Notizie FilmLe donne hanno pochi crediti per gli effetti visivi,...

Le donne hanno pochi crediti per gli effetti visivi, secondo uno studio

-

- Advertisment -spot_img


Ci sono più film che mai con un incredibile lavoro sugli effetti visivi, ma un nuovo studio intitolato Invisible in Visual Effects trova che i crediti delle donne in questo settore sono rimasti piatti negli ultimi anni.

Lo studio del Dr. Stacy L. Smith, l’Annenberg Inclusion Initiative e Women in Animation ha esaminato 400 film di maggior incasso da 2016 a 2019, scoprendo che le donne hanno ricevuto 21.6% dei crediti VFX – un rapporto di 3.6 uomini per ogni donna che lavora in VFX. La percentuale è variata poco nel periodo, con 20.8% dei crediti assegnati alle donne in 2016 e 22.6% dei crediti in 2019.

La bassa percentuale di donne nel campo significa che non sono state rappresentate nemmeno nel panorama dei premi degli effetti – solo una donna ha vinto l’Oscar per gli effetti visivi. Più donne hanno vinto ai Visual Effects Society Awards, anche se il totale è ancora solo il 9,3% dei vincitori.

Lo studio propone diversi modi per aumentare la partecipazione delle donne negli effetti visivi, tra cui pagare stipendi più alti ai produttori di VFX, dove le donne spesso iniziano, e rendere quella posizione ammissibile per l’adesione e i premi della Motion Picture Academy.

“La mancanza di donne nell’industria degli effetti visivi è parte di un modello più ampio di esclusione in tutta l’industria cinematografica”, ha detto il dottor Smith. “Le aziende e gli studios di VFX devono pensare criticamente alle loro pratiche di assunzione e promozione così come alle culture che creano internamente se vogliono vedere più donne e in particolare donne di colore salire a ruoli di leadership.”

Anche le donne che ricoprono ruoli di leadership nel settore sono state valutate, con il 16,2% di tutte le posizioni senior nel periodo di quattro anni. Le donne comprendevano solo il 2,9% dei supervisori VFX ma il 46,7% dei produttori VFX. Meno di un quarto dei montatori VFX erano donne, e tra gli altri ruoli di leadership, meno del 10% erano ricoperti da donne: supervisori dell’animazione (3,7%), supervisori delle luci (2%), supervisori del compositing (7,4%) e supervisori CG/3D (3,5%).

Immagine caricata pigramente

Le donne di colore erano rappresentate raramente in tutto il campo. Le donne di colore hanno occupato il 2,5% dei ruoli di leadership e meno dell’1% delle posizioni di supervisore VFX. I lavori di leadership più frequentemente ricoperti da donne di colore erano i produttori VFX (5,8% di tutti i ruoli) o gli editor VFX (5,1% di tutti i ruoli).

Guardando alle posizioni di pipeline che portano a ruoli di supervisione, lo studio ha scoperto che mentre le donne occupano tra il 13,9% e il 21,5% dei lavori di pipeline, le cifre scendono poi a solo il 10% delle posizioni di leadership. “Ci sono chiare perdite e crepe nella pipeline per le donne in tutto l’ecosistema dell’industria VFX”, ha detto il dottor Smith.

Quando si tratta della leadership di 60 aziende top VFX, poco più di un quarto (26,9%) dei dirigenti di queste aziende erano donne, e il 5,5% erano donne di colore.

“Come mostrano i dati di questo studio di riferimento, ci sono chiaramente degli ostacoli per le donne nel regno degli effetti visivi. Speriamo che questa consapevolezza basata sui fatti apra più porte e ripari i pioli rotti sulla scala della leadership per creare un ambiente più vario e inclusivo in questo settore dell’industria dell’intrattenimento”, ha detto il presidente di WIA Marge Dean.

L’analisi ha scoperto che i principali fattori che contribuiscono al basso numero di donne nel campo essenziale degli effetti visivi includono pratiche di assunzione radicate nell’industria, una cultura del posto di lavoro che non soddisfa le esigenze delle donne intorno all’equilibrio tra lavoro e famiglia o incoraggia la loro partecipazione, mancanza di modelli di ruolo e percezioni di leadership che favoriscono i tratti maschili per i ruoli di supervisione.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you