Notizie Serie TVL'attore Syrio Forel di Game Of Thrones riflette sull'impatto...

L’attore Syrio Forel di Game Of Thrones riflette sull’impatto del personaggio della prima stagione

-


L’attore di Syrio Forel Miltos Yerolemou riflette sull’impatto del suo personaggio su Game of Thrones. L’attore britannico è apparso nella prima stagione della serie fantasy di successo della HBO come l’ex First Sword of Braavos che viene assunto da Ned Stark (Sean Bean) per addestrare sua figlia, Arya (Maisie Williams), nella danza dell’acqua, uno stile Braavosi di scherma. Dopo l’arresto di Ned, Cersei Lannister (Lena Headey) manda le sue guardie corazzate a catturare Arya, anche se riesce a fuggire mentre Syrio le respinge con nient’altro che una spada di legno – fino a quando un cavaliere della Guardia Reale, Meryn Trant (Ian Beattie), lo taglia a metà e apparentemente lo uccide.

Dal momento che la presunta morte di Syrio avviene fuori dallo schermo, molti fan hanno iniziato a costruire elaborate teorie su come sarebbe tornato alla fine. Una teoria importante suggerisce che Syrio fosse in realtà l’Uomo Senza Volto Braavosi, Jaqen H’ghar (Tom Wlaschiha), che in seguito addestrò Arya alla Casa del Bianco e Nero. Ahimè, Yerolemou non è mai tornato nel ruolo di Syrio per lo spettacolo, ma il suo personaggio ha avuto un impatto significativo sulla serie. Il suo sacrificio nella prima stagione ha permesso ad Arya di fuggire da Approdo del Re e in seguito di allenarsi come Uomo senza volto, abilità che avrebbe usato per vendicare la sua famiglia e alla fine uccidere il Re della Notte.

Durante una recente intervista con Game of Laughs, Yerolemou riflette sull’impatto di Syrio Forel su Game of Thrones, inclusa la frase iconica del personaggio, “Not Today”, che “non si sarebbe mai aspettato di diventare parte della cultura pop”. Descrive la linea portando conforto ai fan in circostanze molto difficili, che secondo lui possono sembrare travolgenti. Ripensa anche alla popolarità dello spettacolo e al suo status di fenomeno culturale. Leggi cosa aveva da dire di seguito:

È davvero notevole. Ho avuto esperienze molto potenti. Mi sento davvero umiliato e sono molto orgoglioso di aver interpretato un personaggio che la gente ha amato così tanto. Non lo do mai per scontato. Soprattutto quando incontro persone, a volte che stanno affrontando vere difficoltà nella loro vita, persone che affrontano la morte loro stesse, mi dicono che quelle righe hanno dato loro un grande conforto. A volte è travolgente, ne sono sempre umiliato… ricevo molte richieste dai fan di scrivere “Not Today” sui loro corpi. E poi si trasformano in un tatuaggio. Penso che sia la cosa più strana che mi sia stato chiesto di fare.

La maggior parte delle volte hai a che fare con qualche milione qui, qualche milione là, ma qui stai parlando di miliardi di persone che hanno investito nello spettacolo. Quindi, lo spettacolo ha risposto che non lo sapevamo, non ne avevamo idea, volevamo che fosse un successo, volevamo che parlasse della storia nel modo in cui volevamo. Volevamo rendere giustizia al materiale originale. Questo è tutto ciò che abbiamo sempre voluto fare, creare qualcosa che non sia immediatamente dimenticabile. Ma non ci siamo mai resi conto che avremmo creato qualcosa del genere.

Syrio è apparso solo durante la prima stagione di Game of Thrones, anche se la sua influenza può essere vista ben oltre, principalmente attraverso l’adozione da parte di Arya del suo mantra, che le ha insegnato durante una delle loro sessioni di allenamento. La frase viene ripetuta numerose volte da Arya durante la serie per denotare la sua mentalità senza mai arrendersi. Dopo la morte del suo mentore Beric Dondarrion (Richard Dormer) nell’episodio 3 della stagione 8, Melisandre (Carice van Houten) invoca la frase di Syrio, chiedendo “Cosa diciamo al dio della morte?” per motivarla ad affrontare il Re della Notte.

Yerolemou era solo uno dei tanti attori il cui personaggio è stato ucciso durante le prime stagioni di Game of Thrones e ha visto la serie fantasy diventare un fenomeno culturale da lontano. Non avrà nemmeno la possibilità di tornare in House of the Dragon, poiché il prequel è ambientato circa 200 anni prima degli eventi della serie principale. Tuttavia, la città natale di Syrio, Braavos, probabilmente influenzerà in qualche modo la storia, a causa della presenza della Banca di Ferro e della loro considerevole flotta.

Fonte: Gioco delle risate

.item-num::after { content: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

Latest news

The Batman vs. Moon Knight ripete la battaglia di BvS vs. Daredevil 6 anni dopo

Con Moon Knight della Marvel e Warner Bros.' The Batman uscirà entrambi a marzo, c'è un parallelo...

Quanto tempo è stato Boba Fett nel Sarlacc e con i Tusken Raiders

Avvertimento! Spoiler per il quarto episodio di The Book of Boba Fett. Sebbene The Book of Boba Fett...

Rotten Tomatoes rivela i veri alti e bassi della carriera di Ben Affleck

Ben Affleck è uno degli attori più attivi che lavorano oggi e le colonne sonore di Rotten Tomatoes...

Hilary Duff fornisce aggiornamenti sul riavvio di Lizzie McGuire

Hilary Duff spera nel riavvio di Lizzie McGuire, condividendo un aggiornamento sullo stato del progetto dopo che la...

Il trailer di Tall Girl 2 di Netflix segue Ava Michelle in un musical scolastico

Il trailer di Tall Girl 2 di Netflix è stato ufficialmente rilasciato e il film dovrebbe essere presentato...

Rainn Wilson dell’ufficio rivela quale sarebbe il suo nome da supereroe

L'attore di Office Rainn Wilson ha annunciato come vorrebbe essere chiamato se diventasse un supereroe. Wilson ha...

Must read

You might also likeRELATED
Recommended to you