Asiatica Film Mediale

La scena più difficile da girare di Avatar 2 suddivisa in dettaglio dal produttore

La scena più difficile da girare di Avatar 2 suddivisa in dettaglio dal produttore
Erica

Di Erica

05 Marzo 2023, 16:07


Il produttore di Avatar: The Way of Water, Jon Landau, parla di quale scena del film è stata la più difficile da girare. Essendo un film ambientato sul lontano pianeta di Pandora, Avatar: The Way of Water presenta un nuovo mondo pieno di piante, animali e persone aliene. Mentre l’umanità continua a cercare di estrarre le risorse del pianeta, i Na’Vi devono prendere ancora un’altra posizione contro gli umani, e questo significa rivolgersi ai mari di Pandora per difendersi.

Sebbene le scene subacquee di Avatar: The Way of Water siano incredibili, sono state dolorosamente difficili da filmare. Innumerevoli ore di lavoro sono state dedicate alla progettazione del mondo sottomarino, e ciò ha reso Avatar: The Way of Water una seria sfida per il cast e la troupe. In un’intervista con The Hollywood Reporter, a Landau è stato chiesto quale film fosse il più difficile – e più gratificante – da girare, e ha trovato facilmente una risposta. Dai un’occhiata alla sua citazione qui sotto:

Parlerò della scena che chiamiamo ‘la prima nuotata’. È quando i bambini saltano in acqua per la prima volta e portiamo il pubblico in quell’ambiente. [We would] torna ai riferimenti che avevamo girato di artisti alle Bahamas e riferimenti che avevamo fatto nel serbatoio di cattura delle prestazioni. Siamo in un regno in cui il pubblico sa cosa è reale. Se sei in un inferno e c’è fuoco ovunque e le persone lo attraversano e non ne sono colpite, nessuno può capirlo. Ma tutti hanno visto filmati di persone che saltano [into water], molte persone lo hanno fatto da sole. Abbiamo girato i riferimenti di tutti i costumi sott’acqua e di come si muovevano per assicurarci che fosse autentico quando Weta FX ha iniziato a tornare con le loro simulazioni. C’è un momento di meraviglia sul viso di Kiri: è un momento che ho adorato, in cui allunga la mano e tocca le cose sott’acqua. Questo si basa su un’esperienza che abbiamo fatto tutti insieme come parte della formazione per The Way of Water, dove siamo andati alle Hawaii per un’esperienza di memoria sensoriale per il cast. L’abbiamo fatto nel primo film, ma l’abbiamo fatto solo nella foresta pluviale, e per questo film l’abbiamo fatto nella foresta pluviale e negli oceani. Abbiamo portato il cast a immergersi sott’acqua durante un’immersione notturna. Nell’oscurità dell’oceano, a 30 piedi di profondità, abbiamo fatto forse la cosa più simile a Pandoran che si potesse fare sulla Terra: abbiamo visto mante giganti uscire dall’oscurità e nuotare sopra di noi. Sigourney è stata in grado di allungare la mano e toccare una delle loro pance. Questo è il senso di meraviglia che ha poi trasmesso al pubblico con la sua esibizione in quella prima sequenza di nuoto.

Perché le scene subacquee di Avatar 2 sono state così difficili da filmare

È stato un vero dolore girare anche le scene sopra il livello del mare, grazie alla necessità di utilizzare CGI su quasi ogni ripresa. Eppure le scene subacquee hanno aggiunto un ulteriore livello di difficoltà per il team degli effetti visivi di Avatar: The Way of Water. Sia il cast che la troupe dovevano adattarsi alle riprese modificando il trucco, i costumi, le scenografie e aggiungendo le abilità degli attori.

Per adattarsi al mondo sottomarino, la star di Avatar: The Way of Water Sigourney Weaver ha rivelato di essersi allenata con gli istruttori Navy SEAL solo per assicurarsi di poter effettivamente girare il film. Lunghe scene subacquee significavano che gli attori dovevano trattenere il respiro così a lungo che Kate Winslet ha persino battuto il record di Tom Cruise rimanendo sott’acqua per sette minuti consecutivi. Ogni scena doveva anche essere girata con tute per il motion capture, il che significa che gli attori non erano in grado di respirare, vestiti con abiti limitanti e dovevano emotare tutto allo stesso tempo.

Lo sforzo alla fine si è rivelato ripagato al momento del rilascio poiché gli effetti finali di Avatar: The Way of Water sono stati salutati altrettanto sbalorditivi dell’originale. Il mondo di Pandora sembra ancora realistico, nonostante sia stato in gran parte creato con elementi CGI e lavoro VFX. Anche se è stata una ripresa fisicamente impegnativa che ha richiesto agli attori di imparare a immergersi senza proteggere l’attrezzatura, Avatar: The Way of Water ha dimostrato che nessuna ambientazione è veramente al di là delle capacità tecnologiche di Hollywood, soprattutto mentre il franchise continua a crescere.

Fonte: THR

Date di rilascio principali

  • Avatar 3 Data di rilascio: 20/12/2024
  • Avatar 4 Data di rilascio: 2026-12-18
  • Avatar 5 Data di rilascio: 2028-12-22


Potrebbe interessarti

Il cast di TMNT di Seth Rogen e i dettagli della storia rivelano i cattivi preferiti dai fan
Il cast di TMNT di Seth Rogen e i dettagli della storia rivelano i cattivi preferiti dai fan

Gli eroi underground preferiti da tutti stanno tornando con stile con il cast e i dettagli della storia di Teenage Mutant Ninja Turtles: Mutant Mayhem. Il prossimo film d’animazione è uno dei due riavvii cinematografici in lavorazione basati sugli amati personaggi dei fumetti di Kevin Eastman e Peter Laird. Prodotto da Seth Rogen e dal […]

Keanu Reeves rivela il ruolo che vorrebbe interpretare di più nel MCU
Keanu Reeves rivela il ruolo che vorrebbe interpretare di più nel MCU

L’attore Keanu Reeves ha confermato il personaggio Marvel che gli piacerebbe di più interpretare nel MCU. Mentre la famosa star di Matrix e John Wick ha avuto colloqui con i Marvel Studios in passato, deve ancora avere un ruolo ufficiale come Vendicatore o altro nell’MCU. Tuttavia, sembra che sarà solo una questione di tempo data […]