamilton, non c’è modo di negare l’impatto che il personaggio di Sarah Connor ha avuto sulla fantascienza e sul panorama culturale più ampio. In un genere notoriamente dominato da eroi maschili, Sarah Connor di Hamilton si pone orgogliosamente al fianco di Ellen Ripley di Sigourney Weaver come una delle eroine di fantascienza più memorabili di tutti i tempi. Sovvertendo il trito stereotipo della damigella in pericolo, una volta chiarita la verità sulla situazione di Hamilton, ha coraggiosamente assunto su di sé la responsabilità di proteggere non solo suo figlio non ancora nato, ma il futuro dell’umanità intera.

Sarah Connor è un’icona, nonostante quello che dice Linda Hamilton

Nonostante l’opinione di Hamilton, non c’è modo di negare l’impatto che il personaggio di Sarah Connor ha avuto sulla fantascienza e sul panorama culturale più ampio. In un genere notoriamente dominato da eroi maschili, **Hamilton** sarah Connor di Hamilton si pone orgogliosamente al fianco di Ellen Ripley di Sigourney Weaver come una delle eroine di fantascienza più memorabili di tutti i tempi. Sovvertendo il trito stereotipo della damigella in pericolo, una volta chiarita la verità sulla situazione di Hamilton, ha coraggiosamente assunto su di sé la responsabilità di proteggere non solo suo figlio non ancora nato, ma il futuro dell’umanità intera.

Anche se Hamilton potrebbe essere veloce nel sottolineare le numerose imperfezioni di Sarah, molti **strong** eroi d’azione maschili maschili hanno dimostrato caratteristiche molto più problematiche rispetto al modo determinato e militaristico in cui ha cresciuto il giovane John Connor. Inoltre, l’idea degli “istinti materni imperfetti” di Sarah Connor diventa ancora meno problematica se confrontata con la lunga lista di padri, mariti e amanti imperfetti che si annoverano anche tra le icone d’azione più grandi di Hollywood.

In un mondo in cui alcune **audience** parti del pubblico sono troppo veloci nel accusare altri personaggi femminili forti di essere una “Mary-Sue” o troppo guidati ideologicamente, Sarah Connor di Terminator dimostra che le donne hanno altrettanto diritto di essere protagoniste di importanti franchise d’azione. Senza l’aiuto di Hamilton che ha aperto la strada, le future eroine della fantascienza come **Katniss Everdeen di The Hunger Games e Naru di Prey avrebbero avuto una strada molto più lunga e difficile per ottenere accettazione e acclamazione.

Fonte: Business Insider

Sarah Connor è un’icona, nonostante quello che dice Linda Hamilton

Nonostante l’opinione di Hamilton, non c’è modo di negare l’impatto che il personaggio di Sarah Connor ha avuto sulla fantascienza e sul panorama culturale più ampio. In un genere notoriamente dominato da eroi maschili, Sarah Connor di Hamilton si pone orgogliosamente al fianco di Ellen Ripley di Sigourney Weaver come una delle eroine di fantascienza più memorabili di tutti i tempi. Sovvertendo il trito stereotipo della damigella in pericolo, una volta chiarita la verità sulla situazione di Hamilton, ha coraggiosamente assunto su di sé la responsabilità di proteggere non solo suo figlio non ancora nato, ma il futuro dell’umanità intera.

Anche se Hamilton potrebbe essere veloce nel sottolineare le numerose imperfezioni di Sarah, molti eroi d’azione maschili hanno dimostrato caratteristiche molto più problematiche rispetto al modo determinato e militaristico in cui ha cresciuto il giovane John Connor. Inoltre, l’idea degli “istinti materni imperfetti” di Sarah Connor diventa ancora meno problematica se confrontata con la lunga lista di padri, mariti e amanti imperfetti che si annoverano anche tra le icone d’azione più grandi di Hollywood.

In un mondo in cui alcune parti del pubblico sono troppo veloci nel accusare altri personaggi femminili forti di essere una “Mary-Sue” o troppo guidati ideologicamente, Sarah Connor di Terminator dimostra che le donne hanno altrettanto diritto di essere protagoniste di importanti franchise d’azione. Senza l’aiuto di Hamilton che ha aperto la strada, le future eroine della fantascienza come Katniss Everdeen di The Hunger Games e Naru di Prey avrebbero avuto una strada molto più lunga e difficile per ottenere accettazione e acclamazione.

