Notizie Serie TVLa stagione 3 di Orville onora perfettamente il ruolo...

La stagione 3 di Orville onora perfettamente il ruolo di William Shatner (non Kirk)

-


Attenzione: SPOILER per The Orville stagione 3, episodio 3, “Mortality Paradox”.

The Orville stagione 3, episodio 3 “Mortality Paradox” rende omaggio a un iconico ruolo di William Shatner, ma sorprendentemente per il tributo a Star Trek, non è il Capitano Kirk. Creata da Seth MacFarlane dei Griffin, The Orville è una serie di avventura fantascientifica commedia drammatica che rende regolarmente omaggio a Star Trek degli anni ’90. In “Mortality Paradox”, Ed Mercer di MacFarlane e la sua squadra di sbarco si trovano ad affrontare una serie di esperienze di pre-morte progettate da una specie immortale e onnipotente.

Questi scenari coinvolgono una battaglia per la vita o la morte con un orco sul campo da football del liceo, un inquietante obitorio Moclan e un attacco da parte di una terrificante creatura marina. Dopo essere fuggiti dal liceo, il Mercer di Seth MacFarlane e la sua squadra di sbarco si ritrovano a bordo di un vecchio aereo passeggeri terrestre dove tutto non è come sembra. Il disagio che ricade sul tenente Malloy (Scott Grimes) riecheggia il ruolo iconico di William Shatner in The Twilight Zone, stagione 5, episodio 3, “Nightmare at 20.000 Feet”.

In “Nightmare at 20.000 Feet”, William Shatner ha interpretato Robert Wilson, un uomo che si sta riprendendo da una condizione di salute mentale. Dopo essere stato dimesso dall’ospedale, Wilson si imbarca su un aereo passeggeri diretto a casa, dove sua moglie e gli altri passeggeri credono che Wilson stia ancora attraversando una crisi di salute mentale. Vede una creatura sull’ala dell’aereo, che sta armeggiando con il cablaggio, e desidera disperatamente attirare l’attenzione dell’equipaggio su questo atto di sabotaggio potenzialmente fatale. Data la predilezione per i riferimenti alla cultura pop in I Griffin di Seth MacFarlane, non sorprende che la stagione 3 di The Orville, episodio 3 “Mortality Paradox”, renda omaggio a questo iconico episodio di The Twilight Zone.

C’è un’atmosfera onirica, quasi da incubo in The Orville stagione 3, episodio 3 “Mortality Paradox”, in particolare nelle scene a bordo dell’aereo; e questo è un tono che spesso definisce i migliori episodi di The Twilight Zone. Scritto da Cherry Chevapravatdumrong, collega dei Griffin di MacFarlane, “Mortality Paradox” presenta anche varie somiglianze visive con l’iconico aspetto di Twilight Zone di William Shatner. Gli scatti dei membri dell’equipaggio di Orville che guardano preoccupati attraverso i finestrini dell’aereo ricordano gli scatti memorabili di un William Shatner in preda al panico che fa lo stesso. C’è anche una grande quantità di tuoni e fulmini atmosferici che causano turbolenza per il volo travagliato dell’equipaggio di Orville, che ricorda anche il fatidico volo di Robert Wilson nella versione originale di “Nightmare at 20.000 Feet”.

La scena finale vede Wilson rimandato in un ospedale di salute mentale dopo aver quasi fatto schiantare l’aereo nel suo tentativo di fermare il goblin sull’ala dell’aereo. Tuttavia, mentre si allontana dall’aeroporto in barella, la telecamera si sofferma sul danno arrecato all’aereo, dimostrando che le sue visioni da incubo erano reali. “Il paradosso della mortalità” di Chevapravatdumrong consente all’equipaggio di Orville di dare finalmente al personaggio di Shatner il riconoscimento e la giustizia che merita. Come pilota egli stesso, il tenente Malloy sente che l’aereo sta volando deliberatamente in sacche di tempesta, e così, sostenuto dai suoi compagni di equipaggio, tenta di prendere il controllo dell’aereo con orrore di una hostess ostruttiva. La squadra di sbarco ha più successo di Robert Wilson nel tentativo di evitare un incidente aereo e, prendendo d’assalto la cabina di pilotaggio, Mercer e Malloy prendono il controllo dell’aereo e attuano un atterraggio di emergenza.

Dato che The Orville invoca regolarmente i tropi di Star Trek, potrebbe essere sorprendente che lo spettacolo abbia invece reso omaggio a Robert Wilson di Twilight Zone piuttosto che a James T. Kirk. Tuttavia, The Orville, come lo stesso Shatner, è più di un semplice Star Trek. Facendo riferimento al contributo di William Shatner a un altro franchise di fantascienza, “Mortality Paradox” richiama perfettamente la fantascienza a episodi così amata dalla televisione classica e dimostra che The Orville colma abilmente questa lacuna nel panorama televisivo moderno.

The Orville: New Horizons pubblica nuovi episodi giovedì su Hulu.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

Ultime News

Tutto ciò che abbiamo imparato da Thor: le recensioni di Love & Thunder

ATTENZIONE: contiene spoiler per Thor: Love & Thunder Anche se il film non arriverà nelle sale fino all'8 luglio,...

Il creatore di Friends si rammarica della gestione da parte dello show del genitore transgender di Chandler

Subito dopo aver risposto alle critiche sulla mancanza di diversità della sitcom, la co-creatrice di Friends Marta Kauffman...

L’anime di Dragon Ball Super potrebbe tornare nel 2023

Il popolare leaker “SUPER クロニクル (@DBChronicles)ha condiviso un aggiornamento assicurando che la produzione dell'anime Dragon Ball Super è...

I fratelli Duffer rispondono a cose strane che portano al successo in collina

I Duffer Brothers rispondono al successo di "Running Up That Hill" di Kate Bush dopo il suo utilizzo...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te