Notizie Film'Kevin Garnett: tutto è possibile' Registi sulla star dell'NBA

‘Kevin Garnett: tutto è possibile’ Registi sulla star dell’NBA

-

- Advertisment -spot_img


“Kevin Garnett: Anything Is Possible” delinea l’influente carriera del Basketball Hall of Famer e campione celtico Kevin Garnett, che ha avuto un ruolo fondamentale in “Uncut Gems” al fianco di Adam Sandler. Il documentario di Showtime si immerge nelle sue radici, dove tutto è iniziato e come ha ottenuto l’oro, lasciando il segno nello sport e aprendo la strada a future leggende come Kobe Bryant e LeBron James.

I co-registi Daniel B. Levin e Eric W. Newman sapevano di avere una storia forte su cui lavorare, essendo loro stessi fan del basket degli anni ’90, quando hanno parlato con Garnett di idee per progetti. La strada sembrava chiara: era ora che Garnett raccontasse la sua storia.

Il lungometraggio mostra lati della carriera di Garnett che molti potrebbero non conoscere, come la sua robusta carriera liceale come giocatore o il grande ruolo giocato da Chicago nella sua preparazione per l’NBA. Più di questo, il documentario si lega a sentite interviste di grandi attori della vita e della carriera di Garnett, tra cui Doc Rivers, Sam Cassell e Snoop Dogg.

Levin e Newman hanno parlato con Variety sullo sviluppo del documentario, dalla produzione durante la pandemia alle storie sorprendenti e ai narratori che hanno trovato durante il processo.

Com’è stato lavorare con Kevin Garnett, e come è iniziato tutto?

Daniel B. Levin: È stato incredibile. È stata un’esperienza piuttosto selvaggia. Penso che la prima cosa che ti colpisce quando lo incontri è la sua capacità di raccontare storie. Come soggetto di un documentario, è una grande risorsa da avere. Il solo poter parlare con lui della sua vita è stato affascinante. Eric e io siamo ovviamente grandi fan del basket e abbiamo una lunga storia di lavoro insieme, molto legata al basket. Così, quando abbiamo iniziato a parlare con Kevin Garnett, ci siamo detti: “Perché non hai mai raccontato la tua storia? E lui: “Pensi che qualcuno sarebbe interessato?” E noi abbiamo detto: “Certo”. È sempre stata una conversazione creativa, ma io ed Eric ci siamo concentrati sul fatto che lui raccontasse la sua storia.

Cosa ti ha sorpreso durante questo processo? Ci sono stati momenti o storie che non avevi previsto?

Eric W. Newman: La pandemia non ha cambiato la nostra storia, ma ha cambiato il modo in cui l’abbiamo raccontata in molti modi, se questo ha senso. Ci sono cose nel film che si sentono la pandemia. Avevamo in programma di fare delle scene con K.G. e alcune di queste persone influenti della sua carriera e della sua vita, ma a causa di COVID e della tragedia intorno a Kobe Bryant, quelle scene non sono state realizzate come speravamo. Ma siamo stati in grado di creare alcuni grandi archi e grandi storie che si intrecciano. Dopo il nostro primo incontro con Kevin, niente di quello che ha detto mi ha sorpreso di nuovo. Era più uno stupore nella sua coerenza. Ciò che è stato sorprendente, ad essere onesti, in molti di questi documentari sportivi a cui ho lavorato o documentari in generale, si ottengono un paio di queste voci complementari che sono davvero, davvero buone. Siamo stati viziati. Siamo stati così fortunati perché ce n’erano così tante che avevano così tante cose meravigliose da dire. Si poteva dire che tenevano a Kevin, all’epoca e a ciò che ha influenzato.

Cosa ha fatto sì che Kevin si distinguesse come soggetto per un documentario?

DL: C’era così tanta chiarezza nella sua memoria. Quando parli con lui, è quasi come un one-man show. Si esibisce, fa delle imitazioni, ricorda piccoli dettagli. Avevo sempre visto Kevin in TV e in campo, ma vederlo recitare la sua vita davanti a noi era semplicemente fantastico.

Come è stato coinvolto Snoop Dogg?

DL: Ovviamente si conoscono, e penso che stessimo cercando qualcuno che fosse una superstar nella stessa epoca di Kevin, sai dai primi alla metà degli anni ’90. Erano una sorta di colleghi superstar che potessero discutere della convergenza tra l’hip hop e il basket. E dato che entrambi hanno fatto questo passo nel corso delle loro carriere, abbiamo pensato che sarebbe stata una grande scena. E vederli innamorati l’uno del mestiere dell’altro era una cosa pazzesca da vedere.

Quale parte della storia di K.G. pensi che avrà più risonanza sul pubblico?

IT: Non credo che le giovani generazioni si rendano conto dell’impatto complessivo che ha avuto, che ovviamente facciamo del nostro meglio per trasmettere nel film. Si tratta di passare dal liceo all’NBA quando nessuno l’aveva fatto per più di 20 anni e le circostanze in cui l’ha fatto. È l’NBA pre-salary cap, quando ha ottenuto quel contratto che ha cambiato la struttura finanziaria dello sport. È la trasformazione di questa posizione fisica e intensa di power forward dove aggiunge questo set di abilità dinamiche su entrambe le estremità del pavimento. E poi, naturalmente, sta formando il Big Three con i Celtics. Abbiamo cercato di intrecciare questi quattro pilastri senza essere troppo in vista, ma trova un altro – dimentica il basket, trova un altro atleta che abbia avuto questo tipo di impatto sul suo sport. Non ce ne sono molti.

Hai avuto qualche voce preferita nel documentario?

DL: Per me, ce ne sono stati così tanti. Ma direi che uno è l’allenatore Wolf Nelson, l’allenatore di Farragut, un grande personaggio e narratore. Quando l’abbiamo incontrato, siamo andati a Farragut il giorno prima dell’All-Star Game, e lui ha tirato fuori un borsone di nastri VHS. E disse: “Le ho conservate”. Era come una miniera d’oro. Ha letteralmente tirato fuori un borsone e ci ha buttato fuori i nastri VHS. Diceva: “Sì, queste sono state a prendere polvere per 20 anni”. Quando incontri qualcuno così, come regista di documentari, è come un momento a-ha.

C’è un giocatore NBA che vorresti seguire dopo?

IT: Sono stato davvero bloccato su come, dove si va da qui nel docu storytellng long-form quando si tratta di un altro giocatore di basket? Mettendo da parte il mio pregiudizio celtico, voglio assolutamente lavorare con Paul Pierce su qualcosa. I documenti per i giocatori attuali sono davvero difficili. Una cosa che ci piace sul lato Showtime è un focus sulle squadre che hanno avuto un impatto culturale. Ci sono state un sacco di squadre NBA dannatamente buone negli anni ’90 e nei primi anni 2000 che non hanno vinto tutto, ma erano dannatamente vicine. Ci sono un sacco di storie sotto la superficie.

“Kevin Garnett: tutto è possibile” debutta su Showtime il 12 novembre alle 20.00.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you