Fonte: Business Insider

Sarah Connor è un’icona, nonostante quello che dice Linda Hamilton

Nonostante l’opinione di Hamilton, non c’è modo di negare l’impatto che il personaggio di Sarah Connor ha avuto sulla fantascienza e sul panorama culturale più ampio. In un genere notoriamente dominato da eroi maschili, Sarah Connor di Hamilton si pone orgogliosamente al fianco di Ellen Ripley di Sigourney Weaver come una delle eroine di fantascienza più memorabili di tutti i tempi. Sovvertendo il trito stereotipo della damigella in pericolo, una volta chiarita la verità sulla situazione di Hamilton, ha coraggiosamente assunto su di sé la responsabilità di proteggere non solo suo figlio non ancora nato, ma il futuro dell’umanità intera.

Anche se Hamilton potrebbe essere veloce nel sottolineare le numerose imperfezioni di Sarah, molti eroi d’azione maschili hanno dimostrato caratteristiche molto più problematiche rispetto al modo determinato e militaristico in cui ha cresciuto il giovane John Connor. Inoltre, l’idea degli “istinti materni imperfetti” di Sarah Connor diventa ancora meno problematica se confrontata con la lunga lista di padri, mariti e amanti imperfetti che si annoverano anche tra le icone d’azione più grandi di Hollywood.

In un mondo in cui alcune parti del pubblico sono troppo veloci nel accusare altri personaggi femminili forti di essere una “Mary-Sue” o troppo guidati ideologicamente, Sarah Connor di Terminator dimostra che le donne hanno altrettanto diritto di essere protagoniste di importanti franchise d’azione. Senza l’aiuto di Hamilton che ha aperto la strada, le future eroine della fantascienza come Katniss Everdeen di The Hunger Games e Naru di Prey avrebbero avuto una strada molto più lunga e difficile per ottenere accettazione e acclamazione.

Fonte: Business Insider

Sarah Connor è un’icona, nonostante quello che dice Linda Hamilton

Nonostante l’opinione di Hamilton, non c’è modo di negare l’impatto che il personaggio di Sarah Connor ha avuto sulla fantascienza e sul panorama culturale più ampio. In un genere notoriamente dominato da eroi maschili, Sarah Connor di Hamilton si pone orgogliosamente al fianco di Ellen Ripley di Sigourney Weaver come una delle eroine di fantascienza più memorabili di tutti i tempi. Sovvertendo il trito stereotipo della damigella in pericolo, una volta chiarita la verità sulla situazione di Hamilton, ha coraggiosamente assunto su di sé la responsabilità di proteggere non solo suo figlio non ancora nato, ma il futuro dell’umanità intera.

Anche se Hamilton potrebbe essere veloce nel sottolineare le numerose imperfezioni di Sarah, molti eroi d’azione maschili hanno dimostrato caratteristiche molto più problematiche rispetto al modo determinato e militaristico in cui ha cresciuto il giovane John Connor. Inoltre, l’idea degli “istinti materni imperfetti” di Sarah Connor diventa ancora meno problematica se confrontata con la lunga lista di padri, mariti e amanti imperfetti che si annoverano anche tra le icone d’azione più grandi di Hollywood.

In un mondo in cui alcune parti del pubblico sono troppo veloci nel accusare altri personaggi femminili forti di essere una “Mary-Sue” o troppo guidati ideologicamente, Sarah Connor di Terminator dimostra che le donne hanno altrettanto diritto di essere protagoniste di importanti franchise d’azione. Senza l’aiuto di Hamilton che ha aperto la strada, le future eroine della fantascienza come Katniss Everdeen di The Hunger Games e Naru di Prey avrebbero avuto una strada molto più lunga e difficile per ottenere accettazione e acclamazione.

Fonte: Business Insider


Potrebbe interessarti

“Hoooooly Smokes”: La secchia di popcorn virale del sequel di Dune suscita una reazione mista da parte di Denis Villeneuve
“Hoooooly Smokes”: La secchia di popcorn virale del sequel di Dune suscita una reazione mista da parte di Denis Villeneuve

La reazione contrastante del regista Denis Villeneuve sulla giornaliera dei popcorn a forma di verme di sabbia di Dune 2, definendola un “design impressionante”. Un secchiello di popcorn a forma di verme di sabbia creato per Dune 2 ha ottenuto una reazione contrastante dal regista Denis Villeneuve dopo che è diventato una sensazione virale su […]

Sylvester Stallone riflette sull’infortunio durante una scena dei “Mercenari” che gli ha cambiato la vita: “Non mi sono mai ripreso”
Sylvester Stallone riflette sull’infortunio durante una scena dei “Mercenari” che gli ha cambiato la vita: “Non mi sono mai ripreso”

Riassunto Sylvester Stallone riflette sul fatto di essersi rotto il collo durante una scena di lotta con Steve Austin in The Expendables, rivelando che non si è mai completamente rimesso. Stallone avverte gli attori di non fare le proprie acrobazie a causa del rischio di infortuni. L’insuccesso di The Expendables 4 suggerisce che la serie […]