Asiatica Film Mediale

La star di World War Z non si arrende alla sequel cancellata (anche 10 anni dopo)

La star di World War Z non si arrende alla sequel cancellata (anche 10 anni dopo)
Erica

Di Erica

19 Marzo 2023, 15:16



La protagonista di World War Z, Mireille Enos, spera ancora che venga realizzato il sequel, anche a distanza di 10 anni. Il film del 2013, basato sul romanzo omonimo di Max Brooks, raccontava le vicende dell’ex investigatore delle Nazioni Unite Gerry Lane (Brad Pitt) e dei suoi sforzi per fermare un’apocalisse zombie in crescita. Enos interpretava Karin, moglie di Gerry, che insieme ai suoi figli lottava per la sopravvivenza mentre gli infetti aumentavano in numero. Oltre a Enos e Pitt, il cast del film includava Daniella Kertesz, James Badge Dale, David Morse, Peter Capaldi e Sterling Jerins.

Nonostante il successo al botteghino e le recensioni positive al momento della sua uscita, i piani per sviluppare un sequel di World War Z sono stati abbandonati nel 2019. In un recente intervista con The Wrap, Enos ha rivelato perché non ha ancora perso la speranza per il film, sottolineando quanto fosse vicino alla produzione e che la sceneggiatura era “ottima”. Leggi i commenti di Enos sulla possibilità di World War Z 2 di seguito:

“La sceneggiatura del secondo film era ottima. Vorrei che il mondo potesse vederla. Siamo stati davvero vicini a realizzare un sequel. In un certo momento David Fincher era impegnato, c’era una sceneggiatura completa che era eccellente e poi una cosa e l’altra, sai (e non è stato mai fatto). Ma non dire mai mai. Penso ancora che sarebbe fantastico”.

Con l’interesse rinnovato per il contenuto apocalittico e zombi, grazie a The Walking Dead e The Last of Us di HBO, un sequel di World War Z sembra ancora possibile. Alla fine del film, Gerry si era iniettato un patogeno e si era confrontato con diversi infetti, anche se la sua presenza era stata ignorata. Dopo essersi riunito con la sua famiglia in una zona sicura, le immagini mostravano un vaccino che veniva consegnato in diverse parti del mondo, ma lui confermava che la battaglia contro gli zombi era lontana dall’essere finita.

In precedenza si era ipotizzato che nel World War Z 2 di Fincher, il presunto vaccino sarebbe stato efficace solo per 36 ore e che si sarebbe introdotto un piano per far diventare gli infetti avversari l’uno dell’altro. Il regista, noto per progetti come Seven, Fight Club, Zodiac e Gone Girl, avrebbe potuto realizzare un sequel avvincente, ma complicazioni di bilancio hanno alla fine portato alla sua cancellazione. Mentre il primo film ha incassato oltre 500 milioni di dollari, sono stati sperimentati costi in aumento e una serie di riprese, portando a una supposta pari alla spesa.

Enos non è l’unica a sperare di tornare in World War Z, poiché alcuni fan del materiale di base hanno espresso delusione per la sua trasposizione iniziale. La conclusione ha preparato il terreno per un World War Z 2, e sarebbe interessante vedere in che direzione andrà. Dato che star come Enos e Pitt potrebbero tornare, un sequel ha ancora molto potenziale.


Potrebbe interessarti

Perché Scream 6 non ha ucciso QUEI personaggi spiegato dai registi.
Perché Scream 6 non ha ucciso QUEI personaggi spiegato dai registi.

Attenzione: SPOILER per Scream 6! I registi di Scream 6 stanno spiegando perché alcuni personaggi non sono stati uccisi. Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett son tornati dopo aver diretto Scream del 2022, il primo capitolo della saga senza il coinvolgimento di Wes Craven. Dopo gli eventi del film precedente e la morte di Dewey Riley […]

JK Rowling riflette sulla controversia trans e sulla reazione dei fan di Harry Potter.
JK Rowling riflette sulla controversia trans e sulla reazione dei fan di Harry Potter.

Quasi tre anni dopo aver scatenato l’indignazione online, J.K. Rowling riflette sulla controversia sulla transfobia e sulla backlash dei fan di Harry Potter riguardo al problema. La pluripremiata autrice è stata criticata per la prima volta a metà 2020, quando si è espressa sui social media per criticare l’uso della frase “persone che menstruano”, con […]