Notizie FilmLa star di 'Call My Agent', Nicolas Maury, parla...

La star di ‘Call My Agent’, Nicolas Maury, parla del suo debutto nel cinema e del suo futuro

-

- Advertisment -spot_img


La star di “Call My Agent”, Nicolas Maury, non aveva ancora capito il successo internazionale dello show ambientato a Parigi fino a quando non è andato a Los Angeles la scorsa settimana per presentare il suo debutto nel lungometraggio “Garcon Chiffon” (“La mia parte migliore”) al Colcoa, il festival francese di film e serie.

A Los Angeles, tutti, dagli ospiti del festival, alla gente del posto, ai camerieri dei ristoranti, si sono avvicinati a lui per parlare di Hervé, il suo personaggio colorato e accattivante in “Call My Agent”, in streaming su Netflix e disponibile sull’emittente pubblica francese France Televisions. Nella vita reale, Maury è esuberante come Hervé e può essere sia spirituale che esuberante, osservatore ed estroverso. Ha anche lavorato come modello e si veste di tutto punto con abiti di Chanel, Prada e Lanvin.

Maury dice che interpretare uno dei rari protagonisti gay in una grande serie televisiva francese gli ha permesso di avere un impatto sulle giovani generazioni. “Voglio essere considerato un attore, non un attore gay, ma allo stesso tempo, non ho mai nascosto nulla, non ho mai mentito, e non ho fatto coming out per ricevere allori o un premio, l’ho fatto perché quando ricevo sms dai giovani di tutto il mondo, come questo ragazzo brasiliano di 14 anni che mi ha detto che vedere Hervé nello show ha cambiato la sua prospettiva di uomo gay, questo mi commuove terribilmente”, dice il 40enne Maury.

“Sono felice che lo spettacolo abbia contribuito ad aprire le cose perché il mondo del cinema in Francia non è così accogliente come sembra; ho sentito parlare di una mafia gay nell’industria, ma non è vero ed è una cosa abominevole da dire”, dice Maury, aggiungendo che essere apertamente gay non gli impedisce di interpretare personaggi etero, come Steve Jobs in una recente commedia di Robert Cantarella e Alban Lefranc.

Anche il suo debutto alla regia “La mia parte migliore” è stato accolto calorosamente al Colcoa, dove ha avuto la sua prima nordamericana. Il toccante film, che ha aperto in Francia durante la pandemia e ha fatto parte della selezione ufficiale di Cannes 2020, vede Maury nei panni di un attore trentenne in difficoltà che attraversa un periodo di sofferenza e che fa un viaggio nella sua città natale dove sua madre (Nathalie Baye) lo conforta e gli dà una prospettiva di vita. Anche Arnaud Valois (“BPM (Beats Per Minute)”) e Laure Calamy (“Call My Agent”) sono protagonisti.

Maury ha detto che l’idea del film gli è venuta quando ha vissuto una “relazione amorosa che ha scatenato una certa ansia e questo mostro chiamato gelosia”.

“La mia parte migliore” affronta la gelosia ma non punta il dito. “La gelosia è diventata un tabù, perché siamo in quest’epoca con il cosiddetto poliamore, dove tutti sono molto aperti, ma anche le persone più cool lottano con questo concetto. Mi ricorda quello che (il filosofo francese) Roland Barthes chiamava i ‘tentativi di rilassamento’ negli anni ’70”.

Il film personale ruota anche intorno a un rapporto madre-figlio. “Molto spesso nei film in cui c’è un personaggio gay, la madre è isterica o reazionaria, e in ‘La mia parte migliore’ ho cercato di ritrarre una madre che parlasse da donna e dicesse delle cose a suo figlio”.

L’attore-trasformatore, che si è laureato al prestigioso conservatorio di arti drammatiche e ha iniziato la sua carriera in teatro, ha detto che gli è piaciuto lavorare con Baye, un “attore tremendo” che è stato molto meticoloso e impegnato nel film. “Abbiamo lavorato con il metodo (Francois) Truffaut, vale a dire che ci riunivamo tutti insieme, leggevamo l’intera sceneggiatura e discutevamo in modo da essere tutti sulla stessa pagina, questo era importante per me”, ha detto Maury.

Maury sta ora collaborando con il suo produttore di “My Best Part”, Charles Gillibert (“Annette”, “Bergman Island”) alla CG Cinema per la sua seconda uscita, che descrive come una “storia d’amore che viaggia nel tempo tra un uomo e una donna di età molto diverse che rivivono i loro amori passati”. Citando attori-registi ispiratori come Nanni Morretti e Valeria Bruni Tedeschi, Maury dice che sarà il protagonista del film, oltre a scrivere e dirigere. Dice che questo secondo film non rispecchierà “Call My Agent” come ha fatto “My Best Part”, e avrà una trama intricata con diversi strati, così come elementi fantasy.

Immagine caricata pigramente

Laure Calamy come Noémie e Nicolas Maury come Hervé in “Call My Agent”
Christophe BRACHET

Per quanto riguarda i prossimi sviluppi di “Call My Agent”, Maury dice che il film spinoff dedicato è attualmente in fase di sceneggiatura e avrà una portata più internazionale rispetto alla serie. Le riprese dovrebbero iniziare l’anno prossimo, ma Maury dice che coordinare gli impegni di tutti è un’impresa difficile. Infatti, molte delle star dello show hanno visto le loro carriere decollare, in particolare Camille Cottin che recita in “Stillwater” e “House of Gucci”, e Calamy, che ha vinto un premio Cesar per la sua performance in “My Donkey, My Lover & I”.

Maury dice che il nuovo showrunner del film ha chiamato lui e gli altri attori protagonisti della serie per discutere. “Ho pensato che sia stato molto elegante da parte sua chiamarci individualmente per dirci cosa pensava della trama di ogni personaggio e chiederci la nostra opinione, desideri, è stato super interessante”.

“Una volta che le prime sceneggiature saranno completate, faremo una prima lettura tutti insieme come facciamo sempre, è come essere di nuovo a scuola!” dice Maury, la cui eccitante lista include anche un nuovo film, un po’ di teatro e un progetto musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you