Notizie Serie TVLe star di Boba Fett rispondono alle polemiche sui...

Le star di Boba Fett rispondono alle polemiche sui predatori di Tusken e sulle bande di motociclisti

-


The Book of Boba Fett ha come protagonisti Temuera Morrison e Ming-Na Wen che rispondono alle controversie dell’episodio 3. I fan sono stati sicuramente felici quando Boba Fett, tornato nell’universo di Star Wars dopo The Mandalorian, si è guadagnato il suo spettacolo sotto i riflettori su Disney+. Ma nonostante questa eccitazione, la reazione alle tanto attese nuove avventure dell’ex cacciatore di taglie non è stata del tutto positiva.

In effetti, l’ultimo episodio del Libro di Boba Fett ha dimostrato ancora una volta che Star Wars continua a essere uno dei franchise più controversi di tutti i principali franchise. Il primo sviluppo degno di un contraccolpo dell’episodio 3 “The Streets of Mos Espa” è arrivato quando Boba Fett è tornato a vedere il gruppo di Tusken Raiders con cui aveva stretto amicizia nei flashback post-sarlacc durante gli episodi 1 e 2 solo per trovarli tutti morti, lasciandolo a bruciano senza tante cerimonie i loro corpi nel deserto. I critici si sono immediatamente lamentati del fatto che questo sembrava un destino improvviso e ingiusto per i Tusken dopo che lo spettacolo ha fatto di tutto per affermarli come personaggi. Ma ancora più contraccolpo attendeva l’episodio grazie all’introduzione della banda di motociclisti Mos Espa, un gruppo di giovani cyborg in hoverbike il cui aspetto e comportamento decisamente non di Star Wars è stato paragonato ai Power Rangers e agli eroi giovanili del film Spy Kids .

Grazie a THR sia Morrison che Wen hanno già avuto la possibilità di rispondere alle due più grandi controversie suscitate dall’episodio 3 di The Book of Boba Fett. Morrison da parte sua ha affrontato le critiche sulla gestione dello show dei Tusken Raiders, dicendo “[Their portrayal] era meglio di quello che era [in the films].” Wen ha anche aggiunto i suoi due centesimi, rispondendo:

“Sapevamo così poco dei Tusken e [the show] ha davvero dato loro un incredibile retroscena… pensavo che tutti quegli elementi arricchissero davvero chi sono i Tusken… e [setting the bodies on fire] faceva parte di Star Wars, con Una nuova speranza, che si tratti dei Jawa, quando sono stati attaccati, c’è questo cerimonioso desiderio su Tatooine di bruciare i corpi invece di lasciarli sdraiare all’aperto nel deserto.

Ovviamente i critici non si sono opposti tanto all’incendio dei corpi dei Tusken quanto al fatto stesso della loro partenza anticipata dallo spettacolo. Il pensiero era che i personaggi alla fine sarebbero diventati gli alleati di Boba in qualunque battaglia avrebbe dovuto combattere, ma invece di seguire questo modo apparentemente logico, lo spettacolo ha ucciso gli amici di Boba e ha invece introdotto la banda di motociclisti come suoi nuovi alleati.

Per quanto riguarda quei motociclisti, che hanno decisamente colpito una nota strana per uno spettacolo di Star Wars, Morrison ha detto questo in difesa della loro inclusione:

“Alcune di queste cose sono fuori dal nostro controllo. Non possiamo dire come interpreti: ‘Non vogliamo lavorare con queste persone, non è abbastanza buono’… Hanno portato molto colore, ho pensato… sono stati fantastici, hanno lavorato sodo”.

Wen ha anche difeso i ragazzi motociclisti dello show, dicendo “Questo è un vero omaggio alle cose [creator] George Lucas ha sempre amato – che fossero i Mod negli anni ’60, o [Lucas’ hot rod film] Graffiti americani. Ha aggiunto: “Allo stesso tempo, si presta a saperne di più su Tatooine”.

L’inclusione di quella controversa gang di motociclisti cyborg, la cui creazione può apparentemente essere attribuita direttamente al regista dell’episodio Robert Rodriguez (da cui quei confronti di Spy Kids), apre ancora una volta una conversazione su ciò che è e non è giusto per Star Wars. Alcuni sosterranno che l’universo di Star Wars ha un certo tono consolidato che non dovrebbe essere violato. Altri diranno che le nuove voci creative in arrivo nell’universo dovrebbero avere la libertà di aggiungere cose originali al mix anche se queste si scontrano con elementi di Star Wars più familiari. Il libro di Boba Fett ha sicuramente aggiunto alcune nuove cose che probabilmente non si adattano bene a ciò che alcuni potrebbero chiamare “vero Star Wars”. Ma certamente essere pedissequamente devoti a una visione di Star Wars porterebbe solo alla stagnazione creativa. Come potrebbe dire Yoda, si tratta di portare equilibrio.

Fonte: THR

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

Latest news

In che modo Archive 81 utilizza i filmati trovati per creare un orrore coinvolgente

La showrunner dell'Archivio 81, Rebecca Sonnenshine, spiega come la nuova serie Netflix utilizza tecniche diverse per creare un'esperienza...

I personaggi di Spider-Man giocano alla faida familiare in Hysterical Fan Edit

AVVERTIMENTO! Questo articolo contiene spoiler per Spider-Man: No Way Home. Sulla scia dell'uscita di dicembre di Spider-Man: No...

L’assistente di Betty White condivide una delle ultime foto scattate al compianto attore

Betty White sorride in una delle ultime foto conosciute della defunta attrice. L'iconica attrice ha iniziato la...

I creatori di Yellowjackets confermano che il destino di Jackie potrebbe essere colpa di Shauna

Attenzione: quanto segue contiene SPOILER per Yellowjackets. I creatori di Yellowjackets, Ashley Lyle e Bart Nickerson, discutono di come...

I fan della Justice League supportano Ray Fisher dopo le critiche di Joss Whedon

Dopo un'intervista bomba in cui Joss Whedon ha criticato il cast e la troupe di Justice League, i...

Il poster di Moon Knight mostra l’arma a mezzaluna di Marc Spector

Il primo poster della serie Disney+/Marvel Moon Knight mostra l'arma a mezzaluna precisa nei fumetti di Marc Spector....

Must read

You might also likeRELATED
Recommended to you