Asiatica Film Mediale

L’attore di Arondir di Rings Of Power ha avuto un’odissea nel casting degna di LOTR

L’attore di Arondir di Rings Of Power ha avuto un’odissea nel casting degna di LOTR
Debora

Di Debora

15 Settembre 2022, 15:35


L’attore de Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere Ismael Cruz Córdova descrive in dettaglio la sua estenuante odissea di audizioni durata mesi per guadagnarsi il ruolo di Arondir. Basato sugli amati romanzi fantasy dell’autore JRR Tolkien, The Rings of Power si svolge migliaia di anni prima degli eventi dell’acclamata trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson, che racconta l’ascesa del male nella Seconda Era della Terra di Mezzo. Lo spettacolo ha ottenuto finora ottime recensioni da parte della critica, con elogi per la sua portata, scala e fedeltà ai temi presenti nell’opera di Tolkien.

Sebbene The Rings of Power riporti diversi nomi familiari, tra cui Galadriel (Morfydd Clark) ed Elrond (Robert Aramayo), la maggior parte dei personaggi dello show sarà nuova per il pubblico. Tra i nuovi personaggi c’è Arondir, un elfo innamorato di Bronwyn (Nazanin Boniadi), un umano. Arrondir si è ritrovato in prima linea in un’incursione degli Orchi nelle Terre del Sud. L’episodio più recente di The Rings of Power ha visto il personaggio catturato dagli Orchi e costretto a lavorare come schiavo, con la promessa di ulteriori azioni in arrivo con l’avanzare dello spettacolo. Sebbene il viaggio del personaggio in The Rings of Power sia stato pieno di alti e bassi, Cruz ora rivela che il suo processo di casting non è stato troppo diverso.

In una nuova intervista su Jimmy Kimmel Live!, Cruz descrive in dettaglio il suo processo di casting per lo spettacolo, dicendo che ci sono volute più audizioni nel corso di molti mesi (e in molte località). Dopo aver spiegato la lotta nel tentativo di inviare la sua audizione su auto-registrazione da un piccolo villaggio del Sud Africa senza Wi-Fi, l’attore rivela che in realtà è stato rifiutato per il ruolo diverse volte. Poi, tuttavia, Cruz ha ricevuto una chiamata a sorpresa per incontrare i produttori in Nuova Zelanda, dove ha inchiodato la sua audizione di persona. Un elemento della sua improvvisazione è persino arrivato allo spettacolo finale. Dai un’occhiata alla storia completa di Cruz qui sotto:

“Ci sono voluti circa sei o sette mesi di audizione. Non posso dirti quante volte ho fatto l’audizione. Ho fatto un provino a New York, Los Angeles, e poi sono stato spedito in Sud Africa nel deserto, al confine con la Namibia. Quando sono arrivato lì, ho ricevuto il mio primo rifiuto. E ancora, ero tipo “no”. L’ho detto ai miei manager, l’hanno mandato, abbiamo continuato a lottare per questo e mi hanno dato un’altra opportunità. Quindi a quel punto sto mettendo insieme il mio nastro, tutti sono eccitati perché i miei truccatori sono grandi fan di Tolkien. Mi truccano, mi sistemano con le luci. Vivevo in una tenda. Lo scatto nella mia tenda. C’era pochissimo wi-fi, solo in questa cucina in cima alla collina, era quasi come dial-up. Vado a mettere il mio telefono lì, lo collego, dormo in cucina.

Otto ore dopo mi sveglio la mattina per “caricare non riuscito”. Quindi, sto impazzendo. Do il telefono al mio autista e lui lo guida per due ore fino al villaggio vicino dove c’è il wi-fi. Lo inserisce, lo invia, lo ottiene ai produttori. Ricevo la mia risposta ed è di nuovo “no”. Voglio davvero questo ruolo, credo davvero che questo ruolo sia per me, quindi dico alla mia squadra: ‘So che Jay Bayona vive a Barcellona, ​​parlo spagnolo. So che vibreremo. Se mi incontra so che me lo darà. Quindi reindirizziamo il mio volo, mi presento nel suo ufficio, prendiamo un caffè.’ E loro dicono, ‘Rilassati, non essere inquietante. Non farti arrestare, stiamo cercando di farti entrare nello show.’

A quel punto, il produttore invia un’e-mail del tipo: “Ascolta, è fantastico ma non sta andando per il verso giusto”. Sono andato a New York, il mio manager ha chiamato e lui mi ha detto: “Beh, in realtà vogliono che tu vada in Nuova Zelanda tra due giorni”. Ero tipo, ‘Cosa vogliono queste persone da me?’ Mi dirigo in Nuova Zelanda e ho creduto davvero che quando sono arrivato lì e le persone hanno sentito la mia essenza, perché Arondir è un guerriero guidato dall’amore. E mi sentivo davvero come se mi avessero incontrato l’avrebbero saputo. Quindi, sono arrivato lì e stavo suonando alla grande, e una volta che ho fatto la mia audizione ho sentito che tutto è cambiato. E in realtà, nella mia audizione, c’è questo momento nel terzo episodio in cui tutti rispondono a quando tocco un albero e prego su di esso e chiedo perdono. In realtà è stato qualcosa che ho fatto nella mia improvvisazione, ed è arrivato allo spettacolo.

Con il materiale originale amato come Il Signore degli Anelli, il casting era evidentemente qualcosa che i produttori di The Rings of Power prendevano molto sul serio. Cruz era probabilmente in competizione con centinaia di altri attori per il ruolo e, sebbene il suo processo di casting fosse tutt’altro che semplice, il suo sforzo alla fine è stato chiaramente ripagato. La storia di Cruz rivela anche quanto deve essere stata forte la sua audizione di persona, con il momento toccante di Arondir con l’albero dell’episodio 3 in realtà proveniente in parte da un elemento improvvisato della sua audizione.

Il viaggio di Cruz per ottenere il ruolo di Arondir ne Gli anelli del potere è stato pieno di alti e bassi, e ha chiaramente messo un grande sforzo nel processo. È un peccato, quindi, che il suo casting sia stato oggetto di reazioni razziste online, con un piccolo sottogruppo di fan arrabbiati che criticano The Rings of Power per il casting di qualcuno che non è bianco per interpretare il ruolo di un elfo. Resta da vedere come si svilupperà la storia di Arondir in Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere, ma il selvaggio processo di audizione di Cruz è di per sé una storia divertente.

Fonte: Jimmy Kimmel Live!


Potrebbe interessarti

Star Trek mostra l’altro lato della scena più bella del primo contatto
Star Trek mostra l’altro lato della scena più bella del primo contatto

Attenzione: SPOILER per Star Trek: Lower Decks Stagione 3, Episodio 4 – “Room For Growth” La passeggiata spaziale del Capitano Picard (Patrick Stewart) sulla parabola deflettore della USS Enterprise-E è una delle scene più belle di Star Trek: Primo contatto, e Star Trek: Lower Decks ha ora mostrato l’altro lato della serie di deflettori. In […]

Betty Gilpin si apre sulla cancellazione della stagione 4 di Glow da parte di Netflix
Betty Gilpin si apre sulla cancellazione della stagione 4 di Glow da parte di Netflix

Betty Gilpin parla della decisione a sorpresa di Netflix di cancellare la stagione 4 di GLOW. Ambientato nella Los Angeles degli anni ’80, GLOW segue l’attrice in difficoltà Ruth Wilder (Alison Brie), che si unisce a uno show di wrestling femminile emergente chiamato Gorgeous Ladies of Wrestling (GLOW ). Non molto tempo dopo essersi unita […]