Asiatica Film Mediale

L’attore di Games Of Thrones Arya Stark ammette che lo spettacolo ha perso la qualità

L’attore di Games Of Thrones Arya Stark ammette che lo spettacolo ha perso la qualità
Debora

Di Debora

24 Ottobre 2022, 22:20


Maisie Williams, l’attrice di Arya Stark, ha offerto la sua interpretazione del famigerato finale de Il Trono di Spade. La serie fantasy della HBO è stata adattata dalla serie di libri Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco di George RR Martin. I romanzi hanno goduto di un invidiabile seguito di culto tra i fan del fantasy, ma non c’era modo di prevedere il livello di successo che lo spettacolo, che ha debuttato nel 2011 e comprendeva molti attori sconosciuti, avrebbe ottenuto. Con un budget e un valore di produzione impressionanti alle spalle e diversi romanzi di materiale originale da cui raccogliere, la serie fantasy è cresciuta costantemente in popolarità, diventando un fenomeno internazionale che ha continuato a registrare un’ascesa fulminea.

Con il progredire delle stagioni, Game of Thrones sembrava diventare più grande, migliore e più intenso, ottenendo costantemente punteggi alti sia dal pubblico che dalla critica. Tuttavia, l’attesissima conclusione della serie è stata accolta con delusione e persino rabbia da parte degli spettatori, che hanno ritenuto che la serie non fosse riuscita a rispettare l’atterraggio che ha portato al finale del 2019. La maggior parte concorda sul fatto che le ultime due stagioni non hanno offerto abbastanza tempo per concludere adeguatamente le numerose trame, soprattutto considerando la stagione abbreviata 8 di Game of Thrones, che comprendeva solo sei episodi. Ciò ha portato a quella che molti percepiscono come un’ultima stagione frettolosa e assolutamente incurante della serie da record che ha rovinato diversi personaggi per gli spettatori e ha rotto la loro immersione generale. Ora, una delle star della serie ha rivelato di essere d’accordo con le critiche.

Apparendo sullo stream Twitch dell’utente talfuin con suo fratello, Williams ha rivelato di aver recentemente rivisitato la serie fantasy. L’attore ha riferito di essere stata finalmente in grado di godersi la trama effettiva della serie senza essere “attivata” dal suo coinvolgimento/esperienze nello show. Nonostante abbia trovato la serie avvincente, Williams sembrava essere d’accordo con le lamentele sull’ultima stagione dello spettacolo, anche se ha mantenuto i suoi pensieri su quel brief. Scopri cosa ha da dire qui sotto:

“Sai una cosa, l’ho rivisto tutto di recente. Sì, è stato… è decisamente caduto alla fine. [Laughs] Ma è iniziato davvero forte. Avevo il cuore spezzato quando Ned è morto, eppure sapevo che sarebbe arrivato. Perché per la prima volta ho potuto sentire davvero la storia”.

House Of The Dragon seguirà il declino di Game Of Thrones?

La risposta di Williams alla fine di Game of Thrones conferma i sentimenti del pubblico in generale, il che è incoraggiante nonostante la persistente delusione che molti provano ancora per il modo in cui l’enorme spettacolo fantasy si è concluso. Il percepito calo della qualità, ha provocato problemi di fiducia sulla proprietà intellettuale annessa che ha reso gli spettatori riluttanti a tornare a Westeros con la serie prequel House of the Dragon. Tuttavia, il prequel, basato su Martin’s Fire and Blood, sembra aver conquistato ancora una volta il pubblico, con la sua premiere che è diventata la più grande nella storia della HBO in termini di spettatori e l’episodio 2 a sua volta ha battuto quel record. Dal momento che anche Game of Thrones ha avuto molti consensi nelle prime stagioni, il successo iniziale di House of the Dragon non significa necessariamente che non dovrà affrontare lo stesso destino del suo predecessore.

Tuttavia, i creatori di House of the Dragon stanno lavorando con un romanzo completo come materiale di partenza piuttosto che con la narrativa incompiuta che Game of Thrones doveva seguire. Inoltre, Martin in precedenza aveva confessato di essere “fuori dal giro” per le ultime stagioni di Game of Thrones, cosa che molti hanno indicato come una delle ragioni per cui lo spettacolo è peggiorato in termini di qualità. Si spera che i creatori di House of the Dragon continueranno a consultare l’autore fantasy. Martin ha anche affermato di recente che la serie prequel avrà bisogno solo di quattro stagioni per raccontare la storia completa, offrendo una finestra di tempo più breve che potrebbe garantire una qualità superiore. Infine, House of the Dragon si è dimostrato abile nell’essere in grado di lavorare in modo efficace con un lasso di tempo limitato utilizzando salti temporali e mantenendo un focus unico su una narrativa generale, che probabilmente continuerà a servire lo spettacolo andando avanti.

Fonte: talfuin/Twitch


Potrebbe interessarti

I legami di ghiaccio e fuoco di Rhaenyra spiegati da House of the Dragon Showrunner
I legami di ghiaccio e fuoco di Rhaenyra spiegati da House of the Dragon Showrunner

AVVERTIMENTO! SPOILER in vista dell’episodio 10 di House of the Dragon e Ryan Condal, showrunner di Fire & BloodHouse of the Dragon di George RR Martin, rivela come Rhaenyra (Emma D’Arcy) si inserisca nelle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco di Aegon il Conquistatore. Re Viserys (Paddy Considine) rivela la profezia tramandata dai Targaryen sul […]

Doctor Who ha fallito i suoi tredici anni e Yaz Romance
Doctor Who ha fallito i suoi tredici anni e Yaz Romance

Questo articolo contiene spoiler per lo speciale del centenario di Doctor Who, Il potere del dottore. Nel loro episodio finale, Doctor Who ha fallito la sottotrama romantica tra il tredicesimo dottore (Jodie Whittaker) e la sua compagna Yaz (Mandip Gill). Lo speciale del Centenario di Doctor Who, “The Power of the Doctor”, ignora quasi completamente […]