Notizie Serie TVLe stelle di Orville confrontano la rappresentazione LGBTQ+ di...

Le stelle di Orville confrontano la rappresentazione LGBTQ+ di Star Trek con il loro spettacolo

-


Le star Penny Johnson Jerald e Mark Jackson elogiano The Orville per la sua rappresentazione LGBTQ+ e citano Star Trek come un esempio di spicco nel genere fantascientifico. The Orville è una serie comica di fantascienza che segue l’equipaggio della sua nave titolare mentre esplora i misteri dell’universo 400 anni nel futuro. La serie originariamente è andata in onda le sue prime due stagioni su Fox prima di trasferirsi su Hulu per la terza stagione, The Orville: New Horizons. Oltre a Jerald e Jackson, The Orville è interpretato da un cast corale che include Adrianne Palicki, Scott Grimes, Anne Winters, Peter Macon, Jessica Szohr e Seth MacFarlane, che hanno anche creato la serie.

In un certo senso, The Orville funge da ode di MacFarlane al franchise di Star Trek di Gene Roddenberry e la serie comica di fantascienza spesso fa riferimento alla sua fonte di ispirazione sia nella trama che nello stile. Uno degli elementi che The Orville condivide con Star Trek è l’inclusione della rappresentanza delle minoranze nei suoi scritti e, in particolare, della rappresentazione LGBTQ+. The Orville presentava due nuove trame LGBTQ+ in New Horizons, una che segue il viaggio della figlia di Bortus (Macon) Topa (Imani Pullum) per abbracciare la sua identità di genere in “A Tale of Two Topas” e una che coinvolge l’amore di Charly (Winters) per la sua amica Amanda . Star Trek ha anche lavorato per una maggiore rappresentazione LGBTQ+ nelle serie più recenti del franchise su Paramount+, come Star Trek: Discovery, che ha introdotto il primo personaggio non binario del franchise, Adira Tal (Blu del Barrio).

In un’intervista esclusiva con Screen Rant, Jerald e Jackson hanno elogiato la crescita della rappresentazione LGBTQ+ nella televisione di fantascienza. Hanno discusso di quanto possa essere significativa la rappresentazione per qualsiasi gruppo minoritario e di come sia The Orville che Star Trek utilizzino le loro piattaforme per presentare storie LGBTQ+. Dai un’occhiata alla discussione di Jerald e Jackson di seguito:

Jerald: Mark, non so se sarai d’accordo con questo, ma quel particolare episodio, 10, dopo essere uscito e aver supportato la comunità LGBTQ+ e aver incontrato quelle persone favolose, volevo andare a guardare di nuovo lo spettacolo, perché significava molto di più per me dopo. Charly essendo, come dici tu, queer o, qual è l’identificazione appropriata, lesbica era quello che era o?

Jackson: Sto usando queer come termine generico qui, ma sì, effettivamente, potrebbe essere lesbica.

Jerald: Ma ha sicuramente colpito un’intera comunità di persone che non sentono che la loro voce viene ascoltata e questa è una cosa incredibile di The Orville, molte voci vengono finalmente ascoltate. Anche con Claire, si sente la voce del genitore single, si sente la voce della donna più anziana. Con la nostra storia di Topa, la comunità LGBTQ+ viene ascoltata. I diversi alieni, le diverse nazioni dell’universo, è come se tutti i paesi del mondo sulla Terra venissero ascoltati in questo momento, perché tutti hanno una voce e tutti dovrebbero essere ascoltati. Questa, devo dire, è la bellezza e il genio dietro a The Orville. Penso che sia una responsabilità se hai una piattaforma che, senza esagerare o picchiare le persone, penso che sia nostra responsabilità presentarla. Sicuramente non è il tuo lavoro rispondere alle domande o giudicare le persone in alcun modo, ma la presentazione è molto importante e far parte di quella piattaforma è così opportuna, specialmente per me in questo momento. Politicamente, non possiamo evitare ciò che sta realmente accadendo e ciò che sta influenzando le persone, perché dopotutto, le persone guardano la televisione solo per entrare in un mondo in modo da poter avere un po’ di pace, perché tutto è troppo caotico per loro, oppure vogliono guardare qualcosa in modo che possano ottenere una comprensione e avvicinarsi a questa cosa meravigliosa chiamata vera umanità. Sono davvero orgoglioso di farne parte, di essere talento, di prestarmi in qualsiasi modo. Ma quello che mi rifiuto di fare è prendere in giro qualsiasi gruppo di persone e voglio solo essere reale e onesto, quindi sono davvero fortunato a far parte di The Orville.

