Asiatica Film Mediale

Joe Manganiello parla di ‘The Spine of Night’, giocando a Dungeons & Dragons

Joe Manganiello parla di ‘The Spine of Night’, giocando a Dungeons & Dragons
Erica

Di Erica

13 Novembre 2021, 22:02


Joe Manganiello ha dimostrato di poter cambiare forma nei panni del lupo mannaro Alcide in “True Blood” della HBO, e da quando la serie è terminata nel 2014, ha recitato in film come “Magic Mike XXL” e “Pee-wee’s Big Holiday”.

È anche riuscito a vivere un sogno d’infanzia diventando un consulente e designer per alcune delle sue proprietà fantasy preferite, lavorando con Hasbro e Dungeons & Dragons. In effetti, è stato per tutta la vita un fan di D&D – il gioco di ruolo da tavolo che ha avuto origine negli anni ’70, e continua ad essere un fenomeno, con il suo film, serie TV, videogiochi, action figure e linea di abbigliamento. Prima della pandemia di COVID-19, Manganiello ha ospitato una competizione settimanale nella cantina della sua casa a Los Angeles, con amici come Vince Vaughn e Tom Morello. E da allora, Manganiello ha trovato un modo per continuare a giocare con la sua squadra – virtualmente.

Il suo interesse per tutte le cose fantasy lo ha portato al suo ultimo progetto: “La spina dorsale della notte”. Il film horror animato per adulti ha debuttato in primavera al SXSW, ed è ora disponibile a noleggio sulle piattaforme VOD. Nel film, Manganiello dà voce a Mongrel, un assassino a torso nudo che brandisce un’ascia.

L’attore 44enne ha parlato con Variety su “The Spine of Night”, e su come il fandom dei fumetti si è evoluto da quando era un bambino di Pittsburgh. Ha anche approfondito i suoi ricordi di quando interpretava Flash Thompson in “Spider-Man” di Sam Raimi del 2002 – il film che ha dato inizio alla mania dei supereroi.

Guardare “The Spine of Night” mi ha ricordato i cartoni animati di “He-Man” degli anni ’80.

Anche io sono cresciuto con “He-Man”. Capisco quello che dici sullo stile dell’animazione. Penso che sia probabilmente perché hanno copiato un sacco di animazione ai tempi di “He-Man”, dove He-Man correva e correva allo stesso modo. Il rotoscoping può essere simile a quello. Per me, è più Ralph Bakshi “Wizards”, o il suo “Lord of the Rings” che ha animato. Per questo, hanno girato con un gruppo di attori che non eravamo noi e hanno passato circa sette anni ad animare, dipingendo ogni cellula prima di portarci dentro.

Cosa ti è piaciuto del film quando hai visto la prima versione?

Un horror psichedelico in rotoscopia. Voglio dire, andiamo! Mi hai convinto con “psichedelico”. Era un processo super-divertente, ed era qualcosa a cui mi sono subito buttato. Erano cose che mi eccitavano davvero da bambino, e mi eccitano ancora da adulto.

Come hai trovato la voce del tuo personaggio?

Non lo so. Questo tizio aveva i baffi, un mullet, un’ascia da guerra e nessuna camicia. È il più selvaggio assassino psicopatico che si possa immaginare. Penso che ci fosse una certa smarminatezza in lui. Non volevo renderlo questo grande, livido terrore. Sembrava più serpentino – come uno sciacallo, non un leone o un lupo.

E hanno pensato a te perché –

Penso che sapessero del mio lavoro nel genere fantasy, cioè Dungeons & Dragons e anche Hasbro – sono stato un game designer per loro. Ho aiutato a riprogettare questo gioco da tavolo chiamato HeroQuest; in pratica è “Dungeons & Dragons” in una scatola.

Sono stato assunto da Dungeons & Dragons, inizialmente, come consulente. Questo ha dato inizio ad un’amicizia con la compagnia, in cui ho poi avuto modo di scrivere trame per moduli di avventura, e creare personaggi che hanno portato ad action figure e giocattoli che vengono venduti nei negozi di giocattoli. Ho dovuto ridisegnare molti dei personaggi di Dungeon & Dragons e altre cose perché ho iniziato una linea di abbigliamento da strada – come se non fossi abbastanza occupato, credo. Ho anche gestito questo Dungeons & Dragons per celebrità di serie A a casa mia ogni venerdì sera, e ho trasformato la mia cantina in un dungeon. Penso che sia diventato parte della mia identità.

Hai ancora ospitato le partite durante la pandemia?