Jackson: Non sono d’accordo con tutto questo. [Chuckles] No, certo, sono d’accordo con tutto, tutto ha un senso. Penny ed io abbiamo avuto la fortuna di essere a New York un paio di settimane fa e lavorare con Gays in Space, un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove la rappresentazione queer nella fantascienza e nel mondo, della scienza, come alla NASA e cose del genere, è così bello , è molto sottorappresentato nel mondo della scienza. La fantascienza sta migliorando, Star Trek lo stava facendo e dobbiamo molto a Star Trek, ma anche un po’ di rispetto a loro, perché quest’anno hanno sventolato la bandiera queer, o in queste ultime stagioni di Discovery, io non ho ancora visto gli altri, quindi non ne sono sicuro. Ma sì, è una grande responsabilità, se riesci a creare mondi dal nulla, creare mondi che ci saranno utili per il futuro, da cui possiamo imparare e possiamo aspirare a pensare, penso che sia davvero importante. Ma anche, come ha detto Penny, non prendere a bastonate le persone. Penso che Seth sia un genio in questo senso e The Orville funziona davvero nel senso che devi creare storie con abbastanza spazio all’interno delle trame perché le persone possano prendere una decisione. Affinché non si sentano come se venissero predicati o dettati.

È ampiamente riconosciuto che Star Trek è stato in prima linea nella rappresentazione diversificata da quando Star Trek: TOS è andato in onda per la prima volta negli anni ’60, ma per la maggior parte della storia del franchise, quella rappresentazione non ha incluso la comunità LGBTQ+. È stato solo nel 2017 quando Discovery ha introdotto la prima coppia apertamente gay del franchise. Sulu è stato interpretato brevemente con un marito in Star Trek Beyond, anche se George Takei ha pubblicamente confutato il cambio di personaggio, quindi l’aggiunta di più voci LGBTQ+ è davvero una direzione positiva per il franchise. È giusto quindi che The Orville segua lo spirito di Star Trek e porti avanti anche la rappresentazione LGBTQ+.

Tuttavia, nonostante gli elogi di Jerald e Jackson, The Orville può ancora migliorare il modo in cui lo spettacolo gestisce i suoi personaggi LGBTQ+. New Horizons ha sacrificato Charly nel suo penultimo episodio, cadendo in un tropo spesso criticato dalla comunità lesbica. Detto questo, anche l’inclusione di Charly in The Orville non dovrebbe essere trascurata solo perché è stata relativamente breve, poiché era un personaggio complesso e sviluppato. Sarebbe interessante vedere MacFarlane e il suo team di sceneggiatori continuare a esplorare storie più sottorappresentate se la serie venisse rinnovata per la stagione 4 di The Orville.

Ultime News

Perché Jon Hamm non ha esitato a prendere il ruolo di damigelle d’onore

Oltre un decennio dopo aver ottenuto recensioni entusiastiche, Jon Hamm si apre sul motivo per cui ha accettato...

La scena della riunione dei fantasmi della Force di Obi-Wan e Qui-Gon ha fatto piangere Liam Neeson

L'attore di Qui-Gon Jinn, Liam Neeson, riflette sul suo ritorno nell'universo di Star Wars e rivela che il...

Henry Cavill diventa Captain Britain nella straordinaria fan art del MCU

Mentre il suo futuro nel DC Extended Universe rimane in gran parte sconosciuto, Henry Cavill è immaginato come...

Battlestar Galactica ha pagato un tributo segreto alla serie originale

Il reinventato Battlestar Galactica, sia la miniserie che le successive serie televisive settimanali, hanno reso omaggio allo spettacolo...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te