Quando la pandemia ha colpito e siamo andati tutti in quarantena, stavamo giocando dal vivo. Quel fine settimana, abbiamo rimandato e in realtà abbiamo giocato mentre io andavo a capire come funziona questo programma per computer dove puoi creare le tue mappe di dungeon e inserirvi i tuoi giocatori. Una volta capito come funziona, abbiamo iniziato a giocare online. Mi hanno convinto a fare due partite a settimana. E poi ci siamo resi conto che [COVID] non se ne andrà tanto presto. Ho dovuto ridurlo a una sera alla settimana. Ci vuole molto per prepararsi. È come prepararsi come regista a condurre un programma televisivo ogni venerdì sera – in diretta con i tuoi amici come protagonisti. Per me, ho iniziato a darmi da fare.

In che modo abbracciare “Dungeons & Dragons” ha cambiato la traiettoria della tua carriera?

Si tratta di fantasy più di ogni altra cosa. Quando stavo crescendo, era di nicchia. Le fumetterie non erano affollate. Era un piccolo pubblico di strambi. E ora le cose sono cambiate. A causa di questi film della Marvel, a causa di cose come “Games of Thrones”, il mainstream è stato indottrinato nella cultura fantasy.

Penso che far sapere pubblicamente alla gente che mi piace quella roba, probabilmente ha spento un sacco di donne e uomini che mi seguono su Instagram perché volevano foto a petto nudo. Penso che forse quelle persone hanno lasciato il mio feed di Instagram. È far sapere alle persone che contano che capisco queste proprietà. Sono una di queste persone che è uno scrittore, un creatore di contenuti e li capisco.

Lei era Flash Thompson in “Spider-Man” di Sam Raimi. Cosa ricordi di quando eri sul set di quel film?

Sapevamo tutti che era l’inizio dell’alba di qualcosa di diverso. Stavano spendendo più soldi su quel film di quanti ne fossero mai stati spesi. Avevano i più grandi produttori, i più grandi artisti degli effetti speciali. Fino a quel punto, era “Batman” di Tim Burton, era “Il Corvo”, era “Blade”, era “X-Men”. Tutti sono in pelle nera. Sono tutti girati di notte e molto scuri e al limite del gotico. Quindi quando vedi lo “Spider-Man” di Sam Raimi, è luminoso! È leggero! È un ragazzo al liceo. E indossava un vestito rosso e blu, non un vestito di pelle nera.

Cosa ne pensi dei nuovi film di “Spider-Man”?

Jon Watts è un mio ex socio produttore. Nell’universo di Raimi, Peter Parker è l’unico, non vive in un mondo di supereroi. Quello che mi è sembrato davvero geniale nei nuovi film di “Spider-Man”, il peso del personaggio è diverso. È un ragazzo che vive nell’era dei “Vendicatori” dove ci sono Iron Man e Thor e Capitan America. Non era l’unico. Penso che sia stata un’interpretazione davvero bella.

In un’intervista all’inizio di quest’anno hai detto che hai rifiutato un film Marvel, ma non hai voluto dire quale. Ti piacerebbe farne uno alla fine?

Non è che ho rifiutato un film Marvel. È più il fatto che la mia programmazione non mi avrebbe permesso di girare quel film Marvel. Questo è successo anni fa. Spero davvero che ci sia qualcosa in futuro che possa fare.

Che ne dici di un terzo film di “Magic Mike”? Lo faresti?

Ho già risposto a questa domanda e ho detto di no. Il mio personaggio si è ritirato. Ascolta, mi sono divertito un sacco. Il più divertente che abbia mai girato un film è stata la parte 2, “Magic Mike XXL”. E probabilmente la seconda è stata la Parte 1. Sono passato a fare altre cose, ma li amo tutti e auguro loro molta fortuna. E non vedo perché non dovrebbero fare una Parte 3.

Questa intervista è stata modificata e condensata.




Potrebbe interessarti

Weronika Bilska sulla “Marilyn Monroe polacca”, l’amore per il cinema personale
Weronika Bilska sulla “Marilyn Monroe polacca”, l’amore per il cinema personale

Soprannominata la “Marilyn Monroe polacca”, la defunta attrice e cantante Kalina Jędrusik elettrizzava il pubblico della Repubblica Popolare Polacca con i suoi abiti azzardati, la sua performance nel film di Andrzej Wajda, nominato agli Oscar, “La terra promessa” o la sua relazione non convenzionale con il marito, lo scrittore Stanisław Dygat. Ma “Autumn Girl” – […]

Recensione di ‘Juice WRLD: Into the Abyss’: Il compianto rapper racconta la sua storia
Recensione di ‘Juice WRLD: Into the Abyss’: Il compianto rapper racconta la sua storia

La morte prematura di Juice WRLD due anni fa non ha fatto molto per spegnere la sua fiorente celebrità, anzi, è proprio il contrario. Come dimostra l’esistenza stessa del documentario di Tommy Oliver “Juice WRLD: Into the Abyss”, l’impatto del rapper su coloro che lo circondavano – per non parlare delle sue legioni di fan